Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona il box in alto "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 15 marzo 2013

TONSILLECTOMIA INFANTILE E DEVASTANTE BRONCHITE



LETTERA

PROBLEMI RESPIRATORI E DISINVOLTE ASPORTAZIONI

Gentile Valdo, grazie di dare luce a tanta gente. Il mio bimbo, di quasi 6 anni, soffre di problemi respiratori. Gli hanno tolto tonsille ed adenoidi ad agosto scorso, ma siamo punto e a capo. Da ottobre ha una tosse che non va via.

TEST DEL SUDORE, CURE CORTISONICHE E TOSSE CHE CONTINUA

Gli hanno fatto il test del sudore, grazie a Dio negativo. Ma la pediatra dice che ha tutta la sintomatologia tipica delle malattie polmonari. Quindi visita dallo pneumologo che ha deciso per il cortisone di mattino e sera per tutto l'anno esclusa l'estate. Sono 3 settimane che lo fa e non vedo alcun miglioramento.

INUTILITÀ DELLA OMEOPATIA

Sono andata da un omeopata che mi ha prescritto le sue minidosi omeopatiche. Qualche miglioramento c'è, ma i colpi di tosse continuano. Sono mesi che non va a scuola. Non è asmatico. È costretto però a restare isolato. Come torna in classe siamo sempre alle solite. Da ottobre a marzo ha già fatto 4 bronchiti in successione. La prego mi dia un po' di illuminazione.
Letizia, mamma di Giorgio

*****

RISPOSTA

QUESTO È UN CLASSICO ESEMPIO DI COME NON SI DEVONO TRATTARE I BAMBINI

Ciao Letizia, quando si gioca a tressette, si può giocare al più o al meno. Nel gioco al meno vince chi fa meno punti. Ma nel caso del tuo bambino, sia tu che la gente a cui lo hai affidato, avete tutti giocato al meno, ossia al farlo stare peggio. Ci fosse almeno stato uno sciopero dei medici in quei giorni. Come si faccia ad asportare delle tonsille, parti nobili del sistema immunitario non riesco ancora a capirlo.Come si possa curare poi a base di cortisone giornaliero per un anno intero o quasi un paziente, ed in più un paziente-bambino, non riesco a capire.

MEGLIO VOLTARE PAGINA

Fa una bella respirazione. Non filare oltre-misura su quanto accaduto e volta pagina. Non sono un terapeuta alternativo. ma cerco di dare contro-informazioni in questo manicomio medico mondiale dove sta accadendo di tutto. Blocca ogni cura in corso e non rovinare ulteriormente la tua creatura. Offri al tuo bambino la possibilità di riprendersi.

RIDARE FUNZIONALITÀ E VITALITÀ AL SUO ORGANISMO

Prendi nota che la bronchite è una condizione catarrale causata essenzialmente da eccesso di grassi, di zuccheri e di amidi raffinati nell'alimentazione. La bronchite cronica poi è il risultato della soppressione delle crisi bronchiali acute precedenti. Per non dire poi delle allucinanti cure subite. Frutta e verdura a cassette in un angolo freddo della casa, questo ci vuole. Lavorare assai più con la centrifuga che con le manopole del gas. Farlo riposare a letto nella fase iniziale della cura. Potrà anche servire un paio di giorni di digiuno ad acqua e succo d'arancia, sopportando eventuali scarichi eliminativi in fase iniziale. In genere una bronchite guarisce da sola nel giro di una o due settimane, usando un minimo di attenzioni.

CONSIGLI VARI

Se non puoi digiunare, va benissimo il semidigiuno a sola frutta, inserendo magari il piatto di insalata cruda, germogli e avocado a pranzo e cena, con del pane integrale, più del rafano grattugiato. Bere un litro d'acqua al giorno per aiutare il muco a fuoriuscire. Consigliabile applicare di notte sui bronchi un cataplasma di cipolle tagliate, oppure un cataplasma di patate (meglio se rosse) grattugiate, e addizionate di mezza radichetta di zenzero grattato. Una bevanda a base di miele, aceto di mele e acqua, calma la gola e anche la tosse. Il the di liquirizia (si trova in farmacia) è ottima bevanda in questi casi. Anche l'infuso di malva e di menta (una presa per ogni tazza da bere) va bene, dolcificata con della polvere di acero o di stevia.

FATTORI DI PATOLOGIA BRONCO-POLMONARE

Le malattie dei bronchi (ed anche quelle dei polmoni) sono causate dall’aria viziata, dal fumo attivo e passivo, dalle bevande nervine ed alcoliche e gassate che impediscono di respirare profondamente, dalle pessime abitudini respiratorie (non svuotanti e non riempienti), dalle impurità derivanti dalle fermentazioni putride dell’intestino (carni, latte, pesce, zuccheri innaturali), dallo scarso movimento fisico, dalla poca attività funzionale della pelle che non trasuda veleni tramite i pori come dovrebbe. Quando Giorgio tornerà a scivola, sarà opportuno pretendere un banco vicino alla finestra socchiusa e quindi ad aria circolante.

ACIDIFICAZIONE E MUCO CATARRALE

E così ci si ritrova sempre nel ritornello della solita acidificazione, dell’irritazione alle mucose, dell’infiammazione, e conseguentemente del muco catarrale. Polvere, gas tossici, aria stantia, fumo di sigaretta-sigaro-pipa, gas di scarico, fanno il resto, compromettendo la funzionalità dei vari organi. Le malattie-sintomo, corrispondenti a tali situazioni (a tali malattie-causa), vengono denominate bronchite, bronchite asmatica, bronchite acuta, broncopolmonite, tosse canina, tosse nervosa e tosse convulsiva. La natura di questi stati di anormalità e di patologia è sempre la stessa, e riguarda da un lato la congestione delle mucose (pelle che riveste internamente i vari organi), e dall’altro l’anemia cutanea, cioè l’inefficienza funzionale della pelle esterna.

PROVA DEL SUDORE E FIBROSI CISTICA

Un test di questo tipo sottintende determinate ipotesi. La fibrosi cistica comporterebbe alterazioni funzionali alle ghiandole esocrine (muco, sudore, lacrime), che risultano poco idratate, più dense e viscose del normale, e conseguenti danni a carico di polmoni e pancreas. Ovvio che pure il sangue deve essere denso e viscoso in questi casi, per gravi errori alimentari. Anche se non c'è tale patologia, serve rivedere un po' tutto e suggerisco lettura sistematica di quanto sta nel blog. Fluidificare il sistema con adeguato apporto di acqua biologica e acqua clorofilliana da frutta e verdura crude.

TESINE DA LEGGERE

- Streptococcus pneumoniae e carrozzone monatto, del 15/3/13
- Bronchite ed estratto di lumaca, del 7/3/12
- Bronchite, asma e intolleranze, del 5/10/10
- Sinusite, bronchite e cadaverinite cronica, del 30/11/11
- Come risolvere la broncopatia ostruttiva, del 26/6/10
- Consapevolezza catanese e lotta all'indottrinamento, del 22/11/11
- Dalla bronchite, all'otite e alla tachipirina, del 15/(11/11
- Il quasi-soffocamento da sarcoidosi, del 9/3/11
- Stress respiratorio, broncopolmonite e idronefrosi infantile, del 13/4/12
- Tosse, bronchite e broncopolmonite, del 18/3/10
- Adenoidi ingrossate e intervento dietro l'angolo, del 20/2/12
- Raffreddore, otite, tonsille e adenoidi, del 29/12/11
- Tonsille, appendice e sistema immunitario, del 5/2/10
- Sindrome nefrosica e danni da cortisone, del 10/10/12-
- Polimiosite, cortisone e farmaci immuno-soppressori, del 6/2/12
- Educazione alimentare dei bambini, del 18/4/12
- Radicali liberi, stress ossidativo e chiave flavonica al benessere, dell'11/2/13

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento