Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 13 maggio 2016

RIMEDI IGIENISTI ALLA STASI CARDIACA E ALLA TACHICARDIA


LETTERA

SEGUO DA 7 ANNI I CANONI IGIENISTICI E STO BENONE

Ciao Valdo, ti ringrazio per la grande opera di informazione che fai sulla salute. Personalmente seguo i canoni igienistici da 7 anni, sto perfettamente bene sia fisicamente che mentalmente, sono libero dal sistema, ma purtroppo come tu dici, Nemo Profeta in Patria, perché i parenti non ti ascoltano.

PERSO MIA MADRE ED ORA C'È A RISCHIO MIO FRATELLO

Prima ho perso mia madre fumatrice e onnivora per diabete-cancrena-amputazione gamba-medicine antidolore e morte traumatica 3 anni fa circa. Ora i problemi riguardano mio fratello gemello Battista, del quale ti allego un po' di cronistoria.

DOPPIO RICOVERO IN OSPEDALE

Polmonite a Marzo 2016 con ricovero di due giorni in Ospedale Brunico. Problema di stasi cardiaca curato immediatamente mediante cortisone e la stasi scompare. Antibiotico Levoxacina in Ospedale e poi a casa, durata antibiotico circa 1 settimana. Altro ricovero in Ospedale. Ricevuto Pantoprazolo antiacido. Visite varie. Terapia diuretica, Clexane, PPI, Antibiotico Unasyn. Prevista CAG e poi eventualmente operazione valvola. Lascia l'Ospedale con ricette per  Lasix o Furosemide (Diuretico), Antibiotico Augmentin Amoxicillina, Antiacido Pantorc Pantoprazolo, Cardioaspirina.

CURE PRESSO MORBERGER FELD IN BRUNICO

Malattia curata presso Morberger Feld 5 Brunico. Problematiche diverse, con battito cardiaco alto 100, estremità gambe e braccia, piedi e mani fredde, stasi regione diaframma sotto cuore, acidità stomaco notevole. Impacchi di cavolo, fangoterapie, orticazioni  e fregagioni fredde, cibo succo limone con acqua, succo arance e succo pompelmi mattino, puree mele pomeriggio, succhi carota-mela-sedano nel pomeriggio. Integratore Argento colloidale Nutriva come antibatterico 3x20 gocce, Defensol Herbo Planet 2x40 gocce con acqua mezzodì e sera, come rinvigorente, Enterolactis Plus Lactobacillo Paracasei come fornitore di fermenti lattici per intestino mezzodì. Nella notte 12.05.2016 preso il Furosemide diuretico per la stasi abbastanza forte. Passata la stasi riesce in parte a dormire. Nelle giornate 11-12.05.16 misura del pH urinario, con risultato alta acidità, a testimonianza che il corpo sta eliminando i veleni acidi, attraverso sangue e reni. Alimentazione da 12 anni vegetariana, senza carne o pesce, ma con abbastanza cotto (giornalmente minestre, pasta, pane integrale fatto in casa, formaggio), e contorni di frutta e di insalata. Fumatore non esagerato e bevitore birra e vino a pasto o con gli amici, vita lavorativa molto stressante, geometra, vita sociale ampia e dispendiosa. Malattie ultimi anni, periodica sinusite, influenza, mai preso medicine prima.

DOMANDE VARIE

1) Ci sono delle buone possibilità che la calcificazione della valvola e delle vene in generale venga eliminata grazie ad una alimentazione a base di agrumi (cura del limone, succhi d'arancia e di pompelmo, succhi di carota, sedano e mela)?
2) Oppure potrebbe essere tardi e, secondo i referti medici, meglio sarebbe un'operazione per mettere una valvola meccanica o biologica, con successive medicine anticoagulanti oppure antirigetto a vita?
3) Si può fare qualcosa di naturale per diminuire la stasi sotto al cuore? Oppure conviene prendere il Furosemide diuretico (cioè veleno che costringe il corpo a eliminare l'acqua della stasi)?
4) Seguendo i canoni igienistici quanto tempo passa per vedere qualche risultato, cioè che la stasi si risolve in parte?
5) Dove potrebbe andare mio fratello per essere seguito nel primo periodo, anche firmando che è lui stesso che si prende la responsabilità per le terapie coadiuvanti termo-fango terapiche e igienistiche? (Carmelo Scaffidi, Michele Manca, Jean Paul Vanoli, Ettore Paladino Sicilia, altri?). Saluti.

Cristino Mazzucchelli

*****

RISPOSTA

L'IGIENISMO, NON SCORDIAMOLO, SI BASA SULLA NON CURA DEL SINTOMO

Ciao Cristino. Mi limito a rispondere alle domande che mi hai posto. Per molto aspetti hai già fatto del tuo meglio, dando dimostrazione di competenza e di generosità nei riguardi di Battista. Ancor meno facile farlo in presenza di ambiente culturale avverso. Non è facile applicare i principi e le regole dell'igienismo quando si hanno problematiche complesse. L'igienismo, più che basarsi su cure specifiche, punta alla non cura del sintomo. Le regole fondamentali stanno nella scelta di cibi leggeri, sobri e digeribili, capaci di assicurare una auto-produzione di sangue fluido e non viscoso. 

DOMANDA 1 SULLA CALCIFICAZIONE

Sicuramente gli agrumi sono quanto di meglio esista contro le calcificazioni e contro l'aterosclerosi. Occorre però evidenziare che i tempi rimangono lunghi, per cui serve una buona dose di coerenza e di pazienza.

DOMANDA 2 SULL'INSERIMENTO DI VALVOLE MECCANICHE E DI MEDICINE ANTICOAGULANTI A VITA

La scienza igienistica è contraria a questo tipo di interventi e ne ha buoni motivi.

DOMANDA 3 SULLA DIMINUZIONE DELLA STASI SOTTO IL CUORE, OVVERO RIMEDI NATURALI ALLA STASI CARDIACA

L'apparato circolatorio è un sistema di vasi, che raccoglie e distribuisce sostanze e ossigeno agli organi e ai loro tessuti, attraverso il sangue. Il sangue passa prima nel cuore, poi nei polmoni ove si ossigena, quindi nuovamente nel cuore per essere pompato al circolo sistemico. Il sistema circolatorio è indispensabile per la sua funzione di portare il sangue in tutti i distretti corporei. È formato da organi cavi, chiamati vasi sanguigni, che permettono il trasporto del sangue all'organismo. Vasi sanguigni classificati in 1) Arterie (vasi che nascono dai ventricoli cardiaci e portano il sangue poco ossigenato ai polmoni, attraverso l'arteria polmonare (ventricolo destro) e sangue ossigenato a tutto il corpo, attraverso l'aorta (ventricolo sinistro), 2) Vene (vasi che trasportano sangue carico di anidride carbonica ai polmoni e sostanze di rifiuto a fegato e reni per la depurazione dell'organismo. Le loro pareti sono meno spesse di quella delle arterie, poiché la pressione del sangue è meno elevata), 3)
Capillari (permettono gli scambi fra il sangue e i tessuti e sono di dimensioni microscopiche. Costituiscono una fitta rete di vasi inserita nella trama delle cellule tissutali. Tra i capillari e le cellule è presente uno spazio fluido contenente liquido interstiziale. Il sistema circolatorio mantiene costante l'omeostasi interna. I disturbi del sistema circolatorio possono perciò interessare le arterie, le vene e i capillari. Le pareti di questi vasi, nel tempo, tendono a diventare meno elastiche e flessibili, subendo una sclerosi. Una delle conseguenze della perdita di elasticità delle pareti venose è il rallentamento del flusso ematico, che può determinare una riduzione dell'apporto di ossigeno e sostanze nutritive in un determinato distretto, con conseguente sofferenza dei tessuti interessati.

LE ERBE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO

Le erbe spontanee che crescono ai margini di sentieri di campagna o ai bordi di campi coltivati, quelle che volgarmente chiamiamo erbacce possono essere in realtà alleate del nostro sistema circolatorio così come possono esserlo gli alberi (ippocastano, ginkgo biloba) o gli arbusti (rusco o pungitopo, vite rossa o fitolacca, mirtillo, achillea millefoglio, borragine, ortica). Grande efficacia può avere l'olio di cocco, da prendersi due cucchiai al giorno mattina e sera per 30 giorni di seguito.

DOMANDA 4 SUL TEMPO NECESSARIO A RISOLVERE LA STASI

Impossibile rispondere con certezza a questo tipo di domanda. Occorre semplicemente seminare bene e lasciar fare ai meccanismi autoguaritivi del corpo.

DOMANDA 5 SUL CHI SEGUIRE IN PARTICOLARE

Anche qui non vorrei inimicarmi nessuno. Conosco meglio degli altri i metodi utilizzati da Michele Manca che sta in Liguria e Carmelo Scaffidi che sta a Bergamo.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento