Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona il box in alto "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

mercoledì 30 novembre 2011

SORRISI IRONICI E IL VIRUS B12 NEL CRANIO

LETTERA

LO SCETTICISMO E GLI SGUARDI DI COMPASSIONE

Egregio Valdo, Ho 53 anni e La seguo con entusiasmo da diversi mesi e da poco ho iniziato la lettura del libro "Alimentazione Naturale". Qualche volta cerco di consigliare a mia figlia e ai miei amici di mettere in discussione il loro regime alimentare basato su carne, pesce, formaggi e compagnia bella. Naturalmente mi guardano con scetticismo e rispondono con sorrisi ironici.

LE SEGNALO UN BUON ARTICOLO DI CARLO MARTINI SULLA NUTRIZIONE VEGAN

Comunque mi permetto di indicarLe un articolo interessante a questo link:
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9427
RingraziandoLa per il suo lavoro invio i più sinceri saluti.
Sandro

*****

RISPOSTA

GRAZIE PER L'IMPEGNO E PER L'ALLEGATO

Ciao Sandro, grazie per l'entusiasmo ed anche per il tuo impegno promozionale nei riguardi delle nostre universali verità.
Ho letto l'articolo di Martini, pubblicato sul blog "Come Don Chisciotte".
L'articolo sarebbe buono, onesto e trasparente, nel senso che riporta semplicemente i dati di due ricerche biomediche condotte in Gran Bretagna (Epic-Oxford) e in Stati Uniti-Canada (Adventist Health Study 2).

INFIMO LIVELLO CULTURALE DELL'UNIVERSITA' DI OXFORD SULLA NUTRIZIONE

Entrambi gli studi, avviati di recente e ancora in corso di svolgimento, sono focalizzati sulle differenze tra onnivori e vegetariani, con specifica attenzione al dualismo vegetariano-vegano. Differenze misurate sulla base delle patologie basilari (cancro e cardiopatie) registrate nei tre gruppi campione analizzati.
Perché ho detto sarebbe? Perché contiene purtroppo, e la colpa non è forse di Martini ma del materiale che ha esaminato, elementi disturbanti e demenziali che evidenziano quanto scandalosamente infimo sia il livello culturale dell'Università di Oxford in tema di nutrizione, dove, arrivati nell'anno 2011, non si sanno ancora distinguere i minerali organicati dai minerali duri delle acque, invocati dagli analfabeti inglesi a rinforzo delle ossa dei vegani.
E dove, sulla B12, non si sa fare meglio che obbedire ai dettami della Pfizer, della FDA e di Big Pharma, dando credito ai range ufficiali, manipolati dalla FDA stessa, e ignorando del tutto gli imbrogli imbastiti intorno a questa incredibilmente inutile, dannosa, corrompente e instupidente vitamina.

I VEGAN RISULTANO SEMPRE, COMUNQUE E DOVUNQUE I PIU' SANI, ANCHE IN GRAN BRETAGNA

Nell'esperimento inglese i partecipanti complessivi erano 65000, con 24987 vegetariani e 2162 vegan.
A confronto con onnivori, pescetariani e latte-ovo-vegetariani, il gruppo vegan è risultato quello di gran lunga più sano, con più bassi livelli di sovrappeso ed obesità (studio Spencer 2002), con più bassi livelli di costipazione (studio Sanjoaquin 2004), con più bassi livelli di ipertensione (studio Appleby 2011), con più bassi livelli di diverticolite (studio Crowe 2011).

NULLA DI NUOVO. A CAMBRIDGE SI ERA GIA' DIMOSTRATO NEL 2000 CHE COL FIVE-PER-DAY SI AZZERAVANO CANCRI E CARDIOPATIE.

Per le malattie cardiovascolari, pur non avendo completato il test, per insufficiente numero di vegani a campione, i vegetariani hanno rivelato una ridotta mortalità per malattie ischemiche con i vegani sulle posizioni più consistenti e significative (studi Key 1999 e 2009, e studi Chang-Claude 2005), al punto che i ricercatori del progetto non hanno esitato a definire questi studi "di grande importanza per la salute pubblica".
Per il cancro, i vegan hanno presentato minori rischi per i tumori allo stomaco e ai tessuti linfatici, tipo mieloma multiplo e linfoma non-Hodgkin (studio Key 2009), nonché per i tumori alla prostata e alla mammella (studi Allen 2000 e 2002).
Tutte cose del resto che erano state dimostrate in modo marcato e clamoroso nell'esperimento di Cambridge (2000), sul quale ci fu un blocco e un insabbiamento da parte di Scotland Yard e del governo britannico.

LE SOLITE IDIOZIE SULLA B12

Immancabili, come al solito, le solite idiozie B12, che stonano e fanno decadere l'articolo a livello di carta straccia, in termini di integrità scientifica e di originalità. Balordaggini classificate come "Gli errori di alcuni vegan".
"Per via di una perdita delle capacità di assorbimento in numerosi anziani, l'Institute of Medicine (controllato oggi più che mai dai produttori di integratori, di B12 e di Omega-3) consiglia a tutte le persone oltre i 50 anni di assumere la maggior parte della propria vitamina B12 con supplementi o con cibi fortificati".
"Poiché la vitamina B12 è un prodotto della sintesi batterica che le odierne pratiche igienistiche eliminano dalle acque e dai cibi vegetali, per i vegan la questione non dipende dall'età e l'integrazione risulta necessaria in ogni caso", conclude il demenziale messaggio pseudo-salutistico.

SUGLI INTEGRATORI MINERALI L'ATENEO DIO OXFORD TOCCA IL FONDO

Stessa cosa sul calcio, dove si raggiunge l'acme dell'ignoranza e dell'arretratezza culturale, dove se ne sparano di tutti i colori, spingendo persino i vegani a bere acque minerali calciche, il modo migliore per calcificare il sistema di materia calcarea, per formare calcoli e diventare rigidi, ingessati e fragili come delle statue da presepe. E parliamo non dell'Università di Pontelagoscuro o di Basagliapenta, ma della Scuola di Sua Maestà Britannica, del quotatissimo Ateneo di Oxford!

IL VIRUS PIU' IMBECILLE DEL MONDO SI CHIAMA B12

Al che, mi viene in testa il messaggio di ieri da parte dell'amico Marco che, a proposito di B12 e di due articoli in inglese sulla medesima, inviatigli da un amico e definiti da esso scientifici, mi chiedeva a quali fonti rivolgersi per conoscere i livelli normali e i livelli patologici di cobalamina.
Dopo aver letto il contenuto, ho scritto a Marco che tali articoli, poco importa le referenze degli autori, poco importa se docenti o non docenti, erano senza offesa alcuna, articoli di deficienti per deficienti. Non dunque studi scientifici ma lavoro mediocre e scriteriato, di ragionieri incompetenti, di ricercatori privi di autonomia e di iniziativa, acriticamente obbedienti ai dati orchestrati dalla Federal Drug Administration.

LE UNIVERSITA' SONO SENZA NERBO, SENZA VERITA', SENZA VALORI E SENZA PALLE

Marco insisteva sul dove trovare conferme scientifiche di quanto affermavo. Cosa dovevo rispondergli? Non esistono. Le università sono da tempo ormai senza verità e senza palle. Dalla prima all'ultima. Lo hanno dimostrato sull'Aids e lo dimostrano giornalmente sulla B12.
Ho dovuto sentirmi dare del matto per troppi anni, quando sostenevo che le proteine animali sono un veleno acidificante, estremamente mal-tollerato dal corpo umano, per sopportare ulteriori accuse di demenza su questo vergognoso imbroglio della B12.
Oggi, le manipolazioni della FDA sono venute alla luce in modo clamoroso, ma nessuno ne parla. Ed è questo che mi manda fuori dai gangheri.

QUALCUNO HA LA LICENZA DI MENTIRE AL MONDO E DI NON ESSERE GIUDICATO. QUESTO E' GRAVISSIMO.

Se un ente geografico avesse insegnato che l'Honduras si trova in Asia e Hongkong in America, o se un ente micologico avesse sparso l'idea che l'Amanita Phalloides è un fungo mangereccio, tutti ne parlerebbero.
La FDA ha fatto molto di peggio. E' riuscita a far credere per 40 anni ai Governi, alle Università, ai Ministeri della Sanità, agli ospedali, agli ambulatori, alle televisioni e al mondo intero che l'uomo ha assoluto bisogno di 200-300 grammi al giorno di proteine e per giunta di proteine animali chiamate nobili e di aminoacidi chiamati essenziali, quando quei 200-300 grammi erano in realtà solo il miglior lasciapassare per i reparti terminali di oncologia e per i cimiteri del pianeta, colmi di gente morta male ed anzitempo a causa di questi nazi-criminali tuttora in auge e tuttora al potere.

LA FDA MANIPOLA I VALORI A SUO PIACIMENTO SENZA DARE ALCUNA REFERENZA

Ebbene, la FDA ha manipolato non solo quei dati, ma anche quelli dei folati, staccandoli dalla B12 anzichè collegarli strettamente alla medesima, ha manipolato i dati della vitamina C, sottovalutandoli in modo imbarazzante, e ha manipolato i dati della B12, raddoppiandone il minimo che era stato fissato da anni, dalla WHO (World Health Organization) a 80 ng/mL e che dagli anni 70 sono stati abusivamente spostati a 157 ng/mL, mandando in virtuale carenza B12 praticamente tutti i vegani. Vegani che stanno bene proprio intorno al valore 100, che è indice di sangue fluido, di alta energia e di splendide condizioni di forma psico-fisica.
E continuano a chiedermi referenze a supporto delle mie affermazioni.
Se dico che la migliore referenza sono io, dato che non sono sovvenzionato da nessuno e in forza del fatto che ho scritto 20 e più tesine su questo banalissimo argomento B12, nessuno mi presta ascolto.

LA MIGLIORE REFERENZA STA NELLA NATURA E NELLA LOGICA

E allora dico che la migliore referenza sta in Madre Natura la quale potrà avere tutti i difetti del mondo, fuorché quello di creare leggi e principi universali, di costituire 30 mila diversi tipi di vitamine, e di dimenticarsi nel contempo di mettere una adeguata quota di B12 negli alimenti destinati all'uomo. La referenza migliore non va dunque cercata nella carta umana, che si lascia scrivere, sia essa rivista porno o tomo universitario, e che è appendibile al chiodo dei servizi igienici, ma nella logica delle cose.
E la logica dice che, se non c'è B12 nelle foglie e nei frutti, significa semplicemente che non ci deve essere, ovvero che è giusto che non ci sia, perché primo non ne abbiamo bisogno, secondo ce la fabbrichiamo da soli, terzo viene vicariata dalla B9, ovvero dai folati che il corpo si incarica di assorbire con maggiore intensità allorquando scarseggia la B12.
Un problema totalmente inventato, su cui discutere troppo è immorale, perché il tempo è danaro.

IN AMERICA E CANADA LA MUSICA NON CAMBIA

Torniamo però al documento in questione, alla parte seria intendo, quella relativa allo Studio N. 2, condotto in USA e Canada tra gli Avventisti del Settimo Giorno.
Su 96000 partecipanti complessivi, 26800 erano i vegetariani e 7680 i vegan.
Anche qui i risultati parlano inequivocabilmente a favore del veganismo. I vegetariani sono a minor rischio di sindrome metabolica, rispetto agli onnivori (studio Rizzo 2011), ed hanno una migliore salute psicologica (studio Beezhold 2010). I vegan comparati, con onnivori, pescivori e vegetariani, rivelano minor rischio su sovrappeso ed obesità (studio Tonstad 2009), su ipertensione (studio Fraser 2009), e su diabete mellito di tipo 2 (studio Tonstad 2011).

L'AMERICA E' ARRIVATA DA TEMPO AL DUNQUE

Niente di nuovo sotto il sole. Già prima di questi esperimenti, oggi surclassati dal "The China Study" del dr Colin Campbell, l'American Dietetic Association dichiarava che le diete vegane sono salutari da un punto di vista nutrizionale, in quanto apportano concreti benefici anche nella prevenzione di diverse patologie (studio Craig 2009). Analogamente, il Center for Nutrition Policy and Promotion riconosce come i modelli alimentari vegani portino a ridotto rischio di malattie cardiovascolari e un tasso di mortalità ridotto ai minimi termini possibili (CNPP 2010), e questo vale ovviamente sia per gli infanti che per gli adulti.

IL BEL PAESE DEI FALSI PROFETI

Qui in Italia? Di falsi profeti ne abbiamo in esuberanza.
In Italia ci sono Gerry Scotti e Paolo Bonolis che, sfruttando la loro bravura, la loro indubbia simpatia e la loro notorietà, promuovono malauguratamente caffè e grana padano a raffica.
In Italia ci sono i bar rossi della Cremonini, in tutte le maggiori stazioni ferroviarie, ridondanti di panini carichi di morte.
In Italia ci sono le rubriche dai lunghi e lugubri coltelli, tipo Gusto e Cotto e Mangiato, che insegnano a mettere il sangue persino nel succo d'arancia.
In Italia c'è l'INRAN, che fa pensare a Tehran, mentre significa invece Istituto Nazionale di Ricerca per gli alimenti e la Nutrizione, e che dovrebbe rappresentare l'idea generale del paese.

INRAN COME CANNELLA

Ebbene, l’INRAN arriva invece a scrivere, con inchiostro a sangue e col piglio del più rozzo macellaio, che "Una dieta vegetariana si può scegliere perché piace di più, oppure per motivi religiosi, morali, ambientali, ma non certo per la salute, anche perché nessuna dieta vegetariana ha mai dimostrato fino a oggi di proteggerci davvero dalle malattie, più di quanto non faccia una dieta onnivora equilibrata".
Linguaggio-fotocopia di quello che usava il professor Carlo Cannella, vittima imprevista della sua stessa ideologia macellaia.

ENTI FARNETICANTI SPECIALIZZATI NEL DIFFONDERE NOTIZIE FALSE E TENDENZIOSE

Questi farneticanti enti statali, falsi e corrotti fino all'ultima unghia, diretti da papaveri che ricevono stipendi alti ed ingiustificati, nonché scandalose pensioni, assoldati per diffondere notizie false e tendenziose, meriterebbero di essere chiusi all'istante per immoralità manifesta.
Sono vegetariano da una vita e vegano da 30. Mai preso un farmaco o un integratore. Mai saputo cosa sia la parola malattia, mal di testa, mal di stomaco, mal di questo o mal di quello. Di quali dimostrazioni avete bisogno? Come me ce ne sono a bizzeffe. Paul McCartney sta facendo una tournée in Italia, e a 69 anni ha ancora un fisico eccezionale. Il professor Umberto Veronesi, anche se vegetariano soltanto, sta andando verso i 90 anni in ottime condizioni fisiche.
Nessuno però meglio del giardiniere vegano alla corte d'Inghilterra Thomas Parr, assassinato da re Carlo I° d'Inghilterra a suon di bistecche, e morto a 152 anni, dopo diverse denunce di molestie sessuali quando era intorno ai 130, ha dimostrato documenti alla mano, un migliore indice di longevità.

Valdo Vaccaro

MUCO, RAFFREDDAMENTO E OTITE INFANTILE

LETTERA

QUATTRO ANNI DI VITA E ALIMENTAZIONE PERFETTA FINO AL PRIMO ANNO

Buona sera Valdo, mi son sempre ripromessa di non romperti le scatole, pensavo di farcela da sola ma oggi sono parecchio confusa. E mi riferisco alla salute di mio figlio, 4 anni compiuti in agosto. Ho smesso di allattarlo causa un digiuno con il quale mi sono curata un fibroma, ma credo lui avrebbe continuato a lungo con la sua dose serale di latte materno.
Parto dall'inizio. Gravidanza buona, a parte nausee terribili fino al 5° mese. Parto naturale completamente de-medicalizzato. Niente aspirazioni, niente vitamine K, profilassi, bagnetti o altre amenità, anche se nato in ospedale. Allattamento esclusivo a richiesta, portato in fascia per quasi 2 anni, cosleeping che ancora continua, vita nelle campagne salubri dell'Umbria, su una splendida collina a 300mt sul livello del mare, estati trascorse tutti nudi al sole giocando in giardino e a bagno nella piscinetta da 4 metri. Almeno 15 giorni di mare in estate. Niente vaccinazioni e mai un farmaco in 4 anni. Niente dentifrici al fluoro e neppure creme o saponi chimici sul corpo e sui capelli. Inizio svezzamento onnivoro spontaneo verso i 9 mesi, pescando nei nostri piatti, con abbondanti assaggi di arance, mandaranci, mele, pesca, albicocca e banana, oltre che broccolo e zuppa di cavoli, lenticchie, ceci, pastasciutta e, ahinoi, dopo l'anno anche formaggio (parecchio e frequente), prosciutto e polpette di carne.

IL PERIODO DEL CIBO CRITICO E CONTESTABILE VA DAL PRIMO ANNO AI 2 E MEZZO

Non siamo mai stati molto amanti della carne, ma eravamo adoratori del formaggio e del latte (quest'ultimo però il bambino non lo ha mai assunto)
Mio figlio è sempre stato piuttosto forte fisicamente, di quelli che non hanno mai freddo e stanno sempre senza guanti e cappello anche a gennaio.
Ai tempi eravamo molto ignoranti in fatto di alimentazione, così uno svezzamento onnivoro ma con parecchi vegetali si è trasformato presto in un bambino dai gusti difficili, viziati dai biscotti e dai gelati troppo dolci., quasi zero frutta/verdura fino a questa primavera.
Fortunatamente un anno e mezzo fa siamo stati illuminati e siamo diventati vegetariani (ma ancora mangiavamo formaggio), poi, circa 10 mesi fa, la scelta vegana ed infine questa estate siamo diventati tendenzialmente crudisti (io e mi marito mangiamo frutta e verdura intorno al l'80% in inverno e quasi al 100% in estate)

ANDAMENTO REGOLARE FEBBRI E RAFFREDDORI FINO AL QUARTO ANNO

Nel primo anno di vita, mio figlio ha avuto 1 solo giorno di febbre a 38, 5, idem nel secondo ma ha avuto anche un paio di episodi di raffreddore invernale, nel terzo anno c'è stato un accenno di scarlattina con 1 giorno di febbre a 38,5 e un paio di episodi di raffreddore, accompagnati anche da tosse, risolta in 7 giorni più o meno. Nell'inverno del 4° anno ancora un solo giorno di febbre a 38, 5 e un paio di episodi di raffreddore e tosse. Questa primavera è stato a contatto con bimbi in fase di incubazione della varicella (giorno prima dell'uscita delle pustolette), coi quali ha giocato un giorno intero, senza contrarre la malattia. Usavo un pochino di omeopatia, oligoelementi, argento colloidale e sciroppo di lumaca come rimedi per i suoi raffreddori e le sue tossi.

SIAMO AL QUINTO ANNO E DA SETTEMBRE A OGGI 4 FORTI RAFFREDDORI E OTITE

Quest'inverno, mio figlio è al suo 5° anno di vita e sono perplessa, da settembre ad oggi è già la quarta volta che si prende un raffreddore fortissimo e la tosse, un leggero mal di orecchie (in piscina non se le bagna perché ha la cuffia in silicone che non fa passare acqua), ed ha già avuto per tre volte una sera/notte di febbre a 38,5 con risveglio perfettamente sfebbrato e in forma. Una notte si è svegliato col mal di orecchi ed ho dovuto dargli qualcosa a titolo di emergenza, perché si lamentava e non riusciva a dormire. Rispetto agli inverni passati, come già detto, è venuto meno il latte materno, ha cominciato a frequentare la piscina 2 volte a settimana per il corso di nuoto (ma non usciamo mai bagnati, umidi o sudati, ci fermiamo sempre a fare merenda nella hall della piscina fintanto che ci siamo acclimatati), ha cambiato alimentazione in meglio.

BAMBINO ROBUSTO ANCHE SE CON GUSTI ALIMENTARI DIFFICILI

Il bambino ha un rapporto fortissimo col padre che, purtroppo, vede solo dal sabato al lunedì per motivi di lavoro che lo tengono fuori casa anche la notte.
Il martedì mattina, quando al risveglio non trova il suo papà, piange ed è triste. Quando era più piccolo non somatizzava tanto il distacco.
Mio figlio è un bimbo giustamente in carne (17 kg per 105 cm), con la pelle chiara ma di un bel colorito sano e dorato, abbronzatissimo tutta l'estate, di non molto appetito, non è diciamo un "mangione" e, oltretutto, conserva gusti alimentari difficili.
Convertirlo al vegano tendenzialmente crudista è stato, ed è, molto faticoso e impegnativo.

SUA ATTUALE DIETA GIORNALIERA

Ecco quello che mangia adesso:
- Colazione 200 ml di spremuta di arancia (verso le 11 del mattino perché è un dormiglione).
- Mezz'ora dopo, 2°colazione una banana seguita da 2/3 biscotti crudisti che faccio io con mandorle, anacardi, datteri, fichi secchi del nostro albero e un pochino di cacao.
- Altro spuntino con una mela (oppure mandaranci) seguita, non sempre, da 1-2 gallette di riso o cereali soffiati o pop-corn fatti in casa. Non posso dargli un vero pasto ad ora di pranzo perché altrimenti non mi prende più nulla fino a cena e non riuscirei a dargli abbastanza frutta. A volte mangia anche un paio di datteri, altre volte dei pistacchi non tostati o degli anacardi o dell'uvetta sultanina o dei pinoli.
- Spuntino verso le 16 con mandaranci o mela, a volte seguite da caldarroste.
- Aperitivo Naturale con 200 ml di succo di frutta, estratto da me con lo slow-juicer, che può essere di melograno e uva, di ananas e carote, di mela, carota e kiwi.
- Cena, uno solo dei seguenti abbinamenti: lenticchie in umido con una zucchina, una carota e cipolla tritati finissimi e non soffritti, oppure fagiolini al vapore con salsiccine di tofu o "fettina" di muscolo di grano o hamburger vegano, oppure pastasciutta al pomodoro e basilico, oppure pizza solo pomodoro, oppure pisellini al vapore con cipolla e salume di muscolo di grano con fetta di pane 100% integrale fatto da me, a volte spalmata di maionese-raw di semi di girasole fatta da me (olio e.v.o, limone e girasole), oppure patate al forno con olio di oliva e piselli. Uso solo olio E.V. di oliva e olio di canapa per condire, praticamente niente sale se non un pochino sulle patate.
- Ancora mela o mandaranci o mirtilli, un’oretta dopo la cena.

NIENTE CIBI E BEVANDE-SPAZZATURA NEL SUO MENU QUOTIDIANO

L’acqua è quella del nostro pozzo, leggerissima, filtrata con osmosi inversa.
Un gelato alla settimana in occasione dell'uscita per la pizza.
Niente caramelle, niente cioccolatini, niente torte, niente dolci, niente patatine, niente merendine, occasionalmente un pezzetto di focaccia al rosmarino se siamo in città a far spese.
Purtroppo rifiuta di mangiare pomodori, insalate, verdure al vapore, altri legumi, altri tipi di centrifugati, molti tipi di frutta, riso, polenta.

PERCHE' LE FEBBRI, PERCHE' TANTO MUCO, PERCHE' IL COSTANTE RAFFREDDORE E L'OTITE?

La mia domanda è, cosa succede al mio piccolo?
Perché adesso continua ad avere questi brevissimi episodi di febbre? Perché è così pieno di muco, sempre raffreddato, con tosse e principi di otite?
Possibile che in 2 anni e mezzo di pessimo mangiare dopo lo svezzamento, si sia riempito tanto di muco ed adesso, cambiando alimentazione, lo stia espellendo in questo modo? Possibile una correlazione con il venire meno della protezione del latte materno?
Compatibilmente coi gusti difficili, cosa posso migliorare nella sua alimentazione?
Ho bisogno di aiuto per capire se questa condizione di mio figlio è "normale" o se sto sbagliando qualcosa, ed eventuali input su cui lavorare.
Ti ringrazio per il tempo che vorrai dedicarmi. Con i migliori saluti.
Cinzia

*****

RISPOSTA

SVEZZAMENTO PEDIATRICO E IMPRINTING ALIMENTARE

Ciao Cinzia, complimenti per il resoconto puntuale e dettagliato, e soprattutto per le tue domande finali che, paradossalmente, non sono domande ma piuttosto interrogativi con inclusa già la loro risposta.
Ci sono tre cose critiche e notevoli che estrapolo immediatamente dalla tua esposizione:

1) Lo svezzamento di tipo alto-proteico in probabile ossequio alle disposizioni o comunque alle influenze dei pediatri.
2) Un bambino, sono parole tue, "giustamente" in carne.
3) Una dieta attuale che, pur contenendo qualche aspetto migliorativo, rappresenta una continuazione di quel tipo di imprinting alimentare.

LA NATURA SOVRANA, NUTRICE E MEDICATRICE DI TUTTI I MALI, NON SGARRA DI UNA VIRGOLA

Ti ricordo innanzitutto che il latte di donna è di sapore dolce ed ha un contenuto proteico bassissimo, identico al succo d'arancia, di pompelmo, di uva, di ciliegia, di fragola, di kaki. Quando dico bassissimo non intendo difettoso ma giusto, equilibrato, privo di eccedenti B12, di eccedenti vitamine D e K, disegnato sul corpo del bambino e sulle necessità di sviluppo e di crescita armoniosa e sana del bambino stesso. La Natura, Sovrana Nutrice e Medicatrice di Tutti i Mali non sbaglia e non sgarra di una virgola, non permette carenze, non produce immaginarie ed inesistenti malattie auto-immuni e non ospita demenziali ideologie, al contrario degli sgangherati ed incompetenti umani con laurea o senza laurea, con cattedra o senza cattedra, con Nobel o senza Nobel.

LA NATURA CONDANNA INEQUIVOCABILMENTE L'INTERA PEDIATRIA MONDIALE

Le indicazioni di Madre Natura sono precise e condannano pesantemente la Pediatria Mondiale. Quella pediatria messa sotto clamorosa accusa da Robert Mendelsohn, il più letto e il più autorevole dei pediatri d'America, con un paradigma da lasciare tutti col fiato sospeso:
"Il tuo bimbo sta bene? Non portarlo dal pediatra: te lo ammalerebbe".
"Sta male? Non portarlo dal pediatra: te lo aggraverebbe".
"Ci sei già andata? Prendi allora nota per filo e per segno di tutte le sue più dettagliate istruzioni, e poi fa esattamente il contrario di quanto ti dice. Solo così ti ritroverai con un bambino sano che diventerà poi adolescente sano e adulto sano".

MADRE IMPECCABILE CON ANSIOSE DOMANDE SULLA PROPRIA CREATURA

Tu, Cinzia, sei una madre impeccabile. Non ti si possono imputare clamorosi errori. Lo si evince dalla passione che metti nella sua nutrizione, dalla cura per ogni dettaglio. Dalla cultura che ti sei fatta sull'argomento. Stai facendo di tutto e di più per far sì che la tua creatura abbia il massimo. Hai giustamente messo in evidenza l'ambiente invidiabile nel quale vivete. Il tuo bambino può ritenersi tra i più fortunati sotto ogni punto di vista.
Eppure alcune cose non quadrano. Eppure i raffreddori si susseguono e si intensificano. Eppure il muco continua a fluire. Che sarà mai?

LO SVEZZAMENTO E’ UN FATTO NATURALE

Lo stacco dal latte materno che gli dava formidabili protezioni immunitarie?
Questa ultima considerazione non è fuori luogo. Ma a 4-5 anni pochi davvero sono i bimbi che possono ancora ricevere questo grande regalo dalla loro madre. Io, ad esempio, pur non ricordandomelo, sono stato tra questi fortunati. Oggi, la maggior parte dei bambini viene svezzata frettolosamente tra i 12 e i 15 mesi, volente o nolente. Pertanto non ci sono scuse. A 4 anni un bambino deve trovare i suoi giusti ed autonomi equilibri.

ESAGERATO ANTICIPO DI CRESCITA

La realtà, e mi riferisco ai 3 punti sopra accennati, è che la voglia di farlo crescere robusto e in carne in tutta fretta, quasi ad esorcizzare un suo "ritardo" di crescita, tradisce proprio l'adesione, magari inconsapevole, alle abitudini e ai dogmi traballanti e squinternati della pediatria, con le sue bilance, le sue misurazioni, le sue ansie accrescitive, le sue integrazioni, i suoi omogeneizzati, le sue proteine nobili della crescita. In altre parole, hai evitato le vaccinazioni ma sei ugualmente caduta nelle altre tipiche trappole dei pediatri.
Hai fatto crescere il bambino troppo in fretta, specialmente nel periodo più delicato, quello dell'imprinting alimentare, quello dello svezzamento vero e proprio compreso tra gli anni 1 e 2,5.

NON SCIENZA PEDIATRICA MA SCIENZA VETERINARIA PER POLLI DA MACELLARE

Quella non è scienza pediatrica, ma scienza veterinaria per polli, maialini e vitellini da ingrassare e mandare anzitempo al patibolo.
I bimbi non vanno assolutamente forzati verso la crescita. Questa è una nota eresia ideologica e comportamentale degli attuali ambulatori pediatrici, mai riveduta, mai corretta, mai stroncata da nessuna autorità sanitaria.
Quando avevo i miei due ragazzi alla scuola materna e alle elementari, non era raro per me ricevere qualche segnale di commiserazione per i miei due pargoli Francesco e William, che battevano in assoluto il record delle rispettive classi, essendo i più piccoli e i più sottocresciuti. Come a dire "Vedi con che figli sottosviluppati si ritrovano questi irresponsabili genitori vegetariani e vegani che fanno esperimenti alimentari con la propria prole?"
Nessuno te lo dice con franchezza e per esteso. Ma lo capisci dal modo di ragionare.

LA SCONOSCIUTA E PAZIENTE ARTE DI NON FORZARE I BAMBINI VERSO LA CRESCITA

La realtà è che l'alimentazione vegana, priva di omogeneizzati e di caseina bovina, non forza e non anticipa in alcun modo lo sviluppo dei ragazzi, ma gli dà modo di evolversi secondo la loro irreprensibile formula interna di accrescimento, dotata di misure logiche e di tempi logici.
Oggi Francesco, 22 anni, me lo invidiano in tanti. Mi ha superato in altezza e non ha finito di crescere (1,83 e 65 kg). William ne ha 15, e comincia proprio adesso a svilupparsi verso l'alto, seguendo in tutto e per tutto le orme del fratello.
Tornando al tuo bambino, ha ricevuto un notevole stock di tossine nel periodo critico dello svezzamento. Le tossine rappresentano acidificazione e dunque muco protettivo oleoso-acquoso, sviluppato dal corpo intorno alle sostanze acide, onde renderle meno caustiche e meno pericolose, similmente a quanto fanno le acque di ritenzione intorno ai sali, ai minerali inorganici, alle improprie integrazioni.

IL LUSSO DI RAFFREDDARSI, DI INFEBBRARSI, DI INFLUENZARSI E DI ESPELLERE MUCO

Siccome il tuo bambino non ha ancora abbracciato spontaneamente una alimentazione appropriata, l'accumulazione tossica ed acidificante continua a fluire nel suo organismo. Per paradosso, la sua parte sana, mai oberata da vaccini e da cure farmacologiche, non tassata da eccesso di cibi alto-proteici (oggi che la famiglia ha fatto dei passi avanti in senso vegano e crudista), permette al suo sistema immunitario di mantenersi attivo e reattivo, e quindi di espellere parte di quel muco vecchio e nuovo che il sistema ha accumulato e sta tuttora accumulando.
Il tuo bimbo odierno, in altre parole, si permette un lusso che altri bambini non hanno. Il lusso di ammalarsi frequentemente di crisi eliminative acute e intense che durano poco, quelle crisi che rappresentano l'ideale ritmo intox-detox di ogni organismo sano. Il lusso delle influenze stagionali e delle febbri che aiutano a riequilibrare il sistema.

LA PEDIATRIA AZZOPPA-DIFESE E LO STOP AL PREZIOSO MECCANISMO INTOX-DETOX

Gli altri bambini no, perché rovinati dalla medicina corrente, dalla pediatria azzoppa-difese, dai vaccini che decapitano il sistema immunitario e lo mandano fuori giri, impedendo il privilegio del meccanismo riequilibrante intox-detox.
Chiaro che a tutti piacerebbe non ammalarsi mai e non subire mai nemmeno le crisi eliminative.
La cosa sarebbe ovviamente realizzabile, ma bisognerebbe non intossicarsi mai di cibi sbagliati, di eccesso di pigrizia, di stress emotivi tipo l'assenza somatizzata della figura paterna.

I BAMBINI PRIVI DI SINTOMI SEMBRANO SANI MA NON LO SONO

I bambini che non mandano fuori muco, che non rivelano febbri esterne, che non vanno in crisi influenzale, non sono per niente sani.
Il muco ce l'hanno in abbondanza, ma non sono sorretti da una potenza espulsiva immunitaria e si tendono dentro l'acidificazione fino a quando i nodi non vengono al pettine con patologie purtroppo più serie e più gravi della benefica influenza e del benefico raffreddore stagionale.
Raffreddore ed indigestione, per tua conoscenza, sono compagni inseparabili.
Otiti e riniti, per tua conoscenza, hanno come precursori la stitichezza, la disbiosi e i primi miasmi intestinali che non vanno fuori innocentemente per l'ano, ma risalgono pericolosamente verso la testa, e la colpa non è dei batteri, delle candide, dei parassiti, ma sempre delle nostre scelte intasanti ed inopportune.

AL TUO BAMBINO SERVE PIU' MOVIMENTO E PIU' YANGHIZZAZIONE

Spingi in tutti i modi il tuo bimbo a perfezionare la sua dieta, in ovvia direzione fruttariana e vegano-crudista. Fallo alzare prima e insegnagli già a muoversi di più e a respirare a ritmo. Il tuo bimbo è, macrobioticamente parlando, troppo yin, troppo carico di liquidi ristagnanti in eccesso, di lacrime in eccesso, di sudore in eccesso, di urina in eccesso, forse anche di cosleeping in eccesso. Fallo muovere di più, fallo saltare, fallo giocare a palla, non lasciarlo a letto più del necessario.
Incrementa di mattina il succo di arance, o di pompelmi, o di clementine. Inserisci il latte di mandorle, i semini vari, le farine di castagna-carruba-pistacchio-manioca, i cereali tipo miglio, saraceno, quinoa. Non lasciarlo andare in situazioni di fame arretrata, ovvero di debito calorico, visto che questo comporterebbe tendenze irresistibili alla compensazione.

Valdo Vaccaro

BRONCHITE, SINUSITE E CADAVERINITE CRONICA

LETTERA

UN CRESCENDO DI PROBLEMI NEGLI ULTIMI TEMPI

Gentile Valdo, sono qui a chiederti consigli per mio marito (52 anni), sempre stato sanissimo, fino qualche anno fa. Negli ultimi anni le cose sono cambiate.
Si è ammalato una volta di pleurobroncopolmonite virale, che quasi l'ha ucciso in piena estate, e quindi ampio ricorso ad antibiotici e cortisone. Poi polipi in gola tolti chirurgicamente, seguiti da una sinusite tremenda con tanto di quel muco da andare avanti per mesi.
Ha fatto degli aerosol che gli hanno procurato rottura delle vene, con inarrestabile emorragia.
Poi, ultimamente, altra bronchite acuta ricovero e antibiotici a nastro.

LETTO EHRET, LO HA GIUDICATO PAZZO

Non ha voluto prendere fermenti per l'intestino perché, farmaci obbligati a parte, è contrario ad assumere qualsiasi cosa. Gli ho fatto leggere il libro di A. Ehret sulla dieta senza muco, l'ha letto un pochino e mi ha detto che era un pazzo! Ha sempre mangiato molta carne, troppa direi, e molti salumi, molta pasta.
Non vuole quella integrale perché non è buona. Consuma anche alcuni dolci, patate, piselli, zucchine, qualche fungo, fagioli, a volte peperoni. Tutto cotto, visto che non ha mai voluto mangiare la verdura cruda.

E' UNA CAUSA PERSA?

Dopo l'ultimo ricovero ha inserito la frutta che mangia durante la mattinata, e l'orzo al posto del caffè. Beve vino, e a volte birra.
Come faccio a migliorargli la dieta? E' una causa persa? ho cercato di fargli capire che tutte le sue malattie sono dovute al cibo che ingerisce, e in parte comincia a capirlo. Ma per lui è troppo difficile cambiare. E' sempre stato di buon appetito. Un tipico mangione. E infatti pesa troppo! Dammi una mano se puoi. Ti ringrazio.
Lory

*****

RISPOSTA

SPORCIZIA INTERNA E FORTE ACIDIFICAZIONE

Ciao Lory, tuo marito è una persona fortemente acidificata. Un tipico appartenente a quella categoria che il grande Arnold Ehret, nel 1916, definiva come "individuo medio dal grado di sporcizia interna inimmaginabile". Vorrei che tu facessi leggere pure i miei libri al tuo caro maritino. Non so se sia una causa persa. Dipende da lui. Il giudizio su Ehret preoccupa assai, perché gli hai presentato l'autore più adatto a risolvere i suoi problemi. Ricordagli che è carico di quel muco che il dr Ehret ha sempre considerato suo obiettivo numero uno.

BRONCHITI E SINUSITI SONO STATE UN MONITO NON RACCOLTO

Bronchiti e sinusiti sono state solo pesanti segnali d'allarme che lui non ha ancora saputo percepire e interpretare. Esserne saltato fuori temporaneamente mediante antibiotici e cortisone fa capire che i problemi se li porta tuttora addosso, con l'aggravio tossico dei farmaci assunti.
Non lo voglio spaventare ma, se non cambia radicalmente regime alimentare, corre gravissimi rischi. Il suo livello di intossicazione è tale da farlo classificare come persona ad alto rischio. Nulla di quello che mangia e beve è positivo, nemmeno l'orzo, che è meglio del caffè ma ha subito pure esso un processo di torrefazione.
Non si può andare avanti a lungo con un’alimentazione così abominevole, priva di vitalità, carica di minerali inorganici, carica di cadaverina e di acidi urici. Le alternative sono due. O pianifica lui un cambiamento radicale, o sarà il corpo e le circostanze stesse a costringerlo a farlo più avanti.

NON ESISTE ALTERNATIVA AL VEGANISMO TENDENZIALMENTE CRUDISTA

Un altro pazzo di nome Mauel Lezaeta parla chiaro. "Nelle affezioni bronchiali è indispensabile osservare rigorosamente un regime a base di frutta e verdure crude".
Per la sinusite il discorso è similare. Per i polipi, idem. Queste infiammazioni derivano dallo stato patologico dell'intestino, dalle digestioni problematiche, dalla stitichezza, dal sangue denso, dalla disbiosi, dai miasmi che risalgono dal colon e finiscono in zona cranica, causando crisi congestive.
Un altro pazzo ancora, come il celebre medico zurighese Max Bircher-Benner, riceveva in cura almeno due volte l'anno l'intera famiglia degli Zar. Li faceva alzare alle 6 di mattina, camminare speditamente nei boschi, e mangiare radicchio e crudità dalla mattina alla sera.
Posso solo inviarti in allegato alcune tesine sulle mie proposte alimentari, oltre alle tesine specifiche sulla bronchite e sulla sinusite. Sarà lui a dover scegliere in un senso o nell'altro. Darà del pazzo anche a me, questo è garantito. Visti i precedenti, sarei preoccupato se non lo facesse.

Valdo Vaccaro

martedì 29 novembre 2011

GUARIGIONI DA LUPUS E DA SCLEROSI MULTIPLA

LETTERA

VOGLIO AGGIUNGERE PER GRATITUDINE LA NOSTRA TESTIMONIANZA

Ciao Valdo, finalmente ho trovato il coraggio di scriverti.
Ero presente alla conferenza di Roma di settembre e sono riuscito all’ultimo minuto in mezzo alla bolgia a stringerti la mano.
Ho vinto le mie resistenze pensando al fatto che questa mia storia possa dare un contributo al lavoro che stai facendo che reputo di massima importanza. Per questo motivo ti allego la mia mail ed il numero di telefono. Questa è una testimonianza che deve far volume e aggiungersi a tutte quelle lettere di gratitudine che ti arrivano ogni giorno. La testimonianza di come ll tuo lavoro sia riuscito a coinvolgere una famiglia ed un gruppo di amici nel percorso igienista con ottimi risultati.

AMORE PER LA NATURA E TRASFERIMENTO IN CAMPAGNA

Sono sempre stato una persona ottimista e pacifica. Alla politica, la chiesa e al denaro ho sempre preferito il mondo vegetale ed animale, una serata sotto le stelle con gli amici, una passeggiata in campagna con i miei nipoti.
Nella vita ho avuto la fortuna di conoscere tantissimi animali, in particolare cani e gatti che mi hanno aiutato a diventare una persona empatica e molto sensibile. Anche Federica, la mia compagna, con cui vivo da diciassette anni nutre lo stesso amore per la natura e gli animali ed è per questo che da quasi tre anni ci siamo trasferiti in campagna, nella bellissima Sabina cambiando radicalmente la nostra vita.

LA TUA TESINA "IL SUIDIDIO DEL FUMO" MI HA LETTERALMENTE FOLGORATO

In giardino abbiamo tanti alberi da frutto e molti olivi. La mattina usciamo a passeggiare con i nostri tre cani e quattro gatti.
Sdraiati nell’erba a trecento metri da casa senza macchine e rumori con un gatto sulla pancia e un cane appoggiato alle gambe e gli altri che giocano felici non ha prezzo.
Quasi un anno fa mi sono imbattuto per caso nella tua tesina “Il suicidio del fumo”, del 27/1/10, che mi ha letteralmente folgorato.
C’era passione nelle parole che leggevo. C’era armonia e carica vitale. Tutto era così logico e pieno di buon senso. Iniziai a divorare tesine su tesine, approfondii poi Ehret, Sheldon e la respirazione yoga.
Iniziai risoluto a seguire i tuoi consigli e coinvolsi nel mio entusiasmo Federica. Non fu per noi una partenza in salita essendo entrambi vegetariani da parecchio. Mio cognato Corrado, un altro spirito indomito appoggiò la decisione e decise di seguirci.

REGOLARITA' SVIZZERA INTESTINALE

Da un giorno all’altro ribaltammo la nostra alimentazione sostituendo i vecchi veleni dei sali zuccheri caffè e farmaci con frutta e verdura cruda o al massimo al vapore seguendo scrupolosamente i cicli circadiani.
Dopo soli due mesi tutti e tre cominciammo a calare di peso e tutti iniziarono a farci i complimenti.
Ma i veri risultati strabilianti stavano nella "regolarità svizzera intestinale", con scomparsa di gonfiori, dolori, meteorismo, apnee notturne.
Enormi miglioramenti registrati nel sonno, che si è fatto più profondo e rilassato. Non sognavo così tanto da quando ero bambino.
Lucidità mentale, prontezza, sensibilità. Sensi più acuti in particolare olfatto e gusto.
Forfora, piccole cisti e mal di testa scomparsi.

GUARIGIONI INCREDIBILI DA LUPUS E SCLEROSI MULTIPLA, CON ZERO FARMACI

Dopo 4,5 mesi di alimentazione vegano-fruttariana accaddero altre cose eccezionali:
Scomparsa di un lupus enorme sullo zigomo destro di mio cognato che aveva da anni, nonostante l’utilizzo sistematico di creme e farmaci vari
Le mie ossa molto più forti. Abitando in campagna, con stradine accidentate, mi capitava spesso di slogarmi la caviglia con dolori che duravano poi parecchi giorni. Oggi penso che potrei saltare da 5 metri e non farmi nulla .
La notizia più bella però è che Federica che da otto anni soffre di sclerosi multipla ed aveva ricadute ogni due mesi che la costringevano a cicli di cortisone non ha più avuto attacchi !!!
Parlo di zero farmaci da quasi un anno e non l’ho mai vista così in forma.

NON TUTTO FILA LISCIO, MA INTENDIAMO USCIRE DALLE ULTIME TRASGRESSIONI

Dopo circa un anno, c'è anche stato qualche passetto indietro per tutti e tre. Gli umani, come sai, hanno sempre voglia di allentare i freni e compiere qualche trasgressione. Specie dopo aver raggiunto certi obiettivi. Superato il tunnel del male vogliamo quasi testare di nuovo la nostra capacità di resistere agli sgarri. Vogliamo quasi provocare il mostro addormentato. Quella che era una sigaretta ogni tanto ora sono diventate sette o otto (vale per tutti e tre), mio cognato ha ripreso a prendere un paio di caffè al giorno e del formaggio, io e Federica qualche bicchiere di vino o birra di troppo.
Mi sono accorto che questi tre vizi aumentano nei periodi di stanchezza e stress (tutti e tre lavoriamo come muli e tutti e tre arranchiamo economicamente). Ho notato inoltre che la mattina io e Federica siamo molto irritabili. L’obbiettivo è ovviamente quello di liberarci completamente di questi veleni ma continuiamo a rimandare aspettando momenti più sereni .

IL MONDO DEVE SAPERE. IO HO INIZIATO LA MIA RIVOLUZIONE PARTENDO DA ROMA NORD.

Prima di salutarti ti volevo anche far sapere che dai primi di novembre ho trasformato la mia vecchia attività di pet-shop in una bottega di alimentazione naturale. Nessun alimento di origine animale, niente caffè, niente zuccheri e niente sali. Ci sono invece i semini, la pasta integrale, cereali e tanta frutta e verdura di produttori locali, oltre ad una piccola libreria a disposizione dei clienti con i tuoi testi, quelli di Shelton ed Ehret ed altri che si andranno ad aggiungere nel tempo. Il mondo deve sapere. Io intanto inizio da Roma nord.
Gianluca Ronchi
Bio.haus@yahoo.it
Tel 3407920968

*****

RISPOSTA

MERITATE ANCHE IL SUCCESSO ECONOMICO

Ciao Gianluca, con tutti gli amici che mi sono fatto in zona Roma, grazie alla AVA e a Franco Libero Manco, sarebbe davvero disdicevole e imperdonabile che una iniziativa come la tua, in zona Roma Nord, debba andare avanti arrancando economicamente. Spero che questa tesina riesca a coinvolgere quante più persone possibili e che il tuo telefono suoni in continuazione. Un negozio come il vostro merita di diventare crocevia e punto di incontro, oltre che fonte di rifornimento di prodotti virtuosi, sani ed innocenti.
Mettiti in contatto con VESTI NATURA - Via Prisciano 39b - 00136 Roma, tel 06-35404817, e con Laura Franchi (333-3596144), info@vestinatura.it, per vendere pure i loro prodotti (scarpe, vestiti, ecc, tutto in stile vegano ed innocente). Da cosa nasce cosa.

FUMO E CAFFE' NON DA DIMINUIRE MA DA STRONCARE ALLA RADICE

Mi preoccupa di sicuro la vostra ricaduta sul fumo. Una specie di crisi di rigetto nei riguardi del purismo assoluto dei mesi precedenti. Il fatto che le sigarette siano ricomparse nei periodi di stanchezza, di sconforto e di stress, fa capire dove stanno le insidie.
I ritmi della vita sono a volte insostenibili, e uno si lascia andare, facendo molto male i propri conti.
Sigarette e caffè non sono pericolosi ma sono micidiali, sono peggiori addirittura della cocaina e dell'eroina. E' facile ridurli ma quasi impossibile sradicarli. E' proprio l'ultima sigaretta a impedire lo svincolo dal fumo, a mantenere la dipendenza.
Ed è proprio l'ultimo caffè ad impedire l'emancipazione e lo stacco dalla caffeina.
Buttate al macero la macchinetta del caffè, e mettete un cartello sulla porta di ingresso: "Qui non si fuma e non si beve caffè, né dentro né fuori!"

GLI OCCHI SONO PUNTATI SULLA BIO-HAUS

Non è da tutti passare dal dire al fare, cambiare radicalmente i parametri della propria esistenza, passare dalla città alla campagna. La vostra è un'esperienza importante e pionieristica. Avete tracciato un percorso e state dando il buon esempio.
Avete fatto delle cose eccezionali. Cercate di non sciupare tutto con delle banali sigarette. Sarebbe un peccato mortale. Roba da mangiarsi le dita.
Non potete permettervi di fumare e bere caffè in una situazione di quel genere. Diverreste poco credibili. Gente che predica bene e razzola male.
Fareste la fine di Luigi Costacurta, bravissimo nel tradurre in italiano l'opera di Manuel Acharan Lezaeta, eroico addirittura nei processi che gli intentarono contro le autorità sanitarie di Treviso, ma incredibilmente fragile e superficiale nel cedere al fumo e al caffè, che lo portarono pure al cancro, negli ultimi anni della sua vita.

Valdo Vaccaro

DISTURBO ALIMENTARE E CONFUSIONE IDEOLOGICA SUL CIBO

LETTERA

CHIARIMENTI SULLA SUA METODOLOGIA NUTRIZIONALE

Buongiorno, la contatto per avere informazioni circa la sua metodologia alimentare. Soffro purtroppo da moltissimi anni di un disturbo alimentare ed è per questo che ho provato a seguire varie diete. In questo ambito purtroppo dicono di tutto di più creandomi solo problemi e confusione. Ovviamente si tratta di un problema anche psicologico, infatti sono seguita pure da un
terapeuta, ma ritengo che sia importante anche l'approccio nutrizionale corretto.
Cordiali saluti.
Cristina

*****

RISPOSTA

SPARIAMO A ZERO SU TUTTE LE DIETE

Ciao Cristina, per quanto breve e laconica la tua mail, credo di percepire il tuo disagio. Passare da una dieta all'altra, con concetti spesso diametralmente opposti, con promesse facili e nessun risultato concreto, se non grosse perdite di tempo e di danaro, non deve essere divertente per nessuno. Sono anni che sto sparando a zero contro tutte le diete e tutti i dietologi, dando loro senza mezzi termini dei farabutti e dei lazzaroni, definendoli come minimo degli spregiudicati opportunisti, dei mercanti di bassa lega. L'ultima occasione è stata ieri notte, quando ho dato del buffone a Pierre Dukan, in una tesina che puoi trovare sul mio blog. Apprezzo molto il fatto che tu mi abbia richiesto non una dieta, ma una "metodologia alimentare". La ritengo una tua dimostrazione di gentilezza, ma anche di competenza terminologica.

IL NOSTRO E' UN SISTEMA COMPORTAMENTALE INCLUDENTE PRECISE SCELTE ALIMENTARI

L'igienismo naturale e il sistema vegano-crudista che esso incorpora, sono tutt'altro che una dieta. Sono semmai una anti-dieta, per il fatto che, pur dando molta importanza alle scelte che facciamo sul cibo, pongono precisi limiti al ruolo del cibo stesso, evitando di cadere nella esaltazione o nella
demonizzazione delle sostanze in quanto tali, e ricordando semmai in continuazione che i miracoli, le azioni vere e proprie, vengono effettuate non dal cibo ma dal corpo umano e dal sistema immunitario. Significa forse che l'alimento non sia importante oppure che il ruolo del cibo
sia ininfluente o comunque secondario? Niente affatto.
Il cibo, nonostante la limitazione posta, svolge un ruolo fondamentale in senso positivo o in senso negativo. Se è quello giusto, quello disegnato su misura per il tipo di corpo che abbiamo (allo stesso modo che il carburante benzina è formulato per il motore a scoppio, mentre il carburante diesel è
formulato per il motore a iniezione, e il carburante corrente elettrica è formulato per i motori elettrici).

DETTO IN SINTESI, SIAMO PER UNA ALIMENTAZIONE AVENTE LE SEGUENTI
CARATTERISTICHE:

1) Vitale (Carica degli enzimi e dei catalizzatori che permettono l'autodigestione dei cibi a costo digestivo zero).
2) Acquosa (Carica dell'acqua biologica e strutturata naturalmente con la fotosintesi, con vitamine al naturale e minerali organicati e filtrabili dal sistema renale).
3) Alcalinizzante (Libera da fattori acidificanti che contrastino il nostro pH vegano che nel sangue sta a 7.30-7.50, e quindi niente proteine animali di alcun tipo).
4) Vibrazionale (Capace di assicurare al corpo radiazioni al rosso e
all'infrarosso, con una emissione di onde superiori alla quota minima salutare di 6500 Angstrom sulla scala Simoneton. Tale da trasformarci in dispensatori di onde energetiche rivitalizzanti e non in assorbitori di energia esterna, in buchi neri che mandano in crisi gli altrui equilibri).
5) Antileucocitica (Capace di essere riconosciuta dal sistema immunitario come un arricchimento del corpo e non un attacco nemico, come avviene con le proteine animali e i cibi stracotti, in coerenza con le famose prove di Kouchakoff.
6) Antiproteica (In grado di non far schizzare le proteine oltre il tetto massimo dei 24 grammi/giorno per gli adulti e degli 11 grammi/giorno per gli infanti).
7) Equilibrata e non Dopata (Zero alcol, zero bevande nervine, zero cole, zero bevande gassate, zero integratori mineral-vitaminici-ormonali)
8) Tollerante e non Fanatica (Accettiamo i compromessi su alcuni cibi cotti intelligentemente, e su qualche leggera trasgressione casuale e venale chiudiamo un occhio).
9) Rigorosa e Militare (Per chi ha grossi problemi da risolvere, non ci sono alternative alla rigorosità massima, in fase di recupero).
10) Innocente e Non-Crudele (Zero sofferenze agli amici animali a 360 gradi, minimizzando la sofferenza a carico dello stesso Regno Vegetale dal quale dipendiamo in toto).

TUTTE LE DIETE SONO SPECULAZIONE E IMBROGLIO

Il discorso dietologico parte sempre da presupposti speculativi e non ha mai nulla di virtuoso o di scientifico. Esiste una massa di persone sofferenti di vari problemi e spesso di obesità, e dunque c'è un grosso potenziale di mercato. La disperazione porta soldi a chi ha qualcosa da proporre, poco importa se si tratta di merce falsa. Detta la bugia, stampato il libro, impostata la giusta campagna pubblicitaria, e il gioco è fatto. Non so quanto vero sia il milione e mezzo di copie vendute da Dukan in Francia e fuori. Anche avesse venduto 10 miliardi di libri non cambierei opinione su di lui. Buffone è e buffone resta. Non per la persona, che non conosco nemmeno, ma per la diseducazione che spaccia in giro, rovinando, spesso irreparabilmente, la salute della gente.
Barry Sears, il lazzarone della Zona, ne ha venduti 5 milioni di libri. Peter D’Adamo, il lazzarone dei Gruppi Sanguigni gli è andato vicino.

FORMULE TANTO IMBECILLI QUANTO ABOMINEVOLI

Togli alla gente i carboidrati, che sono l’unico possibile carburante umano, e la riempi di proteine, di grasso, si sangue, o persino di feci, o di qualsiasi porcheria vi venga in testa, e quella cala spaventosamente di peso. La dopi pesantemente di cole, di caffè (vedi dieta Lemme) e di integratori (vedi dieta Atkins) e quella per alcuni mesi si ritrova magra, forte e in forma.
In realtà si ritrova ad essere stracarica di materiale tossico per cui deve strabere e riprendere tutto il peso perduto se non vuole morire di auto-avvelenamento.
Ho centinaia di testimonianze di questo tipo in Italia, a Singapore e a Hongkong, di gente disperata, soprattutto donne, che maledice questi personaggi tanto scaltri quanto eticamente sciancati.

IL GRASSO DEVE ANDARE VIA NEI MODI GIUSTI

Per l'igiene naturale l'obesità non è la malattia ma solo la conseguenza di essa. Pertanto il grasso non si tocca. Occorre andare invece contro i fattori che hanno provocato il grasso. Fattori di tipo evidentemente comportamentale. Quanto alle malattie, l'igiene pratica la cura della non-cura, cioè la cura della non-interferenza nei riguardi del cronometro interno che si chiama sistema immunitario. Pertanto zero farmaci, zero rimedi omeopatici e ayurvedici, ma ampio ricorso a mezzi naturali come la respirazione corretta, l'esercizio fisico, l'attività alternata al riposo, l'esposizione al sole, il pensiero creativo e la meditazione.

RUBINETTO-1 CHIUSO E RUBINETTO-2 APERTO PER UNA DETOSSIFICAZIONE

A quel punto si cambiano stili di vita, si adotta una detossificazione, e si lavora simultaneamente su due rubinetti tossici. Il rubinetto-1 delle tossine nuove che viene chiuso ermeticamente ai nuovi veleni (cambiamento dieta, adozione metodo alimentare virtuoso, allineato col disegno e col progetto corporale umano, che implica scelta vegana tendenzialmente crudista), e il rubinetto-2 delle vecchie tossine accumulate ed incrostate nei meandri del corpo, che viene spalancato per favorire una disgregazione progressiva delle stesse (chelazione naturale e non chimica dei veleni), mediante metodi naturali che sono A) il riposo terapeutico (digiuno totale ad acqua distillata o leggera), B) l'alimentazione crudista rigorosa di tipo prevalentemente succoso e fruttariano con aggiunta di centrifugati freschi di carote e tuberi vari (chiamata semidigiuno) e C) le cure drastiche stagionali tipo cura dell'uva, cura delle fragole, cura delle ciliegie, cura dei fichi, cura dei kaki. In ultima analisi noi diamo al corpo la possibilità di ritrovare tutti gli equilibri di peso, di forma e di salute, nel più breve tempo ragionevolmente possibile, senza sforare a destra e a manca con pericolosi effetti collaterali.

VENIAMO DA MOLTO LONTANO

Il nostro è un antico percorso che si rifà a Pitagora per le scelte filosofiche e nutrizionali e a Ippocrate per le scelte terapeutiche. Precetti come "La Natura è Sovrana Medicatrice di Tutti i Mali" (non certo i medici, non certo il bisturi, non certo i vaccini, non certo i farmaci e non certo le boiate orto-molecolari e relativi integratori), e come "Primo Non Nuocere", (che significa
primo non spaventare e non causare traumi psichici a nessuno, tanto meno a una persona indebolita temporaneamente da un qualsiasi malessere), danno una forte distinzione all'Igienismo Naturale o Scienza della Salute, come lo chiamano oggi in America, danno al nostro lavoro una spiccata caratteristica anti-medica. La colpa non è nostra ma delle scelte che la medicina moderna, a partire da Pasteur in avanti ha continuato a fare, mettendosi di traverso e in contraddizione con quanto di buono era stato fatto nei secoli precedenti. Siamo infatti assai rispettosi di un filone medico millenario e vincente come quello della Scuola Medica Salernitana, che formò i medici di tutta Europa per secoli e secoli.

TESINE, LIBRI E CONFERENZE

Allego alla presente il mio schema vegano tendenzialmente crudista, e alcune tesine sull'alimentazione, prese tra i 1500 e oltre articoli pubblicati, che puoi leggere e scaricare gratuitamente se vai sul blog www.valdovaccaro.blogspot.com. Per ora ho due libri in circolazione, utili spero a dare una infarinatura generale sulla materia, e mi riferisco a "Alimentazione Naturale"
e "Storia dell'Igienismo Naturale", editi dal gruppo Anima-Milano e reperibili nelle librerie esoteriche, nelle librerie Feltrinelli, e presso diversi editori on-line (digitare Google.it, valdo vaccaro scritti, e fare le proprie scelte).

Valdo Vaccaro

ANSIA, VERTIGINI, TACHICARDIA, BULIMIA E SOVRAPPESO

LETTERA

UNA TENSIONE COL MARITO CHE INNESCA UN PROCESSO PATOLOGICO

Caro dottore è parecchio che non ci sentiamo,come sta? Questa volta le scrivo per una cosa che mi è accaduta tempo fa e dalla quale non mi sono più ripresa.
Vivo infatti la giornata con grande ansia, nella gran paura di quello che può succedere a me e i miei cari. Le racconto un episodio che risale a qualche anno fa. Avevo avuto un forte litigio con mio marito. Lì per lì non accusai nulla, ma a distanza di qualche settimana, mentre stavo accanto alla stufa, rimuginando su quell'episodio, fui presa da un forte capogiro, da un senso di vomito e di stordimento. Non sentivo più le gambe.

ATTACCO DI ANSIA E PAURA DEL DOMANI

In ospedale mi trovarono in situazione di tachicardia e mi dissero che si trattava di un attacco di ansia. Mi volevano dare dei calmanti, ma io rifiutai. Tornai semplicemente a casa e da allora non mi è capitato più. Però da quel momento non sono più la stessa. Vivo la mia vita con la paura del domani. Paura generata anche da quanto accadde a mio marito, affetto da reni policistici.
I medici me lo stavano ammazzando con un sacco di medicinali. Noi non capivamo niente.
Per fortuna che grazie alle sue tesine ci siamo aperti gli occhi. Da allora per me non esistono più medici al di fuori di Valdo Vaccaro.

ALTRO ATTACCO BREVISSIMO TRE MESI FA

Circa tre mesi fa mia madre cadde al suolo rischiando di morire. Ebbe 15 punti in testa. Non c'era nessun coraggioso che la portasse in ospedale. Io, con la mia grande ansia, la dovetti portare al Pronto Soccorso. Sul momento non piansi. Accumulai tutto e cercai di fare coraggio a mia madre.
A distanza di una settimana mi capitò di nuovo quel forte capogiro, con vertigini e mancamento d'aria, passato però nel giro di un paio di minuti.

CI MANCAVA SOLO L'INCUBO NOTTURNO

Qualche notte fa feci un brutto sogno. Mi svegliai di corsa e andai in bagno. Tremavo e non riuscivo a controllarmi. Una vampata di calore mi arrivò al cervello. Avevo la sensazione di morire. A quel punto pensai a lei e cominciai a respirare, e mi passò tutto.
Caro dottore mi aiuta a capire cosa mi sta succedendo? Sono malata di qualcosa che non conosco?
Da premettere che non prendo farmaci e li sconsiglio a tutti. Non credo ai medici anzi ho del motivato rancore nei loro confronti. Vivendo nell'ansia, sono anche ingrassata. Mangio senza moderazione. Mi consigli sul da farsi. La cosa che desidero di più è tornare serena come un tempo, perdendo anche i chili in più che ho messo assieme nel frattempo. La saluto.
Lina da Napoli

*****

RISPOSTA

SONO SOLO UN LIBERO RICERCATORE DI SCIENZA SALUTISTICA PITAGORICO-IPPOCRATICA E DI TERAPIA RESPONSABILE

Ciao Lina, Chi legge il tuo messaggio mi potrebbe scambiare per un medico o magari per un nuovo Padre Pio che fa i miracoli a distanza. E' giusto che ricordi a te e ai lettori che mi ritengo un semplice e libero ricercatore appartenente al filone salutistico ippocratico, quel filone che crede
fermamente nei poteri auto-guaritivi del corpo, nei precetti storici del grande maestro greco, sintetizzabili nei due dogmi eterni ed intoccabili della Terapia Responsabile che sono "La Natura è Sovrana Medicatrice di tutti i mali", e "Primo non nuocere".
Dunque non medico, non santo, non pio e non dispensatore di miracoli, ma semplice filosofo, semplice ingegnere della salute, semplice allievo di Pitagora e di Ippocrate, che cerca di far ragionare la gente e di farla rientrare in sé in fatto di alimentazione e di comportamento.

BARUFFARE COL MARITO PUO' ESSERE CATASTROFICO

Se fosse del tutto vero quanto dici, se fosse cioè centrata al 100% la tua ipotesi sull'insorgenza delle tue crisi ansiogena, potremmo ricavarne un nuovo principio morale ad uso e consumo della categoria dei mariti: "Mai baruffare coi mariti, ma far solo l'amore con essi (almeno fino a quando non ci si stufa!)".
Scherzi a parte, tu stai attribuendo troppa importanza a quell'episodio, anche perché hai bisogno di riferirti a qualcosa di preciso, al fine di definire, circoscrivere e giustificare l'angoscia, l'agitazione e l'insicurezza che ti hanno preso in questi ultimi tempi. Ti serve una scusa valida, un alibi storico credibile.
Se tu andassi a farti visitare da un seguace del dr Hamer, probabilmente andrebbe in carrozza con te e costruirebbe intorno a quell'episodio una grande ragnatela di collegamenti e di riscontri psicologici. Il famoso discorso dei traumi emotivi.

PROFILATTI E MATTERELLI? ONESTAMENTE CI CREDO POCO.

Non so in dettaglio i motivi di quella storica baruffa, di quel forte litigio. Ma anche nella peggiore delle ipotesi, tipo l'avergli trovato in tasca un pacchetto di Hatù, o l''averlo atteso col matterello alzato dietro la porta mentre rientrava brillo alle due di notte (prendo i tipici casi comici delle barzellette), siamo tutti dotati di un minimo di flessibilità e da un certo grado di assorbimento e di tolleranza, sia nei riguardi dei veleni che nei riguardi delle tensioni col prossimo, si tratti di mogli, mariti, amanti, familiari, vicini che schiamazzano, poveri cani legati che abbaiano di notte,
La realtà è che tu, in quel periodo, non eri assolutamente te stessa. Non eri di sicuro in splendida forma. Eri già debole e ai limiti, impregnata da non so quali veleni fisici e mentali. Tesa come una corda di violino. Così ai limiti da esplodere come un piccolo vulcano, e ritrovarsi dopo l'eruzione (dopo la baruffa col marito), esausta e priva di ogni energia.

L'IMPREGNAZIONE TOSSICA PRODUCE BRUTTI SCHERZI

In pratica ti è successa la stessa identica cosa che accade alle persone allergiche. Non è che loro siano in realtà allergiche a qualcosa per le famose stupidaggini dei geni, dei gruppi sanguigni, delle avversioni particolari per questo o per quello. La realtà è molto più semplice e banale. Le persone
allergiche non sono allergiche ma sono invece impregnate di veleni al punto di non tollerare più il minimo insulto chimico, alimentare, psicologico, che la vita quotidiana gli potrebbe presentare. L'innocente fragola, l'innocente ciliegia, l'innocente nocciola, diventano all'improvviso veleni intollerabili che scatenano crisi a non finire.
Le persone tese diventano pericolosamente intolleranti a qualsiasi cosa gli venga detta. Pensa a certi automobilisti che lanciano improperi contro chi esegua una manovra non condivisa, o magari si prendono a botte per questioni tutto sommato insulse. Gente normalissima e civile che, messa all'interno di un abitacolo metallico con le ruote, si trasforma all'improvviso in nevrotica, isterica, irragionevole ed intrattabile.

FAME, BULIMIA E COMPENSAZIONI

Accantonata dunque l'ipotesi che hai fatto, cerchiamo di capire cosa è realmente successo al tuo corpo negli ultimi anni. Prima cosa hai accumulato delle tensioni. Succede più o meno a tutti. Sono le vicende della vita. Lo stress ti ha portata a perdere il ritmo, a mangiar male e a digerire peggio, a maltrattare il corpo, a subire il ricatto naturale del sistema cellulare affamato che non manca di bussare violentemente alla porta del sistema immunitario chiedendo cibo. Lo stress ti ha portata a trovare compensazioni improprie nei cibi. E, quando questo succede, gi alimenti non sono mai quelli buoni, naturali e innocenti, non sono mai la scorpacciata di ciliegie o le due fette di anguria, o i cinque kaki in fila, ma sono quelli più appaganti e concentrati, quelli più calorici e sostanziosi, quelli più grassi e più dannosi, sia che si tratti della tipica nutella, oppure del grana e del prosciutto.

PIGRIZIA LINFATICA, RESPIRO CORTO E TURBE GHIANDOLARI

Quando si cade in questo circolo vizioso, è difficile saltarne fuori. Il sangue si avvelena e si addensa, i messaggi ormonali interni e relative reazioni biochimiche subiscono patologici rallentamenti, nervi e muscoli si infiacchiscono, le acque interne diventano stagnanti e ritentive, il sistema linfatico si impigrisce, la tiroide funziona male, il cuore fatica a pompare un sangue appesantito, la circolazione viene compromessa e nasce l'ipertensione.
A quel punto anche la baruffa col marito diventa un fatto storico esorbitante, qualcosa che manda in fibrillazione tutto l'organismo, lasciandoti poi esausta e snervata, senza più forza nelle gambe,
E una persona a quel punto si ritrova affaticata, nervosa, col respiro corto, con inesplicabili turbe ghiandolari, con inquietudini giornaliere e allucinazioni notturne, con angoscie ed agitazioni, con vertigini e senso di mancamento.

STITICHEZZA, DISBIOSI, MIASMI, E CONSEGUENTI CONGESTIONI IN ZONA CRANICA

Mangiar male e digerire peggio significa anche stitichezza e disbiosi, significa sviluppo patologico di batteri putrefattivi anaerobi, di candide e di parassiti, e formazione conseguente di miasmi putrefattivi che risalgono il corpo all'interno e raggiungono la parte terminale cranica, con pressioni,
congestioni e infiammazioni nei riguardi degli organi visivi, olfattivi, uditivi, ed anche nei riguardi dell'encefalo, del cervello, delle meningi.
In questi casi i nemici da combattere non sono affatto i microrganismi, i batteri, i virus, i funghi, i vermi intestinali, ma sempre e solo le tossine, o meglio ancora i nostri stili di vita perennemente irresponsabili ed autolesionistici.

LA MEDICINA RISOLUTIVA E' UN PACCHETTO DI PRECISE SCELTE

Che fare? Prima cosa un bel digiuno di 4 giorni, con riposo totale e riparato a letto in stanza riscaldata ma arieggiata, bevendo acqua leggera e solo quello, respirando regolarmente e svuotando la testa da tutti i pensieri. Il quinto giorno solo frutta e centrifugati di carote-sedani-mele. Dal sesto giorno in poi dieta vegana tendenziale crudista (quella del mio schema, opportunamente personalizzata secondo le tue esigenze e possibilità). La vitalità di frutta e verdura crude sarà decisiva in questa strategica fase di riordino corporale. Riordinare dunque la digestione, controllando che quello che si mette dentro deve anche andare fuori con regolarità. Va bene la buona tavola, ma ci vuole anche il buon servizio igienico.

RESPIRAZIONE E ATTEGGIAMENTO MENTALE

Importantissimo adottare un sistema di respirazione profonda e ritmata, dove si massimizzi l'apporto di ossigeno e azoto, e si spingano i polmoni a svuotarsi dell'aria assorbita, puntando sulla regolarità e sul coinvolgimento dei muscoli ventrali e del diaframma.
Attività fisico-aerobica giornaliera e bagni frequenti in zona ventrale per contrastare il surriscaldamento intestinale.
Serve anche saperla prendere con filosofia. Non arrabbiarsi con nessuno. Non serbare rancori coi medici o con chicchessia. Esattamente come scritto nella tesina “Stress, sonnolenza, emotività e sdrammatizzazione", del 26/11/11.

Valdo Vaccaro

UN BUFFONE DI NOME DUKAN

LETTERA

VELENI PROTEICI A RAFFICA, INONDATI DA COCACOLA ALL'ASPARTAME

Caro Valdo come stai? Finalmente sei tornato, sai che mi sono mancate le tue tesine?
Oggi pomeriggio, libreria Feltrinelli in Roma, ho visto in forte evidenza il libro: LA DIETA DUKAN, "Come dimagrire per sempre e stare in forma".
Questo Dukan è un nutrizionista francese che avrebbe aiutato far dimagrire alcuni milioni di persone nel mondo.
Ne hai mai sentito parlare? Ho dato una veloce letta al suo libro ed ecco alcune perle:

1) Primi 5/6 giorni solo, e ripeto solo, Proteine Pure.
2) Dal settimo giorno in poi si può inserire qualche verdura.
3) Consiglia vivamente di bere 1,5-2 litri acqua al giorno e sopratutto durante i pasti (Che follia!)
4) Consiglia di assumere bibite gassate come Coca-Cola Light perché, afferma, hanno zero calorie, ed hanno pure un buon sapore.
5) L'ultima perla, dice no assoluto allo zucchero, però via libera all’aspartame poiché sarebbe un edulcorante naturale.

SONO TROPPO ESPERTO DI CARNE PER CADERE NELLE TRAPPOLE DUKAN

Che ne pensi Valdo di questo buffone?
Dukan dice che, seguendo sua dieta, tra il terzo e il quarto giorno arriva la stitichezza, e ti credo. Con tutta la carne e il pesce che consiglia, quando fai cacca?
Per mia esperienza personale (fino a 2 anni fa ero un avido mangiatore di proteine animali, consumando di norma 4 Kg di carne a settimana). Da quando ti conosco, ovvero da poco più di un anno, ho abbassato notevolmente la percentuale di proteine animali nella mia Dieta.

HO SCOPERTO CHE SENZA CARNE SI STA DIVINAMENTE

Non sono ancora diventato vegetariano, però frutta, verdura, pasta e cereali la fanno da padroni. La carne non l'ho mangiata da diversi mesi. E mi sento molto meglio di quando seguivo una dieta iper-proteica. Che ne pensi?
Valdo potresti fare una tesina su questo nuovo diseducatore? Mi fai sapere il tuo autorevole parere?
Ti ringrazio ancora per la visita che facesti a mia mamma a fine sett. 2010.
Un abbraccio grande.
Con affetto Massimo

*****

RISPOSTA

CHI E’ INTERESSATO A LEGGERMI VADA SUL BLOG REGOLARMENTE

Ciao Massimo, ti ricordo con simpatia non tanto per le tue ottime performance in direzione vegana, quanto per il grande e commovente affetto che dimostrasti nei riguardi di tua madre.
Ricordo pure una pizzetta vegana con patate presa in un piccolo bar lungo una via periferica di Roma, eppure inaspettatamente buonissima.
Ti informo che le mie tesine hanno continuato a fluire sul blog, anche quando ero in Asia.
I loro titoli sono condensati nel documento ELENCO COMPLETO TESINE DI NOVEMBRE, che sta pure sul blog.
Sarà opportuno che tu, come i tanti amici abituati a ricevere le mie tesine, andiate urgentemente
sul blog stesso (www.valdovaccaro.blogspot.com) per iscrivervi gratuitamente, seguendo le istruzioni ivi contenute, e ricevere di nuovo i miei scritti in automatico.

CI VUOLE DAVVERO CORAGGIO

Chiamare buffone questo Pierre Dukan non è offesa ma complimento. Ci vuole una buona dose di faccia tosta per presentarsi al pubblico mondiale con una ideologia del genere nel 2011, anno in cui persino i più incalliti mangiatori di bistecche della FAO e dell'OMS hanno abbassato la guardia, riconoscendo che oltre i 24 grammi al giorno di proteine si causa al corpo un avvelenamento proteico ed una acidificazione del sangue.

GLI AVVELENATORI DI MASSA RIDICOLIZZANO LUCREZIA BORGIA

Ma in un mondo diseducato e disorientato, allenato a non pensare e a non ragionare, trovano spazio anche le cose più deliranti e più abominevoli.
Vivesse oggi Lucrezia Borgia, impallidirebbe di stizza. Scoprirebbe che i suoi intrugli erano ben poca cosa e che gli avvelenatori in circolazione la superano in tutto e per tutto. Vuoi mettere un morto di tanto in tanto per qualche fogliolina di cicuta, contro le migliaia di imprudenti, di ignari e di imbecilli che cadranno nelle reti di queste diete delinquenziali?

IL DR ATKINS E IL MAIALE DELL'ARKANSAS

D'accordo il marketing. D'accordo che la mole di gente obesa è in continuo aumento grazie alle disgrazie della Dieta a Zona e a quelle della Dieta Mediterranea, ma scopiazzare e ripristinare la dieta Atkins, la famigerata dieta che ha mandato al KO non solo il suo autore ma un numero enorme di gente in America e nel mondo, è davvero una carognata pazzesca.
"Il dr Robert Atkins si intendeva di nutrizione quanto un maiale dell'Arkansas si intende di astronomia", ha scritto di recente Michael Gregar, noto dietologo statunitense. Quanto possa intendersi di nutrizione uno che va a copiare da Atkins, è facile dedurlo.

CI CONSOLIAMO CON PAUL Mc CARTNEY

Ho scritto due tesine su questo venditore di fumo e di cadaverina, e te le allego entrambe. Trattasi di "La dieta Comica, la dieta del Kan, le estetiste e il dimagrimento", del 16/4/11, e "L'Aids del cetriolo e il rispolvero delle diete Atkins", del 2/6/11, sicuramente ci farai pure quattro risate, a parte la Dieta Comica della cara amica Mirna Visentini, che è invece un ottimo libro edito da Stampa Alternativa.
Onestamente parlando questi personaggi mi causano la nausea e il voltastomaco, hanno qualcosa di sinistro, di tombale, di vampiresco e di funereo.
Per fortuna che il mondo esprime ancora un grande Paul McCartney, bandiera della musica e del veganismo mondiale, che si è presentato nei giorni scorsi all'Arena di Verona con enorme successo all'età di 69 anni, esibendo un fisico eccezionale, una chitarra da favola, le canzoni dei Beatles e un suo formidabile libro di ricette vegane.

Valdo Vaccaro

lunedì 28 novembre 2011

STIPSI, FISTOLE RETTALI E DISPEPSIE

LETTERA

L'IMPORTANZA DI NON MESCOLARE I CIBI E DI RISPETTARE GLI ORARI

Ciao Valdo ultimamente sto leggendo molte delle tue tesine, ti avevo già scritto in precedenza per alcuni problemi legati al colon, fistola e problemi allo stomaco, da quando ho letto la tua tesina schema nutrizionale vegano tendenzialmente crudista ho imparato l’importanza di non mescolare i cibi, l’importanza di mangiare in certi orari e ho cambiato ulteriormente la mia dieta. Il corpo esige sempre di più.

UNA SPIRALE POSITIVA VERSO LA SALUTE

Sembra assurdo, ma quando si dice che il corpo ti fa sapere di cosa ha bisogno è la verità, e mi sono accorto di quanto è esigente. In passato, il sistema immunitario era così represso che il corpo non reagiva ai cambiamenti di dieta. Ora pare sempre più insaziabile di salute. Più perfeziono la mia alimentazione e più si fanno sentire le crisi eliminative. Crisi che, come in un circolo virtuoso, mi “costringono” a migliorare ulteriormente la mia dieta, senza poter sgarrare.

DIGESTIONI DIFFICILI E BRUCIORI DI STOMACO

La fistola sembra sparita, ma per via delle emorroidi ho eliminato ogni tipo di cibo lavorato, ho tolto la pasta integrale, la pizza vegana perché in questo momento risento molto per quello che mangio. Il problema continua ad essere persistente. Prima ancora di leggere le tue tesine sull’argomento, mi sono accorto da solo che il problema all’intestino molto probabilmente aveva le sue radici più in alto, cioè nello stomaco. Ho infatti problemi di digestione (credo reflusso gastrico) e lo stomaco è davvero a pezzi. Pur mangiando sano non riesco a riprendermi, anzi, sembra sempre più delicato, più mangio sano e più è sensibile a quello che mangio (mi provocano bruciori di stomaco anche le more e i lamponi).

LO STRESS E LA NECESSITA' DI ANDARE AVANTI, DI MANTENERE IL RITMO

Il problema principale è lo stress, l’ ho eliminato abbastanza grazie alla meditazione e alla corsa, ma ora è come se avessi difficoltà a far recuperare lo stomaco stesso.
La settimana scorsa mi sono svegliato con lo stomaco duro come un macigno. Ho avuto mezza giornata una sensazione di freddo e caldo interiore con dolori ai muscoli, pelle, ossa e non ho toccato per mezza giornata cibo.
Mi sono fatto solo un po’ di insalata e due centrifugati di verdura. Purtroppo non posso digiunare perché ho una vita molto intensa e non posso stare a riposo 3 giorni, ma credo che sia ora di fare qualche cosa per risolvere definitivamente il mio problema.

SEGUO REGOLARMENTE LO SCHEMA

Come mi alimento ora? Al momento seguo molto bene lo schema nutrizionale.
Al mattino spremuta di arancia, poi centrifugato di sedano, carote e mela. Come terza colazione una banana, un po’ di uvetta e fichi secchi. A pranzo e cena un primo di insalata con avocado, un secondo piatto di verdure cotte (in genere cavoli, spinaci, patate) e un po’ di mandorle.
Di pomeriggio una mela o, se ho bisogno di energie, una banana.
Per quanto riguarda le mandorle, prima ne mangiavo anche 50 gr a pranzo e 50 a cena, poi ho ridotto anche queste a 12 mandorle a pranzo e 12 a cena, inoltre mastico tutto il cibo finché non è ridotto a piccoli pezzettini, perché ho capito l’importanza della masticazione e l'importanza di aiutare lo stomaco.

PAURA DELLA CRONICIZZAZIONE E DELLA TUMORAZIONE

Sto continuando a perdere peso (sono arrivato a 62 kg) ma, tranne un po’ di sangue denso che mi da giramenti di testa o sensazioni di sonnolenza ogni tanto, mi sento pieno di energie.
I dolori sono forti solo di mattina, ma ho adottato una mentalità positiva. Mi dico che il dolore è sinonimo di crisi eliminativa e dunque di pulizia del corpo. Tuttavia non è facile essere sempre positivi. Ho paura che, se non risolvo il problema digestivo, mi ritroverò in costante alternanza tra produzione di veleni e eliminazione degli stessi, provocando con il tempo quella “protezione” che i tessuti mettono in atto e che con il tempo si trasforma in tumore. Questo può accadere? In fin dei conti tutti i giorni si va in bagno, come si possono rimarginare delle ferite se qualche cosa infiamma continuamente la zona senza lasciarla riposare?

INCREMENTARE IL CRUDO?

Un paio di domande: Volevo sapere se potevo eliminare del tutto la verdura cotta (non cotta al vapore, ma bollita) come secondo piatto e sostituirla con un piatto di verdura cruda (se può essere d’aiuto). Inoltre ho iniziato da due mesi a fare palestra (faccio sia corsa e bicicletta che esercizi anaerobici) e mi chiedevo quali cibi sono più indicati per lo stomaco e che allo stesso tempo mi forniscano un sacco di calorie necessarie per continuare a fare sport (ad esempio non tocco la crema d’avena, proprio per non infiammare lo stomaco).

DOMANDE SUL MIELE, SUL SEVEN-PER-DAY

Infine una domanda da parte di un ragazzo curioso a cui non ho saputo rispondere: “il miele si può mangiare?”, io gli ho risposto di no, ma non ho saputo dargli spiegazioni per quale motivo va evitato.
Per quanto riguarda il discorso di inserire due giorni a settimana con una dieta 100% crudista, mi chiedevo se sono sempre 5 pasti (o centrifugati) come al solito o in quel caso 7 (sostituendo anche il pranzo e la cena).

DOMANDE SUL TIPO DI FRUTTA DA PREFERIRE

Volevo pure sapere se posso fare una bella scorpacciata di frutta calorica e frutta secca (tipo banane, cachi, ecc) per lo sport che faccio o se è meglio invece mangiare frutta più acquosa come mele, ananas, melone invernale, ecc) visto i miei problemi di stomaco. Volevo comprare la papaya, ma nei supermercati dove sono andato mi hanno detto che non hanno molta richiesta di questo frutto, e che dovrei ordinarne una cassa da 5 e pagarla 50 euro, ma devo dirti la verità che non me la sento, perché se poi non mi piace butterei all’aria soldi e cibo.
Un saluto da Andrea.

*****

RISPOSTA

MIELE E TUTTO IL RESTO

Al ragazzo del miele, occorre dire che il miele è ottimo alimento per le api. Troppo forte, concentrato e leggermente dopante, per essere alimento umano. Utile piuttosto come emergenza, a dosi limitate, o anche come ottimo disinfettante nelle ferite.
Il seven-per-day è un sistema valido ed applicabile in sostituzione del five-per-day. Queste variazioni rientrano nel concetto di personalizzazione dello schema secondo i propri gusti, le proprie esigenze, le proprie sperimentazioni.
Fare invece discorsi di preferenza tra frutta acquosa e frutta calorica, non è il caso. Servono entrambe e si devono assumere in modo bilanciato secondo le nostre mutevoli. esigenze caloriche.
L'aumento del crudo è sicuramente valido, ma occorre tenere d'occhio quali prelievi energetici sottoponi l'organismo.

STAI MUOVENDOTI EGREGIAMENTE, SERVE SOLO MENO STRESS E UN BUON DIGIUNO

Quanto alle paure e ai timori di essere preso in una perversa spirale eliminativa, dove l'attività immunitaria diventa paradossalmente un persecutore più che un amico, è un concetto che ricorda da vicino il concetto medico di malattia-autoimmune. Quel concetto che vede la Natura non come Sovrana Medicatrice dei Mali, ma come bisbetica strega che si diverte a mettere i bastoni tra le ruote.
Credo alla natura e al sistema immunitario, e molto meno all'ordine medico.
E' giusto dunque procedere sulla strada giusta già inboccata con maestria e competenza.
Consiglio meno stress in generale e un digiuno totale di 3-5 giorni, ripartendo con prudenza e progressività, mantenendo le attività sportive al minimo durante questo periodo di emergenza.

LA PRESENZA DI FISTOLE E' ASSAI SIGNIFICATIVA

Comincerei a parlare di fistole, cioè di canalini inventati dal corpo per scaricare sostanze morbose accumulate all'interno del sistema corporeo. Com'è vietato asportare le emorroidi, così è vietano suturare le fistole, trattandosi sempre di mezzi di difesa terminale del sistema immunitario. Ogni intervento medico a contrasto di questi strumenti di emergenza significa condanna del corpo a tenersi dentro dei veleni in più, con maggiori miasmi verso la testa e verso il cervello, ed evidenti rischi per la salute.
Perchè e da dove arrivano fistole ed emorroidi? Arrivano da accumulo tossico dovuto a putrefazione intestinale, e quindi a pessimo regime alimentare, coronato da sangue denso e da stitichezza.

I RIMEDI PER FISTOLE ED EMORROIDI SONO IDENTICI A QUELLI PER LE DISPEPSIE

Vietato il bisturi e vietato il farmaco, quali allora i rimedi? Bisogna purificare, ovvero fluidificare il sangue, sgrassandolo e detossificandolo. Tutte cose raggiungibili normalizzando i processi digestivi. Serve una serie continua di digestioni virtuose e rapide, prive di acidificazioni, di leucocitosi e di putrefazioni. Quelle digestioni che solo un regime vegano crudista, a base di frutta e di insalata cruda, è in grado di garantire.
Dovendo nel contempo decongestionare le viscere intrise da troppo sangue, raffreddarle dall'eccessivo surriscaldamento,
si ricorre a un cataplasma di fango su ventre, ano e organi genitali, una specie di mutanda di fango.

ALCUNE TESINE DI SUPPORTO

Per lo stomaco e il colon, ti allego, come tesine di supporto, i seguenti titoli, presi tra una cinquantina di articoli che puoi ricavare dal blog:

- Il ripristino ottimale della digestione, del 17/11/09
- Gastrite cronica, stitichezza ed emicrania, del 25/2/10
- Costipazione madre di tutte le malattie, del 4/3/10
- La salute umana parte dal colon, del 24/6/10
- Bruciori di stomaco ed equilibrio acido-alcalino, del 28/11/10

COS'E' LA DISPEPSIA, O IL MAL DI STOMACO?

Per dispepsia si intende un complesso di disturbi e di disagi che riguardano il tubo gastrointestinale.
L'acidità di stomaco, ad esempio, viene chiamata dispepsia acida, o ipercloridria, o semplicemente acidità gastrica, e dà una sgradevole sensazione di bruciore che in genere è indizio di ulcera.
La causa principale di tutte le affezioni allo stomaco è data da una alimentazione innaturale ed irrazionale che sottopone l'apparato digerente a laboriosi sforzi. Sforzi che irritano e congestionano le pareti gastrointestinali, causando febbre interna (non rilevabile strumentalmente ma mediante la conta dei battiti al polso), e contemporanea anemia e freddezza nella pelle e agli arti inferiori. Una anomalia circolatoria perversa che occorre assolutamente interrompere.

CAUSE E RIMEDI

I cibi sbagliati, l'eccesso di lavoro intellettuale, la mancanza di aria pura e di metodi di respirazione ritmata e profonda, la carenza di esercizio fisico, lo stress in generale, sono tutti fattori aggiuntivi di dispepsia.
Anche qui la frutta cruda, l'insalata, le mandorle dolci sono gli alimenti più indicati. Mele, pere, melograni e carote sono tutti ottimi. La patata rappresenta una fonte energetica insostituibile.
Esistono stomaci talmente degenerati da non tollerare nemmeno questo. Allora si comincia con la frutta cotta per arrivare pian piano a quella cruda.

UN BEL DIGIUNO NON FA MALE A NESSUNO

Il miglior metodo rimane il riposo fisiologico totale, ovvero la sospensione totale dell'alimentazione, il digiuno stando a letto e bevendo acqua leggera liberamente. In questo modo si dà al corpo il tempo di leccarsi le proprie ferite, alle infiammazioni di disinfiammarsi ed alle eventuali ulcere di cicatrizzarsi.
Il medico iraniano Fereydoon Batmanghelidj deve la sua notorietà alle straordinarie guarigioni di carcerati che erano tormentati da terribili dolori gastrici e che, grazie ai suoi consigli guarivano in pochi giorni (vedi suo testo "Il tuo corpo implora acqua", Macro Edizioni).
Quali consigli? Stop ad ogni cibo e bere acqua in continuazione e a piccoli sorsi, fino a che non ci si rimette in carreggiata e torna irresistibile l'appetito, la voglia di mangiare. La pensa allo stesso modo anche la Scienza Igienistica Naturale.

Valdo Vaccaro

PIGRIZIA METABOLICA, RITENZIONE VEGETARIANA E OVVIO SOVRAPPESO

LETTERA

IPOTIROIDISMO E CURE AYURVEDICO-OMEOPATICHE

Buongiorno dr Vaccaro ho avuto informazioni da un'amica che la segue da tempo ormai.
Sono una donna di 49 anni in menopausa e ipotirotismo che sto curando con prodotti ayurvedici e omeopatici.
A causa di questo, qualsiasi cosa che mangio anche la piu' "tranquilla" la trattengo.
Come posso calare di peso?
il mio principale problema è che ho sempre fame. Sono vegetariana da oltre 20 anni.
Grazie se vorrà rispondermi.
Scilla

*****

RISPOSTA

ESSERE VEGETARIANI E' NECESSARIO MA NON SUFFICIENTE

Ciao Scilla, non sei stata troppo generosa in fatto di informazioni e di dettagli basilari sui tuoi stili di vita.
Devo pertanto basarmi su ipotesi e congetture.
Essere vegetariani è ottima cosa ma non basta.
Eticamente non basta, perché l'accettazione del latte implica pure quella delle stalle e pertanto anche quella dei macelli, visto che dove ci sono allevamenti ci stanno anche i relativi mattatoi.
Salutisticamente non basta, perché l'accettazione di latticini e uova può significare, in termini di input proteico-animale, quote addirittura superiori a quelle tipiche degli onnivori-carnivori, che magari si mangiano la bistecca ma evitano i formaggi.

IL LATTE-OVO-VEGETARIANISMO E' ARMA A DOPPIO TAGLIO

Il vegetarianismo è spesso pericoloso, in quanto dà ai suoi adepti una falsa sensazione di sicurezza e di invulnerabilità, ovvero di illusoria superiorità nei riguardi della gente comune. Il vegetariano tende a pensare di aver raggiunto un’invidiabile meta, di essere approdato al porto giusto, di essersi posto al riparo da ogni catastrofe, quando invece la sua condizione è quella di un semplice vantaggio provvisorio che va capitalizzato e perfezionato.

PERSINO IL VEGANO NON DEVE DORMIRE SUGLI ALLORI

Spesso non basta nemmeno essere vegani.
Il veganismo è impeccabile dal punto di vista etico ed estetico, su questo non ci piove.
Ma se un vegano si carica di cibi cotti, di cibi concentrati, di pasta-pane-pizza, di alimenti salati, e ha pure manica larga in fatto di dolci, di bevande alcoliche, nervine, gassate, o magari di integratori, non risolve affatto i suoi problemi di omeostasi e di salute.
Ecco allora che la logica, e non soltanto il cuore, portano al veganismo. Ma non a un veganismo qualsiasi.
Portano dritti dritti al veganismo tendenzialmente crudista, ed anche al veganismo ordinato, mirato e intelligente, cioè a quello scientifico, a quello igienistico-naturale che spazia a 360 gradi sulle scelte che più si confanno all'essere umano, oltre che all'ambiente e agli altri esseri, clienti paritetici dell'hotel terrestre che ci ospita per una, due o tre manciate di decenni.

C’E’ IL VEGANISMO COERENTE E IL VEGANISMO PER SCOMMESSA, PER MODA O PER AVVENTURA

Portano cioè al veganismo senza timori e senza paure, quello che se ne sbatte altamente dei controlli medici, non per irresponsabile, ma per convinzioni scientifiche che non lasciano scampo al precario ragionamento medico.
Quel veganismo dotato di impenetrabile armatura. Quello che non cade sulle maleodoranti stronzate della B12, e nemmeno sulle mascalzonate americane dell’Aids. Quello che non si fa abbindolare dagli spot sul grana, sugli Omega-3 ittici e sui vaccini.

LA CUROMANIA NON PAGA

Nel caso tuo, c'è il problema della menopausa, per cui è venuto pure a mancare il beneficio di quel ciclo che, pur essendo virtualmente evitabile nelle donne super-equilibrate, nella stragrande maggioranza dei casi rappresenta un mezzo valido di disintossicazione ciclica mensile.
Il fatto che tu ti curi con qualcosa fa già capire un errore di impostazione ideologica. Cure ayurvediche, omeopatiche, erboristiche o cinesi, non invasive e sballanti al pari di quelle mediche, ma sempre di cure si tratta. Cure che cercano di stoppare dei sintomi. E dunque non ci siamo.
Il tuo ipotiroidismo, la tua ritenzione e il tuo sovrappeso non vanno per niente curati. Non sono essi la malattia causante ma sono la malattia conseguente, sono la spia rossa di avvertimento, il campanello d'allarme.
Cure che ti fanno certamente calare. Non di peso ma di portafoglio.

DIAMOCI UNA CULTURA IGIENISTICA LEGGENDO MENO JUNK-CULTURE, MENO RIVISTE-SPAZZATURA E PIU' COSE MIRATE

Chiaro che l'obiettivo giusto non sono i sintomi ma la malattia causativa a monte che, nel caso tuo, è proprio l'imperfezione vegetariana, negligente ed approssimativa per definizione.
Sulle tesine di novembre, pubblicate nel blog, ho toccato più volte la questione della diuresi, della pigrizia linfatica, e quindi anche della ritenzione. Ti consiglio di leggerle. Allego alla presente la tesina sul mio schema nutrizionale.
Hai detto poco nel tuo messaggio. Ma una cosa importante l'hai centrata: "qualsiasi cosa, anche la più tranquilla, la trattengo".

ESISTE PERSINO LA RITENZIONE DI ARIA

Persino le cose più leggere ed innocenti, quali l'aria e l'acqua, sono facili da ingerire e meno facili da espellere.
L'aria fresca non presenta problemi digestivi. Ma se non sappiamo respirare a fondo, se non ci muoviamo a sufficienza con dell'attività aerobica, se non assumiamo un ritmo e non prendiamo possesso da cima a fondo dei nostri polmoni, col cacchio che la mandiamo fuori completamente. Quanta è la gente che soffre di ritenzione gassosa, per carenza di ricambio respiratorio? La stragrande maggioranza.

NEMMENO L'ACQUA VA FUORI CON FACILITA'

Uno si scola un bicchiere d'acqua, e parlo di acqua leggera e perfetta, quella priva di minerali inorganici dannosi ed inquinanti. Pensi forse che dopo un po' costui vada ai servizi a mandar fuori un bicchiere di acque stanche, sullo stile chiodo scaccia chiodo? Nemmeno per sogno. Dipende dal suo tasso interno di inquinamento. Da quanto sale, da quanti integratori, da quanti cibi cotti, da quanti residui cadaverinici e caffeinici ospita nel suo organismo.
Se invece il suo sangue e la sua linfa risultano fluidi ed equilibrati perché, al contrario di quanto insegna la medicina stiticoide, si mangia abbondanti arance, kaki, kiwi, mirtilli, meloni, carciofi, cavoli e carote, e lascia i brodi, i parmigiani, i prosciutti e le frattaglie animali a chi odia se stesso e il mondo intero, sia l'aria che l'acqua gli andranno fuori senza troppi freni.

LA PAROLA D'ORDINE E' VELOCIZZARE

Il tuo sistema, cara Scilla è intasato e rallentato. Pigrizia intestinale, pigrizia evacuativa, pigrizia circolatoria (sangue denso) e pigrizia linfatica. Ovvio che anche il sistema ormonale fa fatica a spingere questo volume di materiale inattivo che ti porti addosso. Ovvio che soffri di insufficienza endocrina, epatica, renale ed intestinale.
Vivi praticamente col freno a mano tirato. Liberatene una buona volta. Velocizza il sistema, in tutti i modi possibili ed immaginabili.
Più frutta, più crudo, magari dopo aver fatto un digiuno purificante di tre giorni. Più attività fisica, più camminate veloci sbuffando e sudando, più esposizioni al sole.

CI SONO LIQUIDI E LIQUIDI

Un conto è avere 30 litri di liquidi dinamizzati da un sistema funzionante che li rinnova e li vivacizza in continuazione (mangiando vivo e crudo, respirando a fondo, muovendosi, cantando, sorridendo, commuovendosi, emozionandosi, motivandosi, gioendo e vivendo) e un conto è avere 30 litri di acqua stagnante (mangiando cibi tranquilli ma incollanti, respirando poco e male, ubriacandosi di televisione, di letture insulse e di inconcludenti cure ayurvedico-omeopatiche).

Valdo Vaccaro

ELENCO COMPLETO TESINE DI NOVEMBRE

ELENCO COMPLETO TESINE DI NOVEMBRE

Siccome sto ricevendo decine e decine di richieste di spedizione tesine, nonostante abbia pubblicato sul blog le istruzioni aggiornate per ottenerle, pubblico qui di seguito l’elenco dei titoli, per coloro che raccolgono in cartelle e per argomenti il mio materiale.
A chi mi scrive per dei problemi , come spesso succede, continuerò a rispondere allegando quando serve degli articoli di supporto, come sempre fatto.
Non sono invece in grado, purtroppo, di mantenere il vecchio onere di spedire le mie tesine regolarmente a migliaia di amici. Anche perché esiste il famoso rischio costante di oscuramento, per cui il mio webmaster invita tutti ad andare sul blog e seguire precise istruzioni per continuare a ricevere le tesine in automatico, man mano che esse vengono pubblicate (il servizio rimane gratuito finché ci riesce di farlo).
Le tesine di novembre, qui sotto elencate, si trovano tutte sul blog www.valdovaccaro.blogspot.com, e sono scaricabili gratuitamente:

1)Angioedema e mestruo, riniti e cistiti, emicrania e calcoli, del 26/10/11
2)Medici robotizzati ed imbalsamati, del 29/10/11
3)Frutta e verdura vincenti contro ictus ed infarto, del 29/10/11
4)Il rimedio già esiste e si chiama mal di gola, dell’1/11/11
5)Igiene Naturale e Scuola Medica Hameriana, del 2/11/11
6)Problemi di pelle e trattamento igienistico, del 2/11/11
7)Sindrome di Marfan, sclerosi multipla, ipotiroidismo, farmacodipendenza e alimentazione aberrante, del 3/11/11
8)Ferrocarenza postparto e arricchimento cibi, del 3/11/11
9)Sclerosi primaria progressiva e cambiamento di rotta, del 4/11/11
10)Le endorfine, gli sgarri e le bolle sulla pelle, del 4/11/11
11)Resoconto igienistico dopo sei mesi di sperimentazione, del 4/11/11
12)Via il diabete, via i calcoli renali e via l’ipertensione, del 5/11/11
13)Sospetta toxoplasmosi in gravidanza, del 5/11/11
14)L’epatite-C e il farneticante bubbone Aids, del 6/11/11
15)BMS, sindrome della bocca che bruicia, del 9/11/11
16)Diabete gestazionale e mamma al settimo cielo, del 9/11/11
17)Microangiopatia con tremori al braccio e alla gamba, del 9/11/11
18)L’imperdonabile e demenziale cattiveria della carne morta, del 10/11/11
19)Reflusso gastrico, latte di soia e qualità dell’acqua, del 10/11/11
20)Risolto finalmente il rebus dell’acqua distillata, del 10/11/11
21)Gravidanza in perfetta forma e messaggio alle mamme d’Italia, del 10/11/11
22)Cremonini, Robbins, Napoleone, e un flauto magico come sottofondo, dell’11/11/11
23)Piccoli preti storti e malfatti, del 12/11/11
24)Igiene Naturale da inserire nelle scuole, del 12/11/11
25)Uretrite, scarichi immunitari e impeccabile carne bovina, del 12/11/11
26)Mangiatori di bimbi, di scimmiette e di cani, del 12/11/11
27)Diuresi, ritenzione idrica e diabete insipido, del 12/11/11
28)Frutta succosa e salute in abbondanza, del 13/11/11
29)Igienismo odontoiatrico e lotta all’indottrinamento chimico, del 13/11
30)I riti sacrificali dell’Islam, del 13/11/11
31)Lavaggio epatico, calcoli cistifellea, cura Clark e cura Moritz, del 14/11/11
32)Accendere la speranza è fondamentale, del 14/11/11
33)Estrazione dentaria e granuloma in formazione, del 14/11/11
34)Bollicine psoriasi che ai piedi e fallimentari cure al cortisone, del 15/11/11
35)Urge dieta profumata e innocente, a misura d’uomo e di bambino, del 15/11/11
36)Voglia di serenità e voglia di gravidanza, del 15/11/11
37)Dalla bronchite, all’otite e alla tachipirina, del 15/11/11
38)Le snelle ciucciatrici di integratori e di biscottini, del 15/11/11
39)Metalli pesanti, mineralogramma e crema di avena, del 15/11/11
40)Fibromialgia, integratori magici e serotonina, del 17/11/11
41)Grandi benefici muscolari, ma pelle secca e capelli fragili, del 17/11/11
42)Il menu scolastico vegano non è più un miraggio, del 17/11/11
43)Ipertensione arteriosa e valori che si rifiutano di scendere, del 17/11/11
44)Otite media colesteatomatosa o colesteatoma, del 17/11/11
45)I fibromi si bloccano, si disgregano, ma non si asportano, del 17/11/11
46)Paura del volo e attacchi di panico, del 19/11/11
47)Tiroide asportata, Eutirox-dipendenza e spremute degli usurai anti-italiani, del 20/11/11
48)Diete antiprurito per piloti e assistenti di volo, del 20/11/11
49)Flatulenze e mescolanze, del 20/11/11
50)Infertilità temporanea maschile e femminile, del 21/11/11
51)Stress sentimentale e Candida Albicans, del 22/11/11
52)I danni delle integrazioni vitaminiche infantili, del 22/11/11
53)Messaggio importante a tutti i lettori, del 22/11/11
54)Nove mesi senza Eutirox e in ottima forma, del 22/11/11
55)Vaccinazione antitetanica in ambito militare, del 22/11/11
56)La bellezza viene dall’interno più che dalle creme, del 22/11/11
57)Medicina naturale, filtri renali e mortamina-C, del 22/11/11
58)Spettacolare nono mese di gravidanza, del 22/11/11
59)Asportare la stitichezza e non le emorroidi, del 22/11/11
60)Strabiliante e verace testimonianza palermitana, del 22/11/11
61)Consapevolezza catanese e lotta all’indottrinamento, del 22/11/11
62)Promettenti lavori in corso e addio al caffè, del 23/11/11
63)Multiple sclerosis hypothesis and College of Natural Health, of 23/11/11
64)Ipotesi di sclerosi multipla e Università Americane della Salute Naturale, del 23/11/11
65)Fosfatasi alcalina, omocisteina ed esami di laboratorio, del 23/11/11
66)Testimonianza di medico-cardiologo ospedaliero, del 24/11/11
67)Salto di qualità in direzione vegana, del 24/11/11
68)Paraplegia spastica, sindrome extrapiramidale e e test genetico, del 25/11/11
69)Ossalati, solanine e altri velenucci, del 25/11/11
70)Psoriasi cronica tuttora irrisolta, del 26/11/11
71)Scarsa rigorosità e prostatite che non si disinfiamma, del 26/11/11
72)Stress, sonnolenza, emotività e sdrammatizzazione, del 26/11/11
73)Operazione al seno, morale a pezzi e voglia di risorgere, del 27/11/11
74)Come contrastare l’acido urico e l’insufficienza renale, del 27/11/11

Da notare che ho anche provveduto a correggere sul blog tutti gli errori possibili, per cui chi vuole usare le tesine per eventuali re-diffusioni, può utilizzare le versioni aggiornate e corrette in data odierna.


Valdo Vaccaro