Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

domenica 1 maggio 2016

LA STORIA DI VALENTINA, IMPEGNATA NELLA TUTELA DEI DIRITTI ANIMALI E NELLA GESTIONE DEGLI ORTI URBANI


LETTERA

NON È RARO TROVARE PERSONE CHE COL VEGETO-CRUDISMO TENDENZIALE E SOSTENIBILE OTTENGONO RISULTATI IMPORTANTI

Con la Sana Alimentazione Vegan ha risolto innumerevoli problemi fisici, aumentato la sua energia, acquisito maggiore consapevolezza e si è riconnessa con Madre Natura. Questa di Valentina è una Storia davvero eccezionale, ma è anche la Naturale evoluzione di chi sceglie consapevolmente un'Alimentazione Sana e Naturale. Provare per credere!!! Con affetto.
Salvatore

*****

LA FAVOLOSA STORIA DI VALENTINA

(http://www.laspeziaveg.it/2016/04/la-favolosa-storia-di-valentina.html)
Valentina parlaci un po' di te e del tuo cambio di alimentazione. Che tipo di Alimentazione hai adesso? Da quanto tempo? Cosa mangiavi prima?

PERSI 15 KG A PARTIRE DALL'OTTOBRE 2013

Ho optato per un'alimentazione vegana ad agosto 2014, dopo un'infanzia e un'adolescenza di diete su diete, regimi ipocalorici ed iperproteici alternati a periodi di junk food senza restrizione e periodi dove il cibo era la consolazione, il riparo, lo sfogo. Il cibo non ti giudica e sembra che ti coccoli. Già da Ottobre 2013 avevo migliorato la mia alimentazione, seguivo un regime dissociato, ipocalorico, che prevedeva proteine animali solo la sera e la quasi completa esclusione di latte e derivati. Così ho perso 15 kg. Ma avevo capito, informandomi sul web, che non era abbastanza per essere davvero in salute. Ora come ora, mangio tendenzialmente vegan crudista, diciamo al 70-80 %. I miei pasti, nella vita di tutti i giorni, si articolano brevemente in questo modo.

MENU GIORNALIERO

1) Colazione: frutta acquosa o spremute di agrumi o estratti di frutta e verdura. 2) Pranzo: ancora frutta se ne ho voglia (anche sotto forma di frullati o gelati) oppure grandi insalate miste, se mi va le accompagno con cereali, o farinacei integrali o patate al vapore o verdure cotte. 3) Merende: frutta, al pomeriggio di tipo più dolce e densa rispetto al mattino. 4) Cena: verdure crude, a volte verdure cotte, noci o semi, a volte legumi nella loro forma originale o come burger, polpette, crepes.

NIENTE SCHEMI RIGIDI

Ci tengo a precisare che non mi attengo ad uno schema rigido, poiché il corpo, se lo ascoltiamo, ci manda dei segnali su ciò di cui ha bisogno. Ovviamente non rifiuto i momenti conviviali, partecipo con serenità a pranzi e cene in compagnia, sia a casa che al ristorante o in pizzeria. Rinunciare ad una compagnia gradevole può farci più male di una pizza, ovviamente vegan!

QUALI LE MOTIVAZIONI PER LA SCELTA VEGAN?

Prima di tutto è stata una scelta salutistica, poi è arrivata la componente etica a completare la consapevolezza della mia scelta. Nell’estate 2013 pensavo che avrei tolto la carne, i latticini e tutti i derivati, ma non il pesce, perché non volevo essere estremista e mi piaceva molto. La mia lettura sotto l'ombrellone è stata The China Study di T. Colin Campbell e sono tornata a casa dalla vacanza convinta di voler diventare vegana.

SONO IMPEGNATA NELLA TUTELA DEI DIRITTI ANIMALI E NELLA GESTIONE DEGLI ORTI URBANI

A casa ho guardato video che documentano lo sfruttamento animale, il loro dolore, le loro morti atroci solo per soddisfare la gola umana e si è risvegliata la mia empatia per quelle anime. Da lì ho deciso di prendere parte al movimento animalista. Tutt'ora sono vicepresidente dell'associazione Zoe di Bondeno (FE) e ci occupiamo di propaganda vegan e animalista, tutela dei diritti animali e gestiamo gli orti urbani del paese, incentivando la riconnessione con Madre Natura.

ESSERE VEGANI È CONDIZIONE NECESSARIA MA NON SUFFICIENTE?

Sono d'accordissimo. Non è sufficiente essere vegani per essere in salute. A prescindere dalla componente emotiva, che in questo momento cito ma non tratto, anche se fondamentale per uno stato di salute ottimale. Ho sperimentato che la scelta del cibo e la sua qualità sono le chiavi. Porzioni abbondanti di frutta e verdura allo stato naturale e crude come portata principale e cibi integrali e biologici come companatico. Farine raffinate, zuccheri e dolcificanti artificiali, seitan, birre e vini, prodotti industriali di vario tipo, possono anche essere etici, ma dannosi per la salute. È fondamentale anche mantenersi attivi fisicamente, dormire bene e saper respirare di pancia.

AVEVI PROBLEMI DI SALUTE CORRELATI CON L'ALIMENTAZIONE?

Purtroppo sì, il mio interesse per l'alimentazione è nato dalla mia spinta personale verso la guarigione da certi disturbi come colesterolo alto, cistiti e candidosi vaginali ricorrenti, tonsilliti croniche, ovaio policistico, dismenorrea, eritema solare, colon irritabile.

HO SMESSO DI FUMARE E HO LIMITATO IL CAFFÈ

Con la perdita di peso dovuta alla dieta dissociata e all'integrazione di fitoterapici la situazione era molto migliorata, ma i disturbi si presentavano comunque, anche se con minore frequenza e minor entità. Il colesterolo però era rimasto alto, tanto che mi era stato detto, dopo aver incolpato nel tempo, prima la pillola anticoncezionale e poi il sovrappeso, che era ereditario. Pochi mesi dopo il mio cambio alimentare, ho anche smesso di fumare e ho limitato il consumo di caffè. Direi che dopo 2/3 mesi non ho più avuto nessuno dei problemi sopra citati! L'ovaio policistico è sotto controllo. Se riscontro anomalie nel ciclo mestruale posso ricondurle solamente ad uno stress, e anche la ginecologa me lo ha confermato. Tutto il resto è solo un brutto ricordo e anche il colesterolo è nella norma, nonostante io non abbia cambiato famiglia!

PASSARE AD UNA ALIMENTAZIONE SANA TI HA PORTATA AD ALTRE SANE ABITUDINI?

Più si tende ad un’alimentazione naturale e più ci si riconnette con se stessi, con gli altri, con le forze dell’Universo. Ognuno ha il proprio percorso, io attraverso la consapevolezza alimentare, che vedo come la mia chiave d’accesso, sto scoprendo anche la spiritualità, sensazioni di benessere mai provate prima che non si fermano al sé corporeo. Sento sempre più il bisogno di camminare nella Natura e osservarla, fare pratiche di purificazione di corpo e mente, come digiuni o semi-digiuni, fermarmi a respirare profondamente, continuare a studiare e informarmi sul ben-essere.

COME VA LA TUA ENERGIA? FAI ATTIVITÀ FISICA?

Mi piace molto camminare all'aperto, fare lunghe passeggiate con la mia cagnolina, frequento un corso in palestra di allenamento funzionale e ho qualche attrezzo aerobico in casa che utilizzo nel tempo libero. Sento che la resistenza è migliorata tantissimo, la ripresa muscolare dopo gli allenamenti è più veloce, i muscoli sono più reattivi, come se rispondessero meglio alle stimolazioni. Lo scorso anno ho fatto un elettrocardiogramma e il mio cuore a riposo va a 40 battiti al minuto, e non avendo io alcun sintomo riconducibile a bradicardia, mi hanno detto che ho il cuore da atleta, nonostante non faccia ciclismo o corra maratone. Sarà mica che il cibo ci abbia messo lo zampino?

È STATO DIFFICILE ALL'INIZIO CAMBIARE ALIMENTAZIONE?

Non è stato difficile in sé per sé, ma è stata dura ravvedersi sulle credenze più radicate in me, dato il mio percorso, dato il mito delle proteine e la frutta che fa ingrassare! Ma informandomi bene, facendo esperienze personali, parlando con gli esperti del settore, sono riuscita a sradicare queste false credenze e a trovare l'alimentazione più conforme ai miei bisogni e al mio stile di vita di questo momento.

COME HA REAGITO AL TUO CAMBIAMENTO LA TUA FAMIGLIA E I TUOI AMICI?

La mia famiglia non ha mai condiviso la mia scelta alimentare, ma non mi hanno ostacolata. Con il passare del tempo, nelle occasioni speciali, sono comparsi piatti vegani a tavola, ma c'è ancora chi chiede "La torta per quelli normali qual è?". Molti amici sono spariti, o forse sono sparita io. Una scelta come la mia può portare a fare pulizia dentro ma anche fuori, come uno specchio. Diciamo che è rimasto chi è in linea con il mio stile di vita, o meglio, chi vibra sulla mia stessa frequenza. In compenso ho conosciuto tante anime meravigliose che sono lungo il mio stesso percorso, dei quali non faccio il nome, e le ringrazio, tanto leggendo sentiranno qualche richiamo e si riconosceranno.

QUALI I TUOI SOGNI NEL CASSETTO?

So che anche il tuo percorso formativo ed i tuoi studi si stanno orientando verso un'alimentazione naturale ed uno stile di vita sano, quali sono i tuoi sogni nel cassetto? Sono iscritta alla scuola di Naturopatia Riza, frequento le lezioni nella sede di Bologna. In futuro vorrei essere quella guida che avrei voluto incontrare io nel mio percorso iniziale. Mi piacerebbe poter accompagnare le persone verso il proprio ben-essere, una maggior consapevolezza di sé, aiutarle a volersi bene e a ritrovare o ristabilire il loro equilibrio. Nel mio percorso infatti studierò anche tecniche di massaggio, cromoterapia, riflessologia plantare, fiori di Bach, fitoterapia, tecniche di rilassamento e tanto altro. Poi, visto che lavoro nelle scuole come educatrice di sostegno da 9 anni, e vedo quanto mangiano male la maggior parte dei bambini, vorrei organizzare dei percorsi di educazione alimentare per loro e per i genitori.

NON È CHE HAI DOVUTO RINUNCIARE A TANTE ALTRE COSE?

Una volta che si è sicuri del percorso che si vuole intraprendere nulla viene percepito come una rinuncia. Direi che non è necessario attuare cambiamenti repentini e totalizzanti subito. L'importante è informarsi e non smettere mai di farlo. Sul web si possono trovare tutte le risposte che cerchiamo, se siamo preparati ad accoglierle. Poi si può sempre chiedere aiuto ad esperti e professionisti se vogliamo essere sicuri di stare facendo la cosa giusta per noi. Anche re-imparare ad ascoltarsi e non aver paura del giudizio altrui è fondamentale. Il timore di non sapere più cosa mangiare non deve proprio esistere, è privo di fondamento! Ora è facile mangiare vegano, sia a casa che fuori, ci sono tantissimi libri di cucina vegan, blog, siti, corsi. Insomma niente più scuse, solo vera volontà di cambiare. Io non ho mai mangiato così vario e con gusto come da 2 anni e mezzo a questa parte!
Grazie di Cuore. Felice Vita Vegan a Tutti. 
Valentina

*****





Nessun commento:

Posta un commento