Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 15 marzo 2013

28 CHILI IN MENO, SALUTE IN PIÙ E SCARSO SEGUITO FAMILIARE


LETTERA

HO STABILIZZATO IN MODO DEFINITIVO IL PESO-FORMA

Buon pomeriggio Valdo, dopo di aver cambiato modo di mangiare usando i tuoi consigli, da circa 18 mesi ho notato e visto sul mio corpo solo miglioramenti. Ad esempio ho perso 28 kg senza alcun sacrificio. La cosa più sbalorditiva è che la pelle non ha subito alcuna smagliatura, come immaginavo e temevo che succedesse.

STO MAGNIFICAMENTE EPPURE NON MI ASCOLTANO

Ovvio che sto cercando di estendere alla famiglia questo metodo a dir poco formidabile, avendo due genitori legati ai metodi della tradizione, e sicuramente bisognosi di stare meglio. In particolare mio padre che, 4 anni fa, si è tolto i polipi intestinali con le nuove tecniche in day hospital.

MIO PADRE ARRISCHIA ALTRE OPERAZIONI

I medici, in un primo momento, gli hanno vietato il vino e le sigarette. Per il fumo è comunque da 15 anni che lo evita. La cosa sbalorditiva è che, di recente, lo hanno autorizzato a consumare mezzo bicchiere di vino a pasto, e lui non se lo è fatto ripetere due volte. Mangiamo alla stessa tavola. I miei miglioramenti li ha notati pure lui, anche se si schermisce dicendomi che "un po' di ciccia al corpo fa bene!". Mia madre la pensa pressappoco allo stesso modo. Mi vedo costretto a disinteressarmi di loro. Tra l'altro, a mio padre stanno pure ritornando i vecchi sintomi che aveva prima dell' operazione. Posso fare secondo te qualcosa di meglio?
Michele

*****

RISPOSTA

NEMO PROPHETA IN PATRIA

Ciao Michele. Quello che riferisci rappresenta quasi uno schema tipico. I romani lo hanno descritto come meglio non si poteva, con la frase "Nemo propheta in patria". C'è anche da dire che a volte non basta nemmeno il buon esempio. Deve scattare una qualche scintilla dal di dentro. O forse ci vuole davvero lo spauracchio della sala operatoria.

NESSUNO AMA ESSERE GUIDATO A BACCHETTA

La cosa migliore che puoi fare è continuare nel tuo cammino senza far loro troppe osservazioni. Lascia che siano loro a chiederti consiglio, se e quando vorranno. E' probabile che per adesso essi considerino il tuo prodigarti come una fissazione e come una impropria invadenza. Ognuno ci tiene molto alle proprie scelte, per cui non accetta facilmente soluzioni alternative confezionate da altri. Ci deve mettere qualcosa di suo, nei tempi e nei modi di apportare eventuali modifiche. L'ideale è di dar loro modo di leggere qualcosa di semplice, chiaro e convincente.

FORSE SOTTOVALUTANO

O forse stanno magari sottovalutando la tua peso-riduzione, confondendola coi tanti casi di dimagrimenti fasulli, caratterizzati da malesseri, da sete, da riprese del peso e cose del genere. In tal caso chiaramente sbagliano di grosso. La tua è stata una riduzione di tipo qualitativo, non un miserevole e precario trucco alla Atkins o alla Dukan. Tu hai rimediato all'obesità in modo naturale e corretto, e pertanto in modo definitivo. Forse è successo troppo di fretta, nel giro di un anno e qualche mese. Porta pazienza e mettila sul lato tollerante e scherzoso.

Valdo Vaccaro

1 commento:

Task Force Butler ha detto...

Parafrasando Voltaire: "Non sono d'accordo con ciò che mangi, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a farlo".

Posta un commento