Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 5 maggio 2016

CALCOLI BILIARI E NIENTE ASPORTAZIONI ALLA COLECISTI


LETTERA

CALCOLI BILIARI 

Caro Valdo, ho letto con molto interesse quanto hai scritto sui calcoli alla cistifellea. Io ho da poco fatto un'ecografia di controllo. Ne ho diversi di diametro medio di 10 mm. Il contenuto biliare appare scarso e denso, quindi mi sembra di capire che la mia cistifellea non funzioni.

PERPLESSITÀ OVVIE SULL'INTERVENTO

Però ho molte perplessità circa l'intervento, primo perché non ho mai avuto coliche e secondo perché, avendo pure un'ernia iatale, ho paura che una volta tolta la cistifellea possa subentrare un problema di reflusso biliare. A volte ho avuto episodi di feci chiare e poco formate, magari dopo un pranzo abbondante, dopo una festa, durante le festività natalizie e altre occasioni speciali.

METODO CLARK

Ho letto che esistono anche metodi tipo quello della dottoressa Clark per espellere calcoli, ma non ho trovato testimonianze di qualcuno che abbia provato questo metodo, e soprattutto mi chiedo se non sarà una pratica pericolosa? Magari non si riesce ad espellere un calcolo perché questo si blocca nel coledoco e si va incontro a dei rischi seri. Tu che ne pensi? Grazie mille anticipatamente
Antonella

*****

RISPOSTA

NIENTE INTERVENTI E NIENTE SISTEMA CLARK, MA PROGRESSIVA DEPURAZIONE

Ciao Antonella. Sono d'accordo ovviamente sull'evitare ogni asportazione per una serie di motivi incluso quello che tu stessa hai citato. Anche il sistema Clark è carico di controindicazioni. Occorre invece depurarsi progressivamente. Leggere le tesine del blog e digitare come motore di ricerca le parole cistifellea, calcoli. Incrementare l'apporto di acqua biologica, evitare grassi e glutine e latticini.
Sfruttare al massimo il cambio stagionale d giugno sfruttando la varietà di frutta,, il sole, la possibilità di camminare, correre, nuotare, traspirare, depurarsi.

Valdo Vaccaro

8 commenti:

Devis ha detto...

Prima, di conoscere l'igienismo mi sono cimentato in diverse esperienze di medicina alternativa, tra le quali tre o quattro cicli di lavaggio epatico secondo il protocollo della Clark. Antonella, chiedevi le sensazioni di qualcuno che ha provato questo metodo. Io mi sono trovato molto bene, ho eliminato centinaia di calcoli e non ho avuto particolari problemi, a parte lo schifo di bere la soluzione coi sali di epsom. Anzi ti posso dire che per diversi giorni dopo il lavaggio ho constatato un notevole aumento nella capacità digestiva, con la sensazione di poter digerire anche i cibi più pesanti. Non ricordo se il libro della Clark parlasse di effettuare almeno 8 cicli di pulizia per rimuovere tutti i calcoli e venire a capo di molti disturbi oppure di ripeterne come mantenimento uno o due all'anno.
Adesso col vegancrudismo tendenziale posso dire di trovarmi bene. Non sento la necessità impellente di dovermi depurare periodicamente dai calcoli biliari. Tutto sommato penso che per uno che non riesce a controllarsi con l'alimentazione, questa terapia è abbastanza sicura e offre risultati evidenti. Chiaramente l'adozione di una dieta tendenzialmente crudista è di grande aiuto per limitare la formazione di calcoli e rende probabilmente inutile una periodica depurazione del fegato.

silvy ha detto...

Salve Devis. Siccome sono tentata a provare il lavaggio epatico della Clark, ti vorrei chiedere se hai seguito tutto alla lettera, cioè l'antiparassitaria e la pulizia dei reni e solo dopo il lavaggio epatico? oppure hai fatto solo quest'ultimo con i sali epsom? Sono indecisa se comprare tutti i prodotti della Clark sul sito (non so quanto mi possa fidare della loro efficacia), o fare solo il lavaggio epatico... Cosa mi consigli?
Grazie e buona serata.
Silvia

Devis ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Devis ha detto...

Ciao Silvia, rileggendo il mio post mi sono accorto di aver forse ostentato troppa sicurezza nei confronti di questo trattamento. Confermo innanzitutto che quello che ho riportato corrisponde al vero, non ho avvertito alcun effetto indesiderato prima e dopo il trattamento. Il miglioramento digestivo è stato notevole, per cui quelli che raccontano che il materiale espulso non sarebbero calcoli ma solidificazioni di grassi derivanti dai vari ingredienti assunti per effettuare la pulizia, raccontano a mio parere delle idiozie. Non si capirebbe altrimenti per quale oscuro motivo nel periodo successivo ad ogni trattamento ho verificato un aumento sbalorditivo del potere digestivo. E' evidente che i dotti biliari intasati di calcoli impediscono il corretto fluire della bile.
Con questo però non voglio dire che se io ho riscontrato solo benefici sarà così per chiunque. All'epoca in cui li feci non ero vegano ma avevo già adottato da molto tempo una dieta abbastanza equilibrata basata su alimenti integrali e con uso molto ridotto di cibo animale, rappresentato quasi esclusivamente da pesce. Penso che questo possa avermi in qualche modo agevolato. Tra l'altro il sistema proposto dalla Clark prevede una fase preparatoria in cui ci si alimenta in modo molto leggero.
Per quanto riguarda la mia esperienza ho seguito alla lettera le indicazioni del libro, trattamento antiparassitario, pulizia dei reni e uso dello zapper (che per risparmiare mi ero costruito leggendo le istruzioni fornite nel libro!).
Diciamo che è un metodo che c'entra poco o nulla con l'igienismo, in quanto agisce sul sintomo e non la causa della formazione dei calcoli. Però è anche vero che non è invasivo quanto un intervento chirurgico, l'unica scocciatura è bere la pozione amarissima coi sali di epsom (tremenda!!). Con questo però non voglio incitare nessuno a sottoporsi a questo trattamento, ho solamente riportato la mia esperienza a titolo informativo. Tra l'altro mi ripeto ancora, con il regime vegano ricco di crudità verifico in continuazione il beneficio di una buona digestione, per cui non sento la necessità di effettuare un nuovo trattamento. Chiaramente ognuno deve fare le proprie valutazioni. Qualcuno può per esempio aderire completamente ai dettami della Clark e sottoporsi periodicamente a cicli di mantenimento. Qualcun altro potrebbe invece pensare di "darsi una bella depurata" e poi darsi nuovamente ai bagordi. Qualcun altro ancora potrebbe invece pensare di cambiare radicalmente le proprie abitudini alimentari dopo aver concluso i cicli di pulizia.
Poi Silvia, l'unico consiglio che mi sento di darti non è di fare o non fare il trattamento. Nel caso in cui decidessi di farlo ti consiglio però di seguire l'intero protocollo, tanto per maggior sicurezza. Se non ricordo male l'antiparassitario è una composizione di erbe sotto forma di tintura in cui è presente tra i vari ingredienti il mallo di noce nera. Mi pare di ricordare che i parassiti presenti nel fegato e cistifellea devono essere uccisi altrimenti non è possibile una depurazione completa.
In ogni caso in bocca al lupo.

silvy ha detto...

Innanzitutto ti ringrazio per la risposta esaustiva :)
Ho fatto il primo lavaggio epatico settimana scorsa con risultati discreti. E anche se non ho fatto l'antiparassitaria e pulizia dei reni come dice la Clark, ma soltanto con del mallo di noce e una tisana dall'erborista che a detta sua aiuta a pulire i reni, ho espulso ugualmente dei calcoli. Per cui ripeterò ogni due settimane fino al 21 luglio che ho l'ecografia e così vedo se i calcoli della cistifellea sono scomparsi oppure no...e se ne vale la pena continuare.
Comunque ho acquistato il sale inglese in compresse, quindi non è stato per niente difficile per me! Ho fatto più fatica per l'olio col pompelmo.
Complimenti per la scelta della dieta vegana, io è da tanto che provo ma alla fine cedo..credo sia questione di testa più che altro.
Grazie e tante belle cose anche a te.

Devis ha detto...

Grazie Silvy dei complimenti, ma ti dirò, quando è da molto tempo che segui un regime così particolare ci fai l'abitudine e non ti sembra di far nulla di eccezionale. Nello stesso tempo penso che non ci sia nulla di male se tu come molti altri trovi difficoltà ad aderire completamente al veganismo pur condividendone i princìpi. Tra l'altro non è assolutamente detto che questa scelta possa rivelarsi sempre sensata, molti vegani non hanno una dieta salutare. Esiste sempre il pericolo di eccedere con grassi, zuccheri e lasciarsi andare con prodotti scadenti seppur di origine vegetale.
Mi ero dimenticato di informarti che la dott.ssa Albicocchi organizza dei meeting della durata di pochi giorni dove si viene assistiti durante la depurazione del fegato. Avevo acquistato i prodotti online per cui di tanto in tanto mi giungono ancora delle mail informative con periodo e costo di iscrizione. Ma vedo che hai già scelto di operare autonomamente come ho fatto io, per cui ti auguro un buon proseguimento e il pieno successo di questa esperienza.

silvy ha detto...

Rieccomi, dopo due lavaggi ho avuto un'altro attacco alla colecisti con tanto di pronto soccorso e 3 flebo antidolorifiche :(
A questo punto ho iniziato con l'allimentazione vegana! Non mi arrendo... Vorrei provare a fare il programma completo della Dott.sa Clark, magari è per questo che non funziona.?! Ti chiedo un'ultima cosa poi non disturbo più -.- se potresti darmi il sito dal quale procuravi i prodotti per fare l'antiparassitaria, pulizia dei reni e cos'altro serve?
ti ringrazio infinitamente.
Buona serata.

Devis ha detto...

Ciao Silvy, il nome del sito è ecosalute.it. Mi spiace che hai dovuto ricorrere al pronto soccorso, spero che adesso la situazione sia normalizzata:) Per il resto non posso far altro che ribadire quanto ho già detto negli altri post, ovvero che ora come ora non sono più dell'idea di sottopormi periodicamente a lavaggi epatici. Non rinnego niente di quello che ho fatto perché sono dell'idea che le decisioni che prendiamo, giuste o sbagliate che siano, dipendono basilarmente dal livello di comprensione raggiunto in merito all'interpretazione della nostra realtà interiore e quella che ci circonda. Ora la mia personalissima idea in merito all'autocontrollo della salute si evoluta in un modo più radicale verso le posizioni dell'igienismo, che sono orientate decisamente sull'aspetto preventivo piuttosto che quello curativo. In ogni caso cerco sempre di avere un atteggiamento equilibrato senza cullarmi con l'illusione di avere la verità in tasca.
Adesso Silvy se sei ancora determinata a procedere coi lavaggi epatici forse valuterei anche la possibilità di trovare personale sanitario qualificato (anche attraverso social network) che ti possa assistere durante l'autotrattamento. Ovviamente se esiste la possibilità è sempre utile confrontarsi con altre persone che attualmente stanno seguendo lo stesso trattamento. Inoltre ti consiglierei di studiare molto bene l'intero schema procedurale che la dott.ssa Clark ha evidentemente elaborato sulla base di numerosi casi trattati. Infatti è sempre possibile che venga trascurato qualche dettaglio importante.
Un caro saluto.

Posta un commento