Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

sabato 23 aprile 2016

COME PRODURRE E CONSERVARE L'ACQUA PIOVANA E L'ACQUA DI SORGENTE


LETTERA

UTILIZZO DI ACQUA DISTILLATA

Buongiorno dr Vaccaro, sarei interessato a depurarmi con acqua distillata. So per esperienza che è il miglior solvente al mondo. Da moltissimi anni usiamo la demineralizzata per il lavaggio delle facciate dei palazzi senza rovinare nulla e con ottimi risultati. Considerando che in Italia non è commercializzata, pensavo di acquistare un piccolo distillatore per autoprodurmi la quantità necessaria familiare. Ho un unico dubbio. Visto che a contatto con l'aria diventa acida, fino a quale pH non risulta nociva? Con una normale cartina tornasole sarebbe controllabile? 

GRAZIE A LEI HO RISOLTO I MIEI PROBLEMI DI INSULINA

Dopo aver letto i suoi libri da tempo sono vegetariano quasi-vegano ed ho risolto molti dei miei piccoli problemi. Anni fa sono stato ricoverato con 540 di glicemia stabilizzata. Il tutto era iniziato con l'assunzione di insulina. Dopo soli sei mesi di insulina ho deciso che era meglio cambiare alimentazione. Il mio diabetologo mi aveva consigliato che potevo anche mangiare con moderazione zuccheri e dolci purché dopo mi fossi iniettato un po' di insulina in più.

UN COLPO DI FULMINE GRAZIE ALLE ISTRUZIONI FASULLE DEL DIABETOLOGO

Quello fu per me come un colpo di fulmine. Compresi infatti che, cambiando alimentazione, non avrei dovuto convivere con l'insulina stessa. Se l'acqua distillata elimina dei sali ne vado poi ad aggiungere in abbondanza con verdura cruda e succhi di frutta appena fatti. 

I MIEI NONNI USAVANO CUOCERE SAGGIAMENTE I FAGIOLI NELL'ACQUA PIOVANA

Purtroppo sono ancor dipendente da troppi cereali e legumi. Il desiderio sarebbe ridurli notevolmente ed in un prossimo futuro quasi eliminarli. Per la cottura utilizzo già il vapore per alcune cose, credo quindi vengano quasi cotti con acqua distillata, rimedio adottato ricordando che i miei nonni per cuocere i fagioli utilizzavano acqua piovana.

COME CONSERVARE AL MEGLIO L'ACQUA PIOVANA

Le sarei grato se potesse consigliarci che apparecchiatura sarebbe più idonea e la metodica migliore di conservazione del prodotto finito. Vetro, vetro scuro o quant'altro la sua esperienza possa condividere. Credo che molta gente possa essere interessata a tutto questo.

I RAGLI DEGLI ASINI NON ARRIVANO IN PARADISO

Le faccio i migliori auguri per il proseguimento del suo ineguagliabile lavoro sul blog con le sue tesine. Vorrei anche ricordare alle persone che non condividono questo tipo di alimentazione che poco e nulla hanno capito. Chi sparla e insulta lo fa perché non ha argomenti di discussione ma dimostra solo totale ignoranza. I miei nonni avrebbero risposta: "I ragli dell'asino non arrivano in Paradiso". In attesa di sua gradita risposta sul blog le porgo i più sinceri e cordiali saluti.
Antonio Giuliano

*****

RISPOSTA

L'ACQUA DISTILLATA NON HA MAI CAUSATO ALCUN PROBLEMA

Ciao Antonio. Complimenti intanto per aver sconfitto la dipendenza dall'insulina. Quanto all'acqua non è che io possa definirmi un grande tecnico di produzione e conservazione di acqua distillata. Posso però dire di aver fatto i miei esperimenti in proprio diverse volte in passato, raccogliendo l'acqua piovana in bottiglioni scuri di vetro e in una damigiana, o ponendola in bottiglie poste nel frigo, sempre in occasione di abbondanti e prolungati temporali. L'ho personalmente bevuta per diversi giorni senza alcun problema. Idem per la neve di cui mi sono ben volentieri dissetato quando andavo a sciare o anche quando nevicava dalle mie parti.

ACQUE PIOVANE E ACQUE DI SORGENTE SONO RISORSE PREZIOSE

Sul pH posso confermarti che l'acqua si mantiene gradita e bevibile con le sue brave caratteristiche naturali di 7.00. Del resto, anche le acque correnti di sorgente sono ottime, anche se a volte con qualche minerale di troppo, tipo ferro o tipo zolfo, come le acque ferruginose o quelle sulfuree. Il loro vantaggio è quello di essere cariche di forza elettromagnetica e di radioattività naturale. L'importante è non farne un mito e non fare di esse una specie di cura stabile. 

PER LA DEPURAZIONE CORPORALE NULLA DI MEGLIO ESISTE DELL'ACQUA LEGGERA E PRIVA DI MINERALE INORGANICO

In ogni caso l'acqua distillata, cioè depurata da residui fissi e da presenza minerale inorganica, è quella più indicata per aiutare il corpo a depurarsi. Non è un caso che le acque più leggere ed apprezzate, persino a livello di vendita nelle farmacie per uso allattamento, siano acque vicine alla formula dell'acqua distillata. Non è un caso che le migliori acque alimentari siano poi quelle di alta montagna. Non è infine un caso che le acque da iceberg vengano vendute in Usa in bottiglia a prezzi superiori a quelli del whiskey.

IL DIVIETO IN ITALIA È DETERMINATO DA SOLI MOTIVI ECONOMICI

Se l'acqua distillata rappresentasse davvero un problema per la salute non sarebbe certamente venduta in grossi e regolari quantitativi in paesi come Cina, Giappone, Australia, USA e tanti altri ancora. Né sarebbe estratta dal mare, desalinizzata e distribuita per uso alimentare in diversi paesi e in tutte le maggiori isole prive di risorse idriche.

GLI ASINELLI MERITANO GRANDE RISPETTO

Per quanto concerne la critica costruttiva è sempre bene accolta, purché documentata e purché in buona fede. Bellissima la battuta dei nonni sui ragli degli asini, stando però attenti a non offendere questa categoria di creature che, per molti aspetti, dimostra di essere migliore di noi umani.

Valdo Vaccaro

4 commenti:

Anonymous ha detto...

Considera come sono fatti i trulli in Puglia, con la loro cisterna di raccolta sotterranea, lontana dalle radici di fico, con un'anguilla lasciata dentro a ripulire da alghe e insetti...
In tutto il mondo si fanno vasche interrate per immagazzinare acqua, sia piovana che d'altra origine.

solaero ha detto...

Buongiorno a tutti,
riguardo a questa domanda, segnalo i lavori di uno dei pochi ricercatori seri ed indipendenti in circolazione che si sono avvicinati con estrema serietà a tale argomento: Joseph Országh.
Non è un igienista e forse certe cosi gli sfuggono (vedi il suo "buon" rapporto con l'acqua addizionata di CO2) però i suoi studi sono riusciti a collocare l'essere umano nella nicchia ecologica di propria competenza sia riguardo al discorso dei propri escrementi che riguardo all'utilizzo dell'acqua oggetto di questa domanda. Purtroppo il suo monumentale sito www.eautarcie.org non presenta traduzioni in italiano, ma chi non ha confidenza con il francese può scegliere l'inglese oppure un copia-incolla su un traduttore online. Buona lettura. M. Bozon

Cinzia Romano ha detto...

Grande Valdo.😀 La mia stima per te è schizzata alle stelle per la tua considerazione sugli asini.

La più dura e fantastica Detox è quella che operiamo su anima e mente.Un affettuoso saluto.Grazie di cuore.

Cinzia Romano ha detto...

Grande Valdo.😀 La mia stima per te è schizzata alle stelle per la tua considerazione sugli asini.

La più dura e fantastica Detox è quella che operiamo su anima e mente.Un affettuoso saluto.Grazie di cuore.

Posta un commento