Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

mercoledì 23 marzo 2016

FIBROMATOSI DERMOIDE E CAMBIO STILI DI VITA


LETTERA

ASPORTAZIONE DI MASSA IN FIBROMATOSI DERMOIDE

Ciao Valdo, mi è stata diagnosticata una patologia rara, denominata fibromatosi dermoide. La massa è stata asportata e mi dicono presenti un alto tasso di recidive.

VORREI EVITARE SIA LE RECIDIVE CHE LE TERAPIE ORMONALI

Ora io non vorrei fare chissà quanti interventi e neanche la terapia ormonale che consigliano in caso di recidiva mi convince troppo. Come e cosa potrei cambiare nel mio stile di vita? Ho 48 anni e ho sempre mangiato pochissima carne, ma da circa 6 mesi l'ho completamente eliminata. Grazie se vorrai darmi un consiglio.
Silvia

*****

RISPOSTA

FIBROMI E FIBROMATOSI

Ciao Silvia. Il fibroma è un tumore benigno del tessuto connettivo. La fibromatosi è una patologia caratterizzata dall'apparizione di fibromi o tumori fibrosi più o meno sparsi nelle varie regioni del corpo. Le fibromatosi comprendono diversi tipi di malattie la cui causa è generalmente ignota, che coinvolgono soprattutto la pelle e i tessuti superficiali, a volte le ossa, le articolazioni e il sistema nervoso. Sulla pelle si manifestano in forma di placche, noduli o bande indurite, di colore bianco, giallo, rosa o bruno.

VARI TIPI DI FIBROMATOSI

Le principali fibromatosi sono 1) Il morbo di Dupuytren è una patologia cronica, progressiva, dovuta ad ispessimento e retrazione dell'aponeurosi palmare che determina una flessione permanente, progressiva ed irriducibile di una o più dita e conseguente rigidità articolare. Più di 180 anni sono passati dal 1831 quando il barone Guillaume Dupuytren (1777-1835) presentò e sue scoperte a Parigi sulla malattia che ha acquisito il suo nome. Ma le cause della malattia di Dupuytren rimangono ancora sconosciute. I trattamenti attuali mirano a rallentare la progressione della malattia e a migliorare la funzionalità della mano. La malattia di Dupuytren è una malattia benigna, non letale, anche se a volte può risultare invalidante. 2) Stessa forma riguardante la pianta del piede. 3) Fibromatosi del pene. 4) L'ispessimento dell'estremità delle dita. 5) I tumori dermoidi (fibromatosi profonda che si manifesta con placche fibrose indurite).

TENDENZA ALLA RECIDIVA

La gravità delle fibromatosi varia di molto. A volte il danno è soprattutto estetico. In altri casi le conseguenze dei problemi organici arrecati dalla malattia sono molto più consistenti. Alcuni fibromi hanno un'evoluzione simile a tumori che recidivano dopo l'ablazione.

TRATTAMENTI MEDICI SUL SINTOMO

Le cure mediche si basano sugli immunosoppressori. Tuttavia, alla luce dei danni provocati da tali farmaci al midollo (aplasia midollare, una forma di anemia caratterizzata dall'insufficiente produzione nel midollo osseo, e anche sviluppo eventuale di tumore midollare) ci sono notevoli controindicazioni per tali cure. Nemmeno le asportazioni chirurgiche sono prive di rischi, vista la frequenza delle recidive.

APPROCCIO HEALTH SCIENCE

La cura della non cura sul sintomo è la base ideologica dell'Igiene Naturale anche quando la medicina fa interventi normali e considerati quasi di routine. In questi casi poi, dove si evidenziano già in partenza carenze cognitive, buio pesto sull'eziologia e sugli stessi risultati di eventuali interventi più o meno approssimativi e più o meno sperimentali, a maggior ragione serve prudenza e umiltà, più che avventurismo operativo.

NIENTE BACCHETTE MAGICHE MA RISPETTO DEGLI STRUMENTI DI AUTOGUARIGIONE

Non è che noi igienisti naturali possediamo bacchette magiche, e che possiamo togliere le castagne dal fuoco alla medicina impotente e disorientata di fronte a queste malattie poco conosciute. Abbiamo però dalla nostra parte uno strumento importante che si chiama capacità interpretativa. Capacità interpretativa che deriva dal nostro rispetto per le leggi della natura e dell'auto-guarigione, per la legge di causa ed effetto, per la legge secondo cui il corpo non va mai contro se stesso. i chiari principi e le precise leggi della salute e dell'autoguarigione. Gli squilibri e le alterazioni possono prendere mille vie e mille forme, ma partono sempre dalle stesse cause.

IL CORPO UMANO NON FUNZIONA A SETTORI

Scartando per principi precisi ogni ipotesi microbica ed ogni ipotesi genetica, non esiste inguaribilità, a patto di credere per l'appunto nelle leggi millenarie fissate da Madre Natura Sovrana Mediatrice di tutti i mali. Il corpo umano non funziona a settori. Non è concepibile che una parte lavori al meglio e un'altra no. Chi si ammala è di sicuro intossicato. Serve depurazione prima ancora che rafforzamento.

NIENTE RECRIMINAZIONI MA GUARDARE IN AVANTI

Nel caso specifico sarebbe stato meglio evitare l'asportazione. Ma a giochi fatti non serve recriminare. Vale invece il cambiamento radicale dello stile di vita e l'adozione del pacchetto-salute che proponiamo in linea generale. Vale il miglioramento della formula del sangue ottenibile solo con digestioni sobrie, semplici e regolari. Vale l'assorbimento solare. Vale uno stacco totale da farmaci e da integratori. Vale un maggiore apporto di vitamine naturali. Vale una migliore preparazione igienistica, ottenibile dedicando più tempo, più energia personale e più fiducia nello studio del materiale informativo a disposizione sul blog.

Valdo Vaccaro















Nessun commento:

Posta un commento