Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 8 aprile 2016

MAMMA 87ENNE IN CONDIZIONI CRITICHE


LETTERA

MAMMA 87ENNE IN GRAVE PEGGIORAMENTO

Ciao Valdo, sono Emma da Roma, vegana grazie a te da due anni. Ci siamo sentiti più volte, l'ultima tua mail risale al 12 marzo. Ora si tratta di un problema più grande. Mia mamma di 87 anni, onnivora da sempre, medico e medicina dipendente da sempre (ma allora, mi dirai tu, di che parliamo?), insulina dipendente, con ictus avuto 6 anni fa circa, problemi di pressione, comunque sempre monitorata a casa con misurazione pressione, glicemia e dosaggi di insulina distribuiti nella giornata per n. 4 volte, da noi e dalla badante, con controlli periodici e visita domiciliare della sua geriatra 2 volte al mese. Insomma, controllata sempre e mantenuta comunque in una situazione di stabilità,
fino a qualche mese fa usciva ancora, certo, sempre coi suoi ritmi, con la badante o con noi figli e appoggiata al suo bastone.

PIÙ RANTOLI CHE RESPIRI

Ma da qualche tempo (mesi, ormai) a questa parte, l'ho vista sempre più spenta, si trascinava con le gambe, come una persona con un fardello enorme sulle spalle, più svogliata, con meno voglia di parlare, anche se i suoi valori tutto sommato era più o meno nella norma, con transaminasi a 10 (0/30) e anche se la sua dr.ssa, che come ti ripeto, la viene a controllare almeno 2 v. al mese, l'aveva trovata bene, coi polmoni puliti (nel 2000 ebbe anche una polmonite, curata a casa), ebbene, nonostante tutto questo 3 giorni dopo Pasqua, improvvisamente comincia a rantolare, a non respirare bene.

POLMONITE BILATERALE E TRANSAMINASI ALTE

Corsa in ospedale, verdetto: polmonite bilaterale, transaminasi a 800!!!! Iniziano naturalmente tutte le prestazioni del caso, con controlli giornalieri, tac, radiografie, flebo con antibiotici e vitamine. Ora sembra stia meglio, ma queste benedette transaminasi scendono sì, ma risalgono pure! Insomma, ha un'infezione ma non capiscono cosa sia. Lo so, ti sto chiedendo tanto, Valdo, ma un tuo parere? Te ne sarei davvero grata di cuore.
RAMMARICO PER LA NON ISCRIZIONE ALLA HEALTH SCIENCE

Avrei voluto anche iscrivermi al tuo nuovo e meraviglioso corso, ma quest'anno per me non ci sono le giuste condizioni. Tra un nuovo lavoro appena iniziato e ora la mamma. Ma sicuramente seguirò il prossimo, anche se forse questo attuale, proprio perché è una novità, sarà sicuramente più affascinante di tutti i prossimi in avvenire! Auguri Auguri e grazie di tutto.
Emma

*****

RISPOSTA

GLI ALTI E BASSI NON SORPRENDONO IN UNA PERSONA ANZIANA ONNIVORA E MEDICO-DIPENDENTE

Ciao Emma. Per la polmonite bilaterale si sa che le difficoltà respiratorie sono all'ordine del giorno, soprattutto per una persona di quella età sottoposta a cure non sempre innocenti. Per le transaminasi alte, il problema riguarda la salute del fegato. E anche qui è facile pensare che l'accanimento terapeutico a cui è stata sottoposta implichi questo sbalzo nei valori ALT/AST o GT/GOT. 

RILASSAMENTO, SERENITÀ E FIDUCIA NELLA PROPRIA SCORZA

L'unico consiglio che ti posso dare è di darle affetto e attenzioni, oltre che cibo digeribile e buona aria da respirare, tenendola al sole il più possibile. Importante mantenerla anche in movimento assistito e stimolarla a respirare, a mandar fuori di più e ad inspirare più profondamente. Credere in se stessa e nelle proprie risorse interne, nella propria scorza, è un notevole fattore di sopravvivenza.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento