Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 30 giugno 2016

PROBLEMI INTESTINALI E DIFFICOLTÀ A GESTIRE IL PESO FORMA


LETTERA

DA FEBBRAIO NIENTE PIÙ CORSA PER INFIAMMAZIONE INVALIDANTE

Buongiorno Valdo, Grazie per il suo incessante lavoro di assistenza. Lei è un faro nel mondo dell'alimentazione! A febbraio 2015 ho deciso di prendere in mano la mia salute dopo aver dovuto smettere di correre per un'infiammazione davvero invalidante del piriforme sotto il gluteo destro, che poi scendeva a cascata sulla sciatica. 

APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO EHRET

Ho letto il libro di Ehret, Alimentazione senza muco e ho cominciato il suo protocollo. Niente colazione, solo liquidi caldi, solo tisane, acqua e limone, o solo acqua ionizzata messa a bollire per 20 minuti-), pranzo di sola frutta acquosa, e cena tra le 18 e le 19 con frutta ancora (in quantità minore del pranzo) e un'insalatona di verdure miste tra cui carote, sedano, cetriolo, peperone verde, qualche pomodorino, cipolla, asparagi verdi e una varietà di insalata a foglia verde. Ho dovuto aggiungere a questo regime alimentare l'assunzione di una bustina di aminoacidi al giorno pari a 5 gr (quelli della Guna "Gunammino") perché i miei capelli hanno cominciato a cadere in quantità imbarazzante. Se anche ora salto una assunzione il giorno dopo mi sveglio coi capelli molto deboli e spenti. Cosa che per me è motivo di malumore e depressione.

RIACQUISIZIONE PESO NON APPENA ASSUMO DEL CIBO IN PIÙ

Fino a pochi mesi fa tutto bene, nel senso che ho raggiunto una magrezza ideale. Poi si è bloccato qualcosa nel mio metabolismo. Qualsiasi cosa che mangio in più rispetto a questo plateau mi provoca aumento di peso e densità di massa corporea come se avessi ingerito molto più cibo, con incremento di quasi di mezza taglia da un giorno all'altro!

LA RIPRESA DI NUOTO E CAMMINATA VELOCE MI AIUTA POCO

Cosa succede? Come mai? A cosa è dovuta questa reazione? Durante la settimana mi alleno sia col nuoto (2000 mt di media) oppure vado a camminare veloce ma questa attività mi aiutano di poco a recuperare l'aspetto asciutto e longilineo dell'anno scorso. Continuo a sputare muco e schiuma che mi sale in gola durante il giorno. Questo è un po' intralciante oltre che imbarazzante.

LAVAGGI EPATICI ED IDROCOLON

Finora ho eseguito 6 lavaggi epatici col protocollo di Andreas Moritz. L'anno scorso ho eseguito un idrocolon per ognuno di questi lavaggi. Quest'anno non me lo posso permettere quindi non ci sono riuscita. Ma a svuotare l'intestino ho ancora sempre difficoltà nonostante tutto questo. La prego mi aiuti con la gestione del peso. Confido in una sua risposta! Grazie.
Letizia 41 anni

*****

RISPOSTA

IL SINTOMO PONDERALE SI DEVE AGGIUSTARE DA SOLO

Ciao Letizia. Il sistema igienistico non è una dieta e non pratica nemmeno politiche di aggiustamento peso o di dimagrimento. Il peso in più o in meno rappresenta un sintomo di qualche alterazione ormonale o metabolica e, nella filosofia Health Science, i sintomi non si toccano. Si può dunque agire soltanto contro i fattori causanti. Il peso poi si aggiusterà e ritroverà il suo equilibrio man mano che uno sta meglio e che ritrova il suo equilibrio salutistico.

LASCIAMO DA PARTE GLI SCHEMI FISSI

L'equilibrio non si ritrova mai seguendo degli schemi fissi, si chiamino essi Ehret o Moritz o altro, ma seguendo piuttosto le buone regole. Per l'obesità e il sovrappeso valgono i principi delle leggi naturali previsti per ogni anomalia. La malattia (leggi il sovrappeso) insorge solo quando serve e dura solo finché necessario.

QUANDO C'È LA FRUTTA OCCORRE FARE IL PIENO

Pur rispettando Arnold Ehret, non condivido affatto l'idea di saltare la colazione assumendo acque scaldate e tisane mattiniere. Molto meglio a mio avviso alzarsi presto ed optare per dei succhi freschi e carichi di vitalità e alta vibrazione Angstrom sulla scala Simoneton, sempre oltre la uota minima dei 6500 A° e sempre verso l'infrarosso.

DIGESTIONI EFFICACI E A COSTO ENZIMATICO ZERO

Per tornare al peso forma occorre digerire bene a costi digestivi-enzimatici minimi, privilegiando la frutta acquosa, soprattutto quando la stagione ce la offre a piene mani. Ovvio che non devono mancare cereali senza glutine, semini, frutta da guscio, avocado, germogli, alghe e germe di grano.

SERVE VITALITÀ E FORZA ELETTROMAGNETICA

Se il lungo inverno ci ha limitati agli agrumi, ai kiwi e alla frutta stanca e povera di energia vitale, proprio adesso occorre darci dentro con risorse cariche di sole e di forza elettromagnetica, oltre che della preziosa acqua biologica che serve a movimentare e a rinnovare i liquidi del nostro corpo.

PER UN SEMESTRE ESTIVO-AUTUNNALE ABBIAMO A DISPOSIZIONE OTTIME RISORSE

Nulla di meglio che ricorrere a ciliegie e fragole, a ribes e uva spina, a lamponi e mirtilli, a more e nespole, a pesche e albicocche, ad angurie e meloni, a uva e mele precoci, ai fioroni dei fichi, alla cura dell'uva tra un paio di mesi. Se non si approfitta adesso di queste fantastiche risorse, mi chiedo quando mai lo si può fare. Non siamo affatto nella fascia tropicale-equatoriale, dove ci sono centinaia di formidabili alternative tutti i giorni dell'anno!

IL CICLO CIRCADIANO MATTINIERO VA SFRUTTATO AL MEGLIO

Visto che la frutta acquosa va consumata a stomaco vuoto e lontano dai pasti, il momento migliore per gustarla e assimilarla è proprio nella mattinata, durante il ciclo circadiano ripulitivo che va dalle 4 alle 12, e verso il tardo pomeriggio. Prima che la stagione specifica finisca, suggerisco quasi un kg di ciliegie al giorno e mezzo kg di fragole o di frutti di bosco al giorno, con abbondante succo di limone. Il succo di pompelmo giallo va bene tutto l'anno come stimolante della sazietà e riduttore dell'appetito.

VERDURE FRESCHE E BEN MASTICATE COME PRIMO PIATTO D'ESORDIO

Le verdure crude poi si consumano in abbondanza e previo lenta masticazione, come piatto di esordio a pranzo e cena, seguite da un secondo piatto di cotto a piacere con poco o niente sale, sempre rispettando le magnifiche regole del vegeto-crudismo tendenziale sostenibile e personalizzato. Inserire tra lattuga e ravanelli, o tra radicchio e pomodori, alcune foglie di rucola e alcune punte di crescione, Ottima l'insalata di cavolo, con cetrioli e cipolla. Se si amano i succhi, ideali quelli con 4 carote, 1 costa di sedano e una fetta di ananas, più pizzico di peperoncino o di zenzero. Oppure bietole rosse e patate dolci e topinambur al posto delle carote. Per ottenere un effetto lassativo e anti-stipsi, basterà aggiungere in centrifuga o nell'estrattore qualche pezzetto di aloe o una mezza patata cruda.

QUALITÀ STREPITOSE SONO RACCHIUSE NELLE RISORSE DI MADRE NATURA

L'ananas, con la sua bromelina, aiuta reni e tiroide. Il sedano favorisce le funzioni intestinali essendo diuretico, carminativo, disintossicante e rimineralizzante. L'asparago è ottimo per la funzionalità renale. Il cavolfiore detossifica al pari di tutte le crocifere. Il carciofo è amico speciale del fegato, ovvero del motore di tutto il metabolismo. Cipolla e porro abbondano in allicina, regolatrice e disinfettante intestinale. Verza, cavolo e crescione velocizzano il metabolismo.  Il radicchio, pecie quello rosso,è un eccellente toccasana per l'intero organismo. Il finocchio serve a facilitare la digestione e a contrastare il meteorismo e il gonfiore addominale.

NON TRASCURARE LE ERBE DI CAMPO

Tarassaco, acetosa, valeriana, amaranto, e le tante altre erbe di campo completano il quadro delle risorse vive da privilegiare nella dieta. Per calare di peso servono cibi vivi, vibranti, vitali, innocenti e digeribili. Occorre digerire bene e digerire rapido, se vogliamo usufruire di un sangue fluido e scorrevole. Niente lavaggi ed idrocolon, ma stili di vita corretti e compatibili.

SANGUE SCORREVOLE E ORGANI BASILARI FUNZIONANTI A DOVERE

È la corretta formula del sangue, accoppiata a funzionalità epatica-renale-ghiandolare-immunitaria, che garantisce il giusto Milieu Interieur, il giusto ambiente biochimico interno, e quindi un ottimale livello di salute e di benessere. Chiaro che ogni organo ed ogni valvola hanno la loro importanza, essendo il corpo un sistema unico e integrale operante in sinergia e non a compartimenti stagni. Essenziale muoversi, camminare, nuotare, pedalare, respirare, traspirare, sudare, prendere sole in abbondanza.

Valdo Vaccaro




mercoledì 29 giugno 2016

RENE SOTTODIMENSIONATO, CISTI BOSNIAK-4 E ANGOSCIE MEDICHE SUL CANCRO


LETTERA

NON MI SONO MAI SENTITO MEGLIO IN VITA MIA

Egregio dr Vaccaro, mi chiamo Simone Venturini. Anzitutto sto benissimo, mai sentito meglio in vita mia! So di avere un rene destro di dimensioni ridotte e, da un mese, ho scoperto anche una cisti definita complessa (dicono Bosniak 4) al rene sinistro. 

RENE DESTRO PIÙ PICCOLO

Ho iniziato così il calvario dei consulti chirurgici, uno più allarmante dell'altro. Il problema, secondo loro ma non secondo me, è il rene destro che, essendo più piccolo, non garantirebbe la funzionalità renale qualora, a causa di complicazioni chirurgiche, si dovesse ricorrere all'asportazione del rene sinistro. 

ASSUNZIONE DI ZYLORIC E DI UN IPNOINDUTTORE

Ho letto con grande interesse i suoi articoli e credo fermamente che una dieta come da quella da lei indicata possa risolvere problemi come il mio. Io non voglio assolutamente correre anche il minimo rischio di perdere il rene sinistro. Tra l'altro le analisi del sangue hanno valori assolutamente non allarmanti: creatinina sempre tra 1.2/1.5, proteinuria intorno a 500 mg, acido urico intorno a 7.5. Attualmente prendo lo Zyloric 100 mg ed anche un ipnoinduttore per dormire.

NON LA MALATTIA MA È L'ANGOSCIA AD UCCIDERE

Io e mia moglie veniamo da settimane di terrore diagnostico. Io sono un Biblista, ebraista ed ho scritto diversi libri dove parlo dei sensi spirituali. So che è l'angoscia e non il tumore, a uccidere veramente. Per questo il suo approccio mi interessa molto. Cosa mi consiglia?
Simone 

*****

RISPOSTA

IL TUO È UN MESSAGGIO CHIARO E INTELLIGENTE

Ciao Simone. Le tre cose essenziali che emergono dal tuo messaggio sono 1) Che stai bene, 2) Che ad ogni buon conto tutti i valori fondamentali lo confermano, 3) Che hai una eccellente preparazione sul fattore mentale, per cui non è il tumore ma sono l'angoscia e il panico quelli che continuano ad uccidere la gente.

ANGOSCIA E PANICO SONO I VERI KILLER

Ma angoscia e panico non sono dei soggetti pensanti. Si tratta solo di sentimenti negativi. Occorre dunque capire chi è che li procura e li ingenera, chi è che li fabbrica e perché lo fa. Nel campo della sanità pubblica tutti noi sappiamo che andare da un medico significa, salvo rare eccezioni, ritrovarsi con le pive nel sacco. Che si chiami studio, ambulatorio oppure ospedale, entri da sano ed esci da malato grave. Non è solo una questione di odore di sostanza chimica. È proprio una scelta strategica che la Medicina impone ai suoi generali in camice. L'obiettivo dichiarato è quello di spaventare a morte il paziente, procurargli angoscia e sfiducia in se stesso, renderlo, docile, arrendevole e remissivo, privo di domande e di obiezioni, obbediente a qualsiasi direttiva e a qualsiasi intervento dettato dall'autorità sanitaria.

LIBERARSI AL PIÙ PRESTO DAI FARMACI ASSUNTI

Nessuna meraviglia che anche in presenza di persone preparate e qualificate, come nel caso vostro, la paura e l'insicurezza abbiano il sopravvento. Solo così posso giustificare la vostra assunzione di Zyloric e di farmaci ipnoinduttori. Lo Zyloric abbassa il tasso di acido urico nel sangue e nelle urine, contrastando gotta, ipeuricemia, litiasi e presenze di urati. Ma procura pure pesanti effetti collaterali, specie nei sofferenti di sindromi renali ed epatiche. Si parla infatti di vertigini, sonnolenza, vasculiti, ipertensione, epatotossicità, parestesie e neuropatie. Quanto ai farmaci ipnoinduttori, ovvero agli ansiolitici e ai tranquillanti, si parla di assuefazione, di dipendenza, di astinenza, di stordimento, di riduzione nelle performance cognitive e muscolari.

ESISTONO OTTIME ALTERNATIVE NATURALI

Per l'acido urico ci sono diverse risorse naturali. Mi riferisco a: acetosa, ananas, asparago, bietola, carciofo, carota, cavolo, cetriolo, cicoria, fagiolo, fragola, lampone, lattuga, melone, nespola, oliva, pera, pomodoro, porro, prezzemolo, prugna, rafano, rapa, ravanello, ribes, sedano, tarassaco, topinambur, uva. L'insonnia dopotutto si contrasta con gli alimenti crudi, col magnesio che favorisce il sonno naturale e si trova nelle mandorle, nelle noci, nei pinoli, nei semini oleosi, nei mandarini che sono pure ricchi di bromo. Altri alimenti sonno-induttivi? Albicocche, avena, cavolo, lattuga, mela, pesca, zucca.

COSA SONO LE CISTI RENALI

L'altro allarme appare più disturbante nel senso che crea incertezza ed insicurezza, esattamente nei termini da te citati a proposito dell'angoscia che bersaglia e bastona più del cancro. Esso riguarda la ciste che ti hanno diagnosticato. Le cisti renali vengono classificate in semplici o complesse a seconda che siano bolle uniche o multiple che interessano più aree dell'organo e, in questo secondo caso, possono avere le stesse caratteristiche di tumori cosiddetti maligni del rene.

PATOLOGIE EREDITATE DALLA NASCITA OPPURE ACQUISITE NEL CORSO DELLA VITA

Le cisti renali sono formazioni grossolanamente sferiche, a contenuto liquido, che si sviluppano nel contesto del parenchima renale. Possono far parte di patologie ereditarie, come nel caso della malattia del rene policistico in cui le cisti sono presenti dalla nascita, oppure essere acquisite, sviluppandosi cioè nel corso della vita. Gli studi autoptici hanno dimostrato che le cisti renali sono molto frequenti, presentandosi in più del 50% dei soggetti oltre i 50 anni di età. Le cisti renali acquisite sono raramente sintomatiche, per questo motivo nella maggior parte dei casi vengono individuate casualmente durante esami radiologici, come ecografia e tac, eseguiti per altri motivi. Maggiore è l'età, più frequente è il riscontro di cisti renali acquisite.

CISTI SEMPLICI SULLA PARTE CORTICALE

Le cisti sono definite semplici quando si sviluppano a partire dalla corticale del rene (cioè dalla parte più esterna), sono di forma sferica ed ovale, hanno profili ben definiti, pareti sottili e contenuto liquido omogeneo di densità simile alla normale acqua. Possono essere di varie dimensioni, da pochi mm a oltre 15 cm, e circa un quarto di esse tende ad aumentare di dimensioni con il tempo, soprattutto nei soggetti giovani. Si stima che la crescita media del diametro sia di 1.6 mm all’anno e le cisti renali semplici possono arrivare a raddoppiare il loro volume in 10 anni.

CISTI SINTOMATICHE DA EMORRAGIA,INFEZIONE O ROTTURA

Occasionalmente possono diventare sintomatiche, provocando dolore al fianco, disturbi addominali, ematuria o sangue nelle urine. Questo può essere il risultato dell'aumento di dimensioni della cisti oppure dell'insorgenza di una complicazione. Le complicazioni sono rare (2-4%) e consistono in emorragia, infezione o rottura della cisti. L'emorragia può essere determinata da un trauma, dal semplice aumento delle dimensioni oppure da un problema di coagulazione del soggetto. Le cisti emorragiche si risolvono autonomamente col tempo, ma possono residuare calcificazioni, setti, ispessimenti delle pareti che configurano le caratteristiche di una cisti complessa. Anche l'infezione di una cisti semplice può risolversi esitando nella modifica dei suoi aspetti morfologici.

BOSNIAK 1-2 SEMPRE BENIGNE E BOSNIAK 3 CON PICCOLA PERCENTUALE DI MALIGNITÀ

Dal 1986 le cisti renali vengono classificate attraverso la valutazione di criteri di tipo morfologico (visibili attraverso la TAC con mezzo di contrasto) denominata Bosniak, una classificazione aggiornata nel 2003. In base a questo sistema diagnostico le cisti definite Bosniak 1 e 2 sono sempre benigne, semplici le prime e con qualche sottile setto le seconde, piene di liquido più o meno denso.
Le cisti Bosniak 3F sono simili alle Bosniak 2 ma con qualche calcificazione e contenuto più denso. Nel 5-10% dei casi queste cisti sono maligne.

BOSNIAK 4 COMPLESSE MALIGNE AL 50% E BOSNIAK 4 RENALI SEMPRE MALIGNE

Le cisti complesse Bosniak 4 sono neoformazioni indifferenziate che assorbono il mezzo di contrasto della TAC. Queste cisti nel 50% dei casi sono maligne, pertanto quando vengono individuate necessitano di una ulteriore indagine diagnostica chirurgica. Infine le cisti renali Bosniak 4 sono lesioni sempre e solo maligne, che vanno rimosse chirurgicamente quanto prima, salvo diversa indicazione.

UNA GENIALE RISPOSTA MEDICA ALLA QUESTIONE DEL RENE SOTTODIMENSIONATO

Per quanto concerne un rene più piccolo, trovo molto intelligente la risposta data dal dr Arrigo Schieppati, dirigente nefrologo al Giovanni XXIII di Bergamo, a una ragazza che lamenta su internet lo stesso tipo di problema. "La scintigrafia documenta che la funzione renale è nel complesso normale. Anziché essere sostenuta in modo più o meno uguale dai due reni, come normalmente avviene, essa è sostenuta prevalentemente (per il 79%) dal rene sinistro. Il rene destro, pur piccolo, un suo modesto contributo lo dà, per il 21%, che è poco, ma non è zero. La somma è il 100%". 

CI SONO MEDICI E MEDICI: SINCERI COMPLIMENTI AL DR SCHIEPPATI

"Una delle cause del rimpicciolimento del rene è il restringimento dell'arteria renale. Questa condizione determina aumento della pressione arteriosa. Per questo motivo è importante che lei misuri la pressione arteriosa. Quanto alle precauzioni per per preservare il rene sinistro, è importante continuare a condurre uno stile di vita sano, e a seguire un'alimentazione attenta al consumo di sale e alle troppe proteine animali eventualmente assunte". Complimenti al dr Schieppati. È la conferma vivente che non si deve fare di ogni erba un fascio. Non tutti i medici appartengono evidentemente al
filone del panico e dell'angoscia.

GLI SCHEMI CANCEROGENI DELLA MEDICINA SONO ABBONATI AL CONCETTO DI MALIGNITÀ

Ma nel caso delle Bosniak, la medicina conferma tutte le sue caratteristiche per intero. Quando si parla di cancro non si fanno sconti e abbuoni a nessuno. Troppo alta la posta in gioco. Ho semplicemente riportato il succo di quanto viene affermato su internet, e devo dire che, a questo punto, provo maggiore comprensione per il tuo ipnoinduttore. Chiunque legga lo schema scellerato chiamato Bosniak si ritroverebbe in balia del panico e dell'insonnia.

HERBERT SHELTON RIMANE DI STRAORDINARIA ATTUALITÀ

E allora ti voglio dare una piccola ma significativa consolazione. Una vera e propria perla. Le parole di Shelton non subiscono processi di obsolescenza, ma valgono più che mai. Ogni anno i medici guariscono un gran numero di casi di cancro primario che nulla hanno di canceroso. Essi ci insegnano che una certa cosa indefinibile chiamata cancro comprare d'improvviso in qualche parte del corpo senza alcuna provocazione e senza alcuna causa. L'imbonimento medico dice che il cancro è un effetto dalla causa insondabile. Questo fatto costituisce la fragrante confessione di una impotenza e di una ignoranza stridenti ed arroganti.

NEL CANCRO, IL NOME DEL GIOCO DI CHIAMA APPRENSIONE ED INQUIETUDINE

È così che i medici americani affermano di guarire ogni anno 70 mila cancerosi, non eliminando la causa del male, bensì distruggendo il tumore mediante bisturi, radio e chemio. Non sarà certo questo genere di mendace pubblicità ad impressionarci! Allo stato di salute ridotta da ispessimento tessutale e da intasamento venoso, va ad aggiungersi la propaganda della paura ed il gran chiasso che si fa sui 7 segnali di pericolo. Disgrazia su disgrazia. In questo caso il nome del gioco infame si chiama apprensione ed inquietudine, sentimenti che riducono l'energia nervosa del malcapitato. Le vittime entrano in uno stato di sgomento tale da farle precipitare a testa bassa dal medico o dal chirurgo che sguaina il proprio bisturi o lancia una bordata di raggi X o una ondata di veleni scarnificanti.

TUMORI BENIGNI TRASFORMATI SPESSO IN MALIGNI

Non è raro che i tumori benigni siano trasformati in maligni. Il cancro è considerato soltanto una escrescenza prodottasi sul corpo, una anomalia locale che è possibile asportare con il bisturi, ed è su questa idea che si basa la terapia medica. Nessuno va oltre a pensare che il cancro è una sepsi, un avvelenamento da sostanze putride risultante dalla disintegrazione e dalla decomposizione dei tessuti. Nessuno pare rendersi conto che il cancro è uno stato di avvelenamento settico e che la morte da cancro è morte da avvelenamento. Se si vuole prevenire il cancro, occorre dedicare attenzione particolare alla abitudini che causano enervazione e tossiemia, dalle quali derivano tutte le manifestazioni patologiche.

SOPPRESSIONE GENERALIZZATA 

Si ha sempre più tendenza a considerare tutti i tumori come maligni, o come suscettibili di diventarlo.
Si tende a distruggerli sulla base di un semplice sospetto. Vale la mentalità di Erode. Non sapendo quali tumori siano maligni e quali no, li distruggono tutti, nella speranza che tra essi si trovino quelli maligni. La pronta e precoce individuazione del cancro, sulla quale la propaganda medica fa tanto rumore, è lungi dall'essere importante quanto la ricerca della sua vera causa e la soppressione della stessa. Per i medici, una pronta individuazione sottintende una pronta operazione. Un corpo professionale che confessa la sua ignoranza sulla causa del banale raffreddore, e che è incapace di risolvere una semplice costipazione o una indigestione, non può essere ovviamente in grado di districare uno stato patologico complesso quale il cancro. 

GRIDA DI ALLARME E RIMOZIONE DEL SINTOMO

Le grida allarmistiche sui pretesi segni premonitori possono solo spingere un numero crescente di persone a farsi operare, a farsi rimuovere il sintomo maledetto senza la minima necessità, mentre la causa reale del cancro se la ride apertamente di un corpo sanitario cieco e vittima delle proprie illusioni e di un pubblico ignorante, spaventato e male informato. Il vasto e straripante movimento di propaganda pro-asportazione riempie le casseforti di medici e chirurghi, colma gli ospedali di invalidi e manda prematuramente al cimitero molta gente.

LE OPERAZIONI ABBREVIANO LA VITA

Sono almeno 100 anni che medici e chirurghi sanno che le operazioni chirurgiche abbreviano la vita dei cancerosi. Sanno anche che chi non si sottopone ad alcun trattamento medico vive 4 volte di più di chi subisce il bisturi. Che i medici si considerino capaci di guarire una malattia la cui causa non è loro nota, lo ammettono apertamente.

ALLEGGERIRE IL FARDELLO TOSSICO

I cancerosi debbono prima di tutto alleggerire il fardello tossico che grava sul loro organismo. È assurdo infatti aggiungere alle proprie disgrazie un peso ancora più insostenibile, fatto di veleni, di radiazioni distruttive e di operazioni chirurgiche. Per la medicina la malattia è sempre un attacco esterno. Non si è mai liberata dell'errore medievale di dare battaglia al male. La confraternita dei medici fa la guerra al male. Non cerca di vincere il male con il bene, ma lo combatte con mali ancora più insidiosi. Fa la guerra a un nemico immaginario. La causa patogena che il medico identifica ha sempre un'esistenza indipendente dall'organismo, si tratti di spirito maligno, di microbo patogeno, di virus inanimato. Questa causa morbosa immaginaria deve essere distrutta a colpi di mitraglia.

NON ESISTONO FACILI SCORCIATOIE

Quando si è praticato un modo di vivere tale da generare enervazione e tossiemia, con un profondo sconvolgimento del processo nutritivo e del metabolismo cellulare, non esiste rimedio nella chimica. Nessun super-medicinale, qualunque esso sia, ha il potere di porre rimedio ai danni funzionali ed organici che sono la ineluttabile conseguenza di una esistenza vissuta male. Trattare gli effetti ignorando la causa, sopprimere una evidenza finale trascurando tutti gli stadi che la hanno preceduta, risolvere provvisoriamente dei sintomi invece di curare l'organismo nel suo insieme: ovvio che tali metodi siano sempre seguiti da clamorosi fallimenti.

LA GENTE CREDE TUTTORA NELLA MAGIA

I sedicenti rimedi anticancerosi, le procedure più avanzate sul cancro, vengono accolte favorevolmente dal pubblico perché esso è altrettanto ignorante sulle leggi della vita e della salute, quanto i seguaci delle varie scuole di guarigione, mediche e non mediche. Il pubblico in fondo continua a credere alla magia. È convinto che esista la possibilità di allestire una formula magica capace di ristabilire la salute senza eliminare prima la causa vera della malattia. Non ha ancora percepito il controsenso, l'assurdità e l'idiozia implicite nella espressione "guarire una malattia".

RUOLO LIBERATORIO DEL MOVIMENTO IGIENISTA

Il Movimento Igienista, il cui obiettivo principe è quello di divulgare la conoscenza delle leggi della vita e della salute, la natura e le cause delle malattie, è il solo capace di liberare l'umanità intera dal giogo millenario dei guaritori, di tutti i guaritori!

IL CONTROLLO INTELLIGENTE DEL CORPO UMANO

La parola autolisi significa auto-perdita e denota un processo di disintegrazione dei tessuti. Trattasi di un processo di autodigestione intracellulare grazie a enzimi proteolitici come l'ossidasi e la perossidasi. Il fenomeno del digiuno fornisce un ottimo esempio del controllo intelligente che il corpo esercita sui meccanismi autolitici. I tessuti vengono perduti nell'ordine inverso a quello della loro utilità. Prima le acque di ritenzione, poi i grassi e le escrescenze morbide, poi gli altri tessuti. Questo è un esempio lampante di lavoro costruttivo che l'organismo è in grado di compiere durante l'astensione alimentare.

IL MECCANISMO DELL'AUTOLISI

Del resto, l'animale gravemente ferito rifiuta di mangiare, senza che nessuno glielo abbia insegnato o imposto. Grandi quantità di sangue vengono dirette sul punto della ferita. Il sangue è l'agente distributore in tutte le forme superiori di vita. L'animale che digiuna ricava dalle proprie risorse interne il materiale necessario a riparare i suoi tessuti strappati, tagliati o rotti. Il corpo non è solo in grado di ripartire le proprie scorte nutritive, ma può anche ridistribuirle mediante l'autolisi. Questa capacità è comune a tutte le forme di vita. Il processo autolitico può essere di grande utilità pratica, per sbarazzarsi dei tumori e di altre crescenze. I tumori, qualunque nome abbiano e dovunque si trovino, sono fatti di carne, sangue ed osso, per cui sono soggetti alla disintegrazione autolitica.

REMISSIONE CONTROLLATA DELLA MALATTIA

In un  certo numero di tumori maligni è stata rilevata la remissione spontanea. In altri tumori la scomparsa viene associata a un processo febbrile acuto. Ma in questi casi si tratta di sparizione accidentale, non rientrante nei limiti del controllo volontario. Il digiuno invece può essere deciso e seguito sotto il nostro controllo, in qualsiasi momento. La febbre è un processo curativo, ma non aiuta ad eliminare la causa del tumore. Al contrario, il digiuno aiuta moltissimo a conseguire tale risultato.

VANTAGGI RISPETTO ALL'ABLAZIONE CHIRURGICA

L'eliminazione dei tumori mediante autolisi presenta grandi vantaggi sulla asportazione chirurgica. La chirurgia è sempre pericolosa, mentre l'autolisi è un processo fisiologico privo di rischi. La chirurgia riduce sempre la vitalità ed aumenta la perversione metabolica che è alla base del tumore. Al contrario, il digiuno, grazie al quale la depurazione e l'autolisi vengono accelerate, normalizza la nutrizione e permette l'eliminazione delle tossine, consentendo così la soppressione radicale della cause tumorali. Dopo l'asportazione chirurgica i tumori tendono a tornare come recidive. Non così succede con l'eliminazione autolitica.  

SOPPRESSIONE FISIOLOGICA DELLA  MALIGNITÀ 

I tumori tornano spesso in forma maligna dopo la loro ablazione chirurgica. Al contrario, la loro tendenza a diventare maligni viene soppressa dal digiuno. In America ed in Europa, migliaia di tumori sono stati autolisi durante gli ultimi 50 anni (il testo Tumori e Cancri scritto da Shelton risale al 1960) e, l'efficacia di tale metodo è fuori di alcun dubbio. A volte, nel caso ti tumori molto grossi, non basta un solo digiuno ma serve una serie di digiuni.Generalmente i tessuti buoni si esauriscono meno rapidamente di quelli cattivi. In altre parole il tumore creperà prima del corpo.

NOTE IMPORTANTI A MARGINE DEL DIGIUNO

Quattro osservazioni importanti. 1) Medicinali, iniezioni, purghe e sostanze stimolanti o calmanti sono pericolosi e nocivi durante il digiuno. 2) Il digiuno deve essere interrotto non appena tornano forti gli stimoli di fame, ed occorre farlo lentamente, con piccole dosi di frutta o di succhi freschi di frutta. È controproducente fare in altri modi. 3) Le crisi nel corso del digiuno, o anche dopo di esso, sono benefiche e disintossicanti. Bisogna accettarle con gioia, senza cercare di sopprimerle o di curarle. 4) Durante il digiuno bisogna stare a letto, in massima conservazione delle proprie risorse caloriche.

Valdo Vaccaro