Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 1 aprile 2016

LIBERTÀ DI SALAME O LIBERTÀ DI VIVERE SERENAMENTE PER TUTTI?


LETTERA

LA ZANZARA E LA LIBERTÀ DI SALAME

Caro Valdo, la battaglia contro la brutalità continua, ma conosci la mia lealtà e la mia coerenza. Mai disgiunta dalla buona fede e dalla mancanza di animosità, come vedrai pure nei tweets che ti spedisco. Tutto ha avuto origine da un messaggio di Telese dl titolo "Libertà di salame", riferito ad un pedante conduttore radiofonico. L'occasione è stata offerta da quella pubblicità che si sta procurando il furbo conduttore del programma La zanzara, attaccando i cultori del veganesimo. 

GENTE ALLA NOIOSA E PURILE RICERCA DI AUDIENCE E DI SPONSOR

Ma a te dico che gente così è davvero noiosa e scontata nella sua puerile ricerca di audience. E so per istinto che non rappresenta la nuova umanità. Quella che interpreti tu Valdo, sia pure con le tue umanissime contraddizioni. Ed io, che pur non avendo la tua stoffa da combattente, ero vegana per istinto anche da bambina. Non solo perché la carne mi disgustava, come pure la logica del sangue e della morte per ammazzamento praticata disinvoltamente da questo tipo di comunità. Ma a chi spiegare che andavo oltre la coscienza di un ruolo, quando con innocenza rubavo le uova dal frigo, adagiandole in canestrelli di bambagia, al caldo, perché speravo ne nascessero pulcini.
Jo

*****

RISPOSTA

LA LIBERTÀ DI SALAME ESISTE IN SUPER-ABBONDANZA

Ciao Jo. Non so di quali contraddizioni ti riferisci e su questo non rispondo. Punto più che posso alla coerenza, questo è poco ma sicuro. Per il resto non posso che darti ragione. La realtà è che la battaglia contro il brutale e il puerile, contro il falso e l'ipocrita, non conosce sosta. Questa società decadente e vuota di contenuti etici si arriva ad invocare pubblicamente, e senza nemmeno arrossire o impallidire dalla vergogna, la "Libertà di Salame", quasi che tale libertà non esistesse in modo ultra-esagerato e straripante, quasi che non esistessero macellerie e salumieri e punti vendita nei mercati e nei supermarket, quasi che non si macellassero impunemente 1,3 miliardi di maiali l'anno per un totale di 114 miliardi di carne suina, di cui 13 milioni in Italia nel 2011, tutti dati sottostimati per motivi di tasse e tutti dati in forte crescita annua.

L'OLOCAUSO ININTERROTTO E INTOLLERABILE PER 170 MILIONI DI CREATURE

Quasi che non esistessero statistiche da brivido sul numero di creature innocenti  costrette  ad un olocausto ininterrotto. Non si macellano forse nel mondo 170 miliardi di animali ogni anno, 14 miliardi al mese, 500 milioni al giorno, 19 milioni all'ora, 300 mila al minuto e 5.390 al secondo? Per chi ama i dettagli, 1,3 miliardi di bovini, 2,7 miliardi di ovini e caprini, 58 miliardi di polli, 8 a testa per ciascun abitante, e 2,8 miliardi di anatre, per oltre 110 miliardi di tonnellate di carne suina/anno., per 120 miliardi di tonnellate di carne di pollo, anatre e volatili/anno. Non esiste forse un pericolo urgentissimo di estinzione dei magnifici elefanti, dei grandi cetacei e di tante altre specie tormentate da un satana privo di anima e di attributi chiamato uomo?

LE STATISTICHE SONO DA BRIVIDO

Statistiche sull'Italia? Macellazione annua di 2,5 miliardi di animali, 225 milioni al mese, 8 miliardi al giorno, 300 mila all'ora, 5100 al minuto, 90 capi al secondo. Di questi 9 milioni di bovini (metà italiani e metà di importazione), 9 milioni di suini, 13 milioni di caprini ed ovini, 500 milioni di polli, 50 milioni di galline ovaiole, 100 milioni di conigli, 200 milioni di faraone, tacchini, fagiani e quaglie, tanto che 700 mila lavoratori operano nella zootecnica e 15 mila sono addetti alla pesca.

JBS, CARGILL, TYSON, SMITHFIEDL E CREMONINI

Sarà opportuno sapere che il più grande produttore mondiale di carni è la JBS brasiliana, con 38 miliardi di US/anno pari al PIL della Bulgaria. Il numero 2 è il gruppo Cgill-USA con 33 miliardi e il numero 3 è la Tyson Food con 33 miliardi di di dollari di fatturato. La Smithfield Food in Virginia-USA rimane il macello di maiali più grande al mondo, con 32000 animali macellati al giorno, e con 48000 dipendenti nelle varie sedi. I maiali in 300 giorni dalla nascita crescono a 120 kg caduno pronti per la decapitazione. Si difende bene il gruppo Cremonini, con le sue Inalca, Montana, Manzotin, Chef Express in tutte le stazioni FFSS d'Italia, con le sue Roadhouse Grill autostradali, coi suoi legami alla McDonald's, coi suoi 9000 dipendenti, con le sue maxi-macellerie chiavi in mano esportate in Russia e altrove e le sue 5000 tonnellate di carne anno prodotte.

TROPPE FACCE DI BRONZO IN QUESTO PIANETA INFAME

E a questo punto ci sarebbero dei piagnistei per la Libertà di Salame? Può esistere maggiore ipocrisia, maggiore iniquità e maggiore faccia di bronzo al mondo di chi sostiene queste posizioni? Parliamo piuttosto di libertà di venire al mondo o di non farlo, parliamo piuttosto di libertà di vivere e morire per vie naturali una volta nati, parliamo di un minimo di sensibilità, parliamo di un Creatore inorridito presso il quale ognuno di noi dovrà rendere conto di ogni animale ucciso. Non è affatto detto che il vero Dio abbia la barba e i capelli lunghi come ce lo immaginiamo. Il Dio che ci giudica potrebbe essere benissimo un dio Bue o un dio Maiale.

AMICI DEGLI ANIMALI NON PER CALCOLO MA PER GIUSTIZIA E PER EMOZIONE

Del resto non è che dobbiamo essere gentili e sensibili in vista di un premio futuro. Si tratterebbe di un orrendo calcolo ragionieristico privo di qualsiasi significato. La gentilezza nei riguardi del prossimo, sia esso umano o animale o vegetale o ambientale, è qualcosa che vale e che ripaga generosamente al di là del percorso karmatico di cui siamo titolari.

Valdo Vaccaro 

4 commenti:

Jo ha detto...

Contraddizioni", ossia quando con me concordi che non possiamo ancora togliere le crocchette ai gatti o che mangiare una fetta di formaggio, ogni tanto, non è un delitto.Non siamo dei guerrafondai,ne'maestri ascesi; semmai siamo dei difensori della vita.

Dariosken ha detto...

Non ci sono contraddizioni nelle sue teorie, muovere un simile appunto è vergognoso

fabio rossi ha detto...

qualcuno di voi ha visto la recente trasmissione MATRIX dove c'era come ospite proprio il conduttore del programma radiofonico"la zanzara"con tanto di salame indossato a mo di sciarpa? Al cattivo gusto non c'è fine. Trasmissione povera di contenuti seri e dove si sono ben guardati dal trasmettere immagini riguardanti gli infernali allevamenti intensivi per dare ancora l'illusione alla gente dell'immagine bucolica della mucca che corre libera sul prato. Ciliegina sulla torta,durante tutta la trasmissione non è stata trasmessa una sola pubblicità carnivora!Chissà come mai!

Diego Festa ha detto...

Cara Jo, le chiami contraddizioni? Vergognoso forse e´eccessivo, ma ingiusto lo e´eccome...

Posta un commento