Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

sabato 26 marzo 2016

UN RE NUDO CHIAMATO MEDICINA E UNA DENUNCIA SULLE PENOSE INSULSAGGINI DELLE IENE


LETTERA

DAL SITO NEXUSEDIZIONI IL VIDEO-RISPOSTA DI MASTRANGELO A NADIA TOFFA

Ciao Valdo, dal sito nexusedizioni.it il video-risposta a Nadia Toffa delle Iene che lo stesso dr Domenico Mastrangelo ha preparato in replica alle argomentazioni e all'esempio di giornalismo fornito dalle Iene.
Elena Fasulo

*****

OMAGGIO A NADIA TOFFA, LA SIGNORA CHE È VENUTA A TROVARCI A MILANO

Ciao Nadia. Hai dato un esempio magistrale di giornalismo e di divulgazione scientifica, quella solita delle Iene però, entrando dove eravamo in congresso, io e il dr Valdo Vaccaro, e venendo a insegnare a noi le cose sull'Aids. Mi sono permesso di fare qualche ricerca, scoprendo che hai studiato filosofia all'Università di Firenze, facendo una tesi sulla Storia della chiave iconografica di San San Pietro, correggimi se sbaglio.

HANNO RAGIONE PETER DUESBERG E KARY MULLIS

Qui ti propongo quello che ho fatto io nei miei 37 anni dopo la laurea in medicina. Non leggo tutto. Questa è una paginetta e un elenco di titoli con 100 pubblicazioni scientifiche in lingua italiana ed inglese. Di cosa abbiamo parlato con la Toffa? O meglio di cosa ha parlato lei? Lei voleva sapere se questo virus Hiv esiste o no. Nadia leggi questo mio libro e trovi le risposte! Io non ho detto che il virus Hiv non esiste. Lo ha detto lui, Peter Duesberg. Se devo scegliere tra il dare retta a te, che dici che il virus Hiv esiste, e Peter Duesberg e Kary Mullis, se permetti do retta a questi due grossi scienziati. Per me hanno ragione loro.

LA RISPOSTA DI LUC MONTAGNIER SUL PERCHÉ LA GENTE MUORE IN AFRICA

Per quanto riguarda la domanda Di cosa muoiono le persone in Africa, sentiamo cosa dice Luc Montagnier. Questa mia presentazione verte sull'Aids, ma non dobbiamo dimenticare che esistono altre epidemie persistenti e pericolose come la malaria, la tubercolosi e simili. Inoltre, nuove epidemie non possono essere escluse, dal momento che le attività umane determinano fattori che le favoriscono. Tra questi: 1) Scarsità di pane, 2) Mancanza di acqua corrente, 3) Globalizzazione e accelerazione degli scambi, 4) Inquinamento atmosferico e chimico, 5) Stress ossidativo e depressione del sistema immunitario, 6) Malnutrizione, 7) Abuso di farmaci, 8) Invecchiamento, 9) Immunodepressione, 10) Riscaldamento globale, 11) Cambiamento nei comportamenti sessuali. Firmato Luc Montagnier!

LE CAUSE DELL'EMERGENZA AIDS STANNO NELLA MALNUTRIZIONE E NELL'ABUSO DI FARMACI

Montagnier continua dicendo che questi ultimi fattori, in particolare la depressione del sistema immunitario causata dalla malnutrizione, che è uno dei mali che affliggono l'Africa Sub-Sahariana, in particolare l'abuso di farmaci e le co-infezioni, sono probabilmente le cause dell'emergenza Aids come epidemia globale che interessa molti se non tutti i continenti.

NESSUNA CURA ESISTE CONTRO L'HIV, FIRMATO OMS E FIRMATO WHO

Di cosa si muore in Africa? Di tutte quelle cose che sono appena state elencate. Come si cura l'Aids? Leggiamo il rapporto OMS aggiornato al luglio 2015. Non esiste alcuna cura per l'Hiv e per le infezioni da Hiv. Detto in inglese, There is no cure for Hiv infection! firmato WHO. WHO significa World Health Organization. Se non fosse chiaro abbastanza, questa è la dichiarazione ufficiale che non ci sono cure contro l'infezione da Hiv, ed è scritto su documenti dell'OMS.

L'AIDS IN AFRICA SI CURA CON MISURE DI SANITÀ PUBBLICA, PORTANDO ACQUA, CIBO, CASE, SERVIZI E POTERE D'ACQUISTO AI BISOGNOSI

Pertanto chi dice che l'Hiv si cura mediante farmaci antiretrovirali dice una cosa contraria alla scienza ufficiale internazionale. Come si cura l'Aids in Africa? L'ont peut faire régresser l'épidémie en Afrique par des misures générales de sanité publique.  Per Montagnier si può far regredire l'Aids in Africa, l'epidemia in Africa, con delle misure generali di sanità pubblica. Quello poi che dicevamo o che abbiamo tentato di dire a Milano, cioè portando acqua pulita, cioè portando cibo buono, nutrendo la gente, portando case, portando servizi igienici, portando servizi alle persone, dando potere d'acquisto alla gente miserabile. Queste sono le misure. Io l'ho detto, cara Nadia, ma tu non lo hai fatto vedere, oppure non lo hai nemmeno notato.

UN MONTAGNIER CHE FA L'EVASIVO E LO GNORRI, QUASI CHE L'HIV NON LO AVESSE SCOPERTO LUI

L'Hiv è causa di Aids? Nella introduzione al libro "Il virus inventato" di Peter Duesberg, Kary Mullis cita un episodio interessante dove aveva incontrato Montagnier a un congresso. Gli chiese a bruciapelo: Quale articolo scientifico posso citare a dimostrazione che l'infezione da Hiv provoca l'Aids? Montagnier gli rispose, cita pure l'articolo del CDC. Non ha citato un articolo di Mastrangelo, ma quello del CDC (Central Disease Control). Non i miei dati ma quelli del CDC. E Mullis ribadisce che quell'articolo della CDC non risponde affatto alla domanda da lui posta. E Montagnier prosegue. Allora perché non citi i dati sul SIV? Ancora niente i miei dati, ma articoli del SIV e del CDC. Montagnier continua a fare lo gnorri. Se l'ha scoperto lui il virus dovrebbe avere chiari i dati richiesti o no? Allora Mullis prosegue: Neache quei dati sul SIV rispondono alla mia domanda iniziale, allora cosa mi consiglia? Montagnier gli dice: Abbia pazienza ma devo proprio andare. Ci sono delle persone che devo salutare. 

I NOBEL MULLIS E MONTAGNIER NON SANNO DOVE STANNO LE PROVE, MA IL NOBEL DELLE IENE NADIA TOFFA È CERTA CHE L'HIV PROVOCHI L'AIDS

In questo colloquio allucinante riferito da Mullis e mai smentito da Montagnier, sembra proprio che il medico francese non abbia la minima idea di dove siano le prove scientifiche che l'Hiv è responsabile dell'Aids. Quindi Kary Mullis, premio Nobel per la chimica ne dubita, Luc Montagnier, premio Nobel per la fisiologia e la medicina non sa quali siano le prove che l'Hiv determina l'Aids, mentre la Nadia Toffa, premio Nobel delle Iene, ne è praticamente certa! L'Hiv è causa di Aids, che è poi quello che è venuta ad insegnarci a Milano, prendendoci anche in giro!

NESSUNO HA MAI ISOLATO IL VIRUS HIV, LO HANNO SOLO INTUITO NELLA FANTASIA

Qual'è l'altra domanda? L'Hiv è responsabile dell'Aids. Allora, prosegue Montagnier sul sito www.sidasante.com/, è stato dall'assieme delle sue caratteristiche, la produzione di RT o trascrittasi inversa, le foto delle gemmazioni cellulari e le analogie con il Visna Virus che abbiamo capito che si trattava di un retrovirus. Nota bene. Non lo hanno isolato, che è la prima cosa fondamentale da fare in ogni caso. L'hanno intuito da caratteristiche biologiche incerte ed indirette. Tant'è che Montagnier aggiunge: Quello che non abbiamo mai avuto, ed io l'ho sempre riconosciuto ed ammesso, è la prova che ci trovavamo veramente davanti all'agente responsabile dell'Aids! Firmato Montagnier. Andare a leggere i siti a disposizione del mondo intero!

IO E DUESBERG SIAMO ENTRAMBI CERTI SU QUELLO CHE NON CAUSA L'AIDS

L'Hiv è dunque responsabile dell'ìAids? Procediamo! Kary Mullis, nell'introduzione al libro di Duesberg, che era in corsa tra l'altro per uno strameritato Nobel, afferma quanto segue. Mi piace e provo grande rispetto per Duesberg. Non penso tuttavia che lui conosca necessariamente cosa causi l'Aids. Andiamo pure in disaccordo su quel particolare. Ma siamo entrambi certi circa quello che non causa l'Aids. Non esistono dati capaci di spiegare il perché la maggior parte della gente sulla Terra crede tuttora che l'Aids sia una malattia autentica causata da un virus chiamato Hiv. Semplicemente non esiste alcuna evidenza scientifica a dimostrazione che questo è vero. 

PUR VIVENDO ASSIEME A BERKELEY CALIFORNIA, NON ABBIAMO CAPITO DA DOVE SIA ARRIVATA QUESTA SATANICA FOLLIA

Non siamo stati capaci di capire il perché i dottori prescrivono un farmaco altamente tossico chiamato AZT (zidovudina) alla gente che non ha nessun altro problema se non la banale presenza di anticorpi presunti Hiv nel loro sangue. Di fatto non possiamo capire perché dei soggetti debbano prendere questo farmaco per quale che sia la ragione. Non possiamo capire perché e per come tutta questa follia sia arrivata. Essendo vissuti entrambi a Berkeley-California abbiamo visto molte cose strane. Sappiamo che sbagliare è umano. Ma l'intera idea dell'Aids è un errore di tipo satanico. Firmato Kary Mullis.

FANNO BENE O MALE GLI ANTI-RETROVIRALI?

Io Domenico Mastrangelo non ho detto niente. Hanno detto tutto loro. Basta leggere la letteratura scientifica. Allora, gli anti-retrovirali fanno bene o fanno male? Posso suggerire solo 3 soluzioni. 1) Leggere questo sito e vedere tutti gli effetti collaterali che essi causano, 2) Leggere qualche bugiardino sul prodotto, 3) Oppure seguire il consiglio di una ragazza che ha scritto alcune cose su facebook. "Nadia, ti propongo un esperimento in favore della scienza.  Ti sta molto a cuore, vedo, smontare le tesi dei dissidenti? Si potrebbe fare una cosa carina, una simulazione di quanto accade in Africa. Ti offri come volontaria per essere rinchiusa in un porcile? Ti diamo da bere acqua del mio water dove faccio la cacca tutti i giorni e ti do da mangiare una banana al giorno. A fianco ti propongo Prezista-Norvir, Epivir e Vired. Fai vedere al mondo come sarai sana grazie agli anti-retrovirali e che non è colpa delle pessime condizioni degli africani se muoiono. Fammelo sapere, visto che mi serve tempo per organizzare il tutto!

CHI È IL VERO PERICOLO PUBBLICO?

Hai definito me e Valdo come pericoli pubblici. cosa su cui dovrò pur rispondere. Ti chiedo una cosa. Secondo te chi è il vero pericolo pubblico peggiore. Quello che parla delle medicine senza neanche avere la laurea nella materia, o un laureato in Medicina e plurispecializzato che ha fatto un lavoro di documentazione scientifica, includendo nel suo libro oltre 480 riferimenti alla letteratura  scientifica internazionale? Chi è il vero pericolo pubblico, tra noi?

SERVONO DOCUMENTI SCIENTIFICI E NON CHIACCHIERE

Come concludere? Concludiano con Kary Mullis. Lui è un premio Nobel di grande valore. Lui lo dice poi da una vita. Ancorché fosse scientificamente provato, non è nemmeno probabile che l'Hiv causi l'Aids. Se vi fossero prove di questo fatto ci dovrebbero essere documenti scientifici che singolarmente o collettivamente lo dimostrano. Documenti simili non esistono sulla faccia della Terra. Cara Nadia, questo lo dice Kary Mullis, premio Nobel per la chimica, celebre per aver inventato poi la PCR che è quell'esame che permette di verificare la carica virale. 

UN CONTO SONO LE PROVE CONCRETE E UN CONTO LE RIVELAZIONI DIVINE

Dove sta la ricerca e la prova che l'Hiv causa l'Aids? Ci sono 10.000 persone al mondo che si dichiarano specializzate nell'Hiv, e nessuna di loro è interessata alla possibilità che l'Hiv non provochi l'Aids perché, se così fosse, la loro professionalità Hiv sarebbe inutile, sarebbe svuotata di ogni significato. Io posso credere in Dio, prosegue Mullis. Egli potrebbe avermi rivelato in sogno che l'Hiv causa l'Aids, ma non potrei andare davanti a degli scienziati a dire "Dio mi ha detto che l'Hiv causa l'Aids! Non conta quello che uno sogna e quello che uno crede. Contano le prove sperimentali. Quei soggetti tipo Robert Gallo e Luc Montagnier le prove non le possiedono per niente! Firmato Kary Mullis.

IO NON PENSO, IO STUDIO, RICERCO E TRAGGO DELLE CONCLUSIONI

Quindi, quando mi hai chiesto quello che penso io, Nadia, io non penso. Io studio, io ricerco e traggo delle conclusioni. In più scrivo articoli e scrivo libri. Per concludere con Kary Mullis, credere o avere fede è un atto che si applica alla Religione, non alla Scienza! Pertanto, se qualcuno mi chiede cosa credo riguardo alla esistenza del virus Hiv e alla sua relazione con l'Aids, cosa penso sugli anti-retrovirali e sui loro effetti, rispondo che  non credo in nulla. 

LA SCIENZA DIFFERISCE PROFONDAMENTE DALLA RELIGIONE

È proprio in questo che la Scienza si differenzia profondamente dalle religione. Nella religione accetti o non accetti quanto ti viene tramandato dalla tradizione senza discutere, senza studiare, senza approfondire, senza fare dei confronti, e spesso rinunciando alla logica. La scienza ti da la possibilità di analizzare, di verificare, di comprendere, di mettere in discussione, in base a dati empirici trasparenti che sono a disposizione del mondo intero.

CHI È CURIOSO LEGGA IL MIO LIBRO E POI SI FACCIA LE SUE OPINIONI

Io Mastrangelo ho fatto la mia personale analisi sulla questione Hiv-Aids basandomi non su rivelazioni divine ma sui dati della letteratura scientifica e, quello che ne è emerso, è scritto sul mio libro Le Falisà Aids. Chi è curioso legga e la smetta una buona volta di trattare la scienza alla stregua della religione, e si formi una propria opinione. Ti saluto Nadia. Anche con simpatia se vuoi!

Domenico Mastrangelo  (Titolo e sottotitoli di VV)

*****

COMMENTO

NON È UNA QUESTIONE DI LAUREA IN MEDICINA

Complimenti al dr Mastrangelo per questo magnifico ed esauriente chiarimento. Questo è un documento strtaordinario. Un piccolo appunto soltanto. Non serviva nemmeno verificare il curriculum scolastico della Nadia Toffa. Non è certo per la sua mancanza di laurea in medicina e per la chiave di San Pietro che l'esponente delle Iene è fuori percorso nella questione Hiv-Aids. E, del resto, non è nemmeno in forza dell'essere medico da 37 anni e dei 100 e più articoli pubblicati che lo stesso Mastrangelo è oggi in grado di fare le sue coraggiose e chiare considerazioni pubbliche sull'Aids. Se fosse solo una questione di laurea in medicina, dovrebbe spiegarmi il motivo per cui la maggioranza dei medici italiani e mondiali se ne sta silente e rintanata nelle sue comode e convenienti posizioni e nei suoi ipocriti allineamenti con le direttive di una Medicina e di Ministeri della Sanità quanto mai corrotti, collusi e fallimentari.

LA FORZA DERIVA DAL POSSEDERE VERIDICITÀ, CORAGGIO E TRASPARENZA

La scelta del medico Mastrangelo sono eccellenti ed avanzate. Ma non derivano per niente dalla sua laurea in medicina. Derivano piuttosto dal fatto che lui è una persona trasparente e genuina, non disposta a scendere a compromesso, non disposta a fiancheggiare ed assecondare le bufale, le invenzioni, le farse, le manipolazioni e le mistificazioni. Indubbiamente esiste un effetto moltiplicatore nei riguardi di chi è abituato a vedere nella figura del medico una sorta di divinità in terra. Non è affatto comune sentire un medico serio e affidabile come Mastrangelo smontare pezzo per pezzo documenti alla mano l'irriverente imbroglio chiamato Aids.

QUALCHE PRIMATO ESISTE PURE NELLE MIE REFERENZE CONCRETE

Del resto devo ricordare che io stesso, pur non essendo medico, pur non essendo ricercatore microbico e virale, pur non essendo docente di biologia molecolare in California o altrove, sono stato uno dei primi a scontrarmi con l'Aids e a denunciare, sia a voce che per iscritto, la grande calunnia planetaria. Questo succedeva negli anni '80 e '90, in grande anticipo su tutti i libri pubblicati in Italia e all'estero, quasi in anticipo rispetto agli stessi libri pubblicati da Duesberg. 

NIENTE RELIGIONE MA TANTA MOTIVAZIONE SALUTISTICA

Non mi venne in soccorso l'ispirazione divina o la religione o tanto meno la preparazione medica. Ero giovane e pimpante. Ero libero e indipendente. Giocavo a calcio in serie A per passione e non per soldi. Ero invitato a partite e coppe di ogni tipo tra Singapore e Malaysia. Avevo 40 anni e correvo il triplo dei giocatori di 20 anni più giovani. Mi permisi di fare 4 goal in amichevole al portiere della nazionale singaporiana dell'epoca, in procinto di andare nella Liga tedesca. Già studiavo a quel tempo i libri di Shelton e il celebre best seller Fit for Life di Harvey Diamond. Sbalordivo ogni team medico internazionale, americano o singaporiano, che mi chiedesse alle Fiere della Scienza le analisi del mio sangue, giudicato più volte straordinariamente inusuale e magnifico rispetto alla media. Voglio dire che la sapevo più lunga di qualsiasi medico sul cosa e come alimentarmi in Asia o anche qui in Italia.

NON SOLO DIETA ECCELLENTE, MA ANCHE EQUILIBRIO EMOZIONALE, RIPOSO, BUON SONNO ED ARMONIA CON L'UNIVERSO

Non mi sognai certamente di scrivere un libro specifico sull'argomento. Già esisteva The Great Hoax pubblicato nel febbraio 1970, del grande igienista americano Terry C. Fry (1927-1996), scomparso a soli 69 anni per  gravi problemi di salute precedenti al suo ingresso tardivo nella Natural Hygiene. Un Terry C. Fry che evidenziava giustamente come la Natural Hygiene non significasse soltanto dieta ma includesse anche "emotional equilibrium, rest and sleep". Un Terry C. Fry a cui venne assegnata alla Sorbona di Parigi la laurea honoris causa in Medicina per il suo rivoluzionario testo sull'Aids e sui virus. Trovavo semplicemente troppo assurda, stupida, farneticante ed insensata l'intera faccenda Aids, per essere presa sul serio. 

UNA MEDICINA BOCCHEGGIANTE E CAMPIONESSA DI VORACITÀ PER IL DANARO ED IL POTERE POLITICO

Mi trovavo in quegli anni a Singapore, capitale asiatica di ogni ideologia sterilizzante e di ogni fobia contagiofila. Quando apparvero  primissimi articoli sull'Aids ebbi l'immediata percezione, senza alcuna fatica e senza alcuna esitazione, che si trattava di una macchinazione ordita contro l'umanità malleabile, stupida e disinformata, da parte di un Regime Medico Internazionale in profonda crisi esistenziale, di una Medicina boccheggiante e alla vigilia di una implosione, di una Medicina marcia e decadente, giunta davvero all'ultima spiaggia, e quindi disposta a tutto pur di soddisfare le sue mire e la sua smisurata voracità per il danaro.

CARATTERISTICHE EVIDENTEMENTE FRODATORIE E TRUFFALDINE DEL FENOMENO AIDS

Nessuna sorpresa per uno studioso di salute, di naturalismo e di scienza igienistica, medico o non medico poco importa. Nessun dubbio sulle caratteristiche frodatorie e truffaldine dell'intero fenomeno. Quello che però mi sorprendeva era la totale assenza di critica, era lo schierarsi muto ed acritico dei media e dell'intera popolazione con le schizofreniche ed insensate affermazioni dei media.

LE SCRITTE ALLUCINANTI SUI TAXI DI SINGAPORE

Singapore era a quel tempo capitale mondiale dei taxi gialli, non essendo ancora stata costruita la magnifica rete metropolitana odierna. E su tutta l'imponente flotta di taxi apparve, dall'oggi al domani, una scheda metallica illuminata posta sul tettuccio, con scritto in grande "Be careful about your tonite companion for dinner! Qualcosa di estremamente terroristico ed antisociale, oltre che razzistico ed antioccidentale. Anche andando a Bangkok, e pretendendo di entrare in qualsiasi locale di intrattenimento pubblico tipo discoteca e simili, ti trovavi all'ingresso un cartello esplicito con scritto "No American visitors please", che finiva per escludere e discriminare anche gli europei.

ITALIA PATRIA INDECENTE DEI MEDIOCRI E DEI COLONIZZATI

Non è che in Italia la situazione fosse molto migliore. Troneggiava e dettava legge indisturbato a quel tempo il prof Fernando Aiuti, docente immunologo emerito della Sapienza, Università di Roma, capace persino di imbastire indecorosi duelli televisivi a distanza col prof Duesberg. Ebbi modo di citarlo più volte nelle mie tesine come elemento della diseducazione Aids in Italia. Non per niente il suo ruolo infido e antiscientifico viene tuttora richiamato e contestato dalle menti illuminate che non fanno certo difetto a questo nostro paese. Stesso discorso per la clinica romana Spallanzani, centro operativo di ogni scandalosa posizione su epatite-B, su Aids, su Ebola e dintorni! Stesso discorso per ex-ministri della salute come Fernando De Lorenzo, autore della firma di obbligatorietà del vaccino antiepatite B dietro sottobanchi della Smith and Kline. 

OGGI L'INTERA QUESTIONE TORNA CLAMOROSAMENTE A GALLA
Attesi gli ultimi anni '90 per la mia laurea in Naturopatia e in Scienza Comportamentale, nonché per la mia tesi sintetizzata nei "Quaderni di Hygea", pubblicata in 25 copie più copiature e riproduzioni varie, per inserire le conferme e gli arricchimenti firmati Peter Duesberg. Oggi tutto questo torna clamorosamente a galla. L'Aids stava sgonfiandosi di importanza dopo 20 e più anni di tormenti, di suicidi e di vergognose messe in scena. Lo stesso Carrozzone Aids, si stava orientando verso il dimenticatoio e verso uno smorzamento progressivo delle sue disonorevoli menzogne e delle sue inique malefatte, incorporate nelle fondazioni  miliardarie esentasse Aids dei Billy Gates, dei George Soros e dei Clinton. Solo che nel frattempo la super-redditizia formula commerciale Aids veniva inaspettatamente ravvivata dalle potenti domande di mercato da parte di paesi come la Cina, l'India e il Vietnam, per cui l'intero baraccone veniva stimolato a proseguire la sua corsa.

ABBIAMO COSE PIÙ IMPORTANTI E SENSATE A CUI DEDICARCI

Allo stato attuale delle cose la farsa Aids non rappresenta una cosa comoda da gestire, nemmeno per gli autori del misfatto, per quanto abituati ai peggiori inganni possibili ed immaginabili. Scientificamente non esistono basi difendibili e non esistono cose da approfondire e da scoprire. Vuoto assoluto . Non esistono virus da negare o da confermare. Ci sono solo cose banali e mediocri. 

NELLE COLONIE E NELLE SACCHE DISINFORMATIVE TIPO LE IENE CI SONO SOLO SCARAMUCCE DA 4 SOLDI GONFIATE A DISMISURA

Ci sono solo scaramucce senza senso e senza capo né coda nelle sottocolonie culturali e nelle sacche disinformative residue tipo il mondo delle Iene di cui qui si parla. Semplicemente si sa tutto quello che c'era sapere e si è certi non al 99 ma al 100% che si è trattato di un imbroglio epocale dalle dimensioni smisurate ed una vergogna planetaria tuttora priva di responsabili ufficiali, ma piena di teste pronte a cadere nel cestone orribile della ghigliottina. Chi rimane disinformato e beffato più degli altri è la massa, spaventata a morte e presa per il culo per decenni dai falsari della medicina!

UN RE NUDO CHIAMATO MEDICINA

Un Re Nudo chiamato Medicina Ufficiale a suo tempo bersagliato da ricercatori superlativi del calibro di Hans Ruesch (1913-2007), indimenticato autore di "Il Paese dalle ombre corte", ma soprattutto "Imperatrice Nuda", "La medicina smascherata", "La grande industria della malattia"Un Re Nudo pronto al crollo e al disfacimento tramite le sue stesse mani.

UN BUBBONE PRONTO AD ESPLODERE

Si parla non a caso dell'Aids-Hiv come di un bubbone pronto a esplodere in qualsiasi momento con devastante deflagrazione capace di annientare una buona volta l'intero apparato medico-istituzionale. Si parla di una bomba H ad orologeria per troppo tempo non disinnescata e non depurata, capace di mettere a repentaglio l'intero baraccone medico che verte e si regge su friabili piedoni di argilla e su pilastri corrosi e marcescenti quali le false curomanie sul sintomo, i falsi rimedi chemio-radio sul cancro, le false prevenzioni  basate sui vaccini, le false alimentazioni basate sulle proteine animali e gli integratori, e, per l'appunto, le pesti bubboniche, le inquietudini, i contagi e gli attentati continui ai danni della salute mondiale, chiamati Spagnola, Aids, Legionario, Aviaria, Suina, Ebola, Zika e simili.

ERRORI A RIPETIZIONE E NEMESI STORICA

Non è che tutto questo sia opera della Scienza Igienistica. Non è che siamo noi a minare e a far crollare le falsità della Medicina. Non è che il bubbone scottante dell'Aids e tutto il resto siano pronti a deflagrare per una nostra azione. Si tratta semmai di uno scotto salato e di un regolamento di conti annoso, una Nemesi Storica che la medicina deve affrontare in proprio, essendosi rovinata con le sue stesse mani, avendo sottovalutato Parmenide e Pitagora, avendo tradito Ippocrate, avendo ignorato la saggezza millenaria della Scuola Medica Salernitana, avendo privilegiato mediocri e fasulli ricercatori tipo Luigi Pasteur, mettendo da parte menti grandissime tipo Luigi Alvise Cornaro, Paracelso, Florence Nightingale, Antoine Béchamp, Max Pettenkofer, Louis Kuhne, Arnold Ehret, Claude Bernard, Herbert Shelton ed altri ancora.

Valdo Vaccaro









2 commenti:

Alice T. ha detto...

La Toffa è improvvisamente interessata a questo argomento. Non ne conosciamo la ragione. Ma vediamo un pò cosa dicono le evidenze ufficiali sulla possibilità di "contagio", facciamo finta che sia tutto vero, dall'Hiv all'AIDS alla sua trasmissibilità. Padian Study: il più importante studio mai condotto sulla “trasmissibilità sessuale” dell’HIV, ha esaminato 175 coppie sierodiscordanti eterosessuali sessualmente attive; le coppie sono state monitorate per un periodo di oltre 6 anni per valutare eventuali casi di “contagio”. Un quarto delle coppie ammise di non usare precauzioni durante i rapporti sessuali: non ci fu nemmeno un caso di siero conversione: "…male-to-female transmission was approximately eight times more efficient, than female-to-male transmission and male-to-female per contact infectivity was estimated to be 0.0009". (Padian NS, Shiboski SC, Glass SO, Vittinghoff E. Heterosexual transmission of human immunodeficiency virus (HIV) in Northern California: Results from a ten-year study. Am J Epidemiol 1997;1 46:350-357).
E ancora più interessante quello che dice sito ufficiale dell CDC: http://www.cdc.gov/hiv/policies/law/risk.html Possibilità di contagio da uomo "sieropositivo" a donna per atto sessuale: 8 su 10MILA (si avete letto bene) rapporti. Probabilmente "Valentino" soffre di satiriasi e le sue "vittime" sono tutte ninfomani. E hanno avuto moltissimo tempo per fare solo ed esclusivamente sesso, ovviamente senza condom, ovviamente quindi con contatto seminale, ma guarda caso manco una gravidanza indesiderata. E' palese la farsa di questo caso "Valentino" che pare costruito ad hoc su mandato di qualcuno e la Toffa è solo una pedina. PS inoltre avete notato che la "vittima" intervista dalla Toffa quando afferma che la sua malattia era già in "stadio avanzato" confonde pure quella che viene chiamata "viremia" con la "conta dei cd4"? La "vittima" avràs sbagliato perchè poverina magari era sconvolta, ma la Toffa poteva correggerla essendo esperta sula tema... Insomma, davvero poco credibile, cosi come tutte le implicite violazioni legali, deontologiche e di segreto professionale. Saluti.

Giorgia ha detto...

Potrei amarti se solo fossi lesbica 👏👏👏👏

Posta un commento