Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

lunedì 30 maggio 2016

TUTTI ERBORISTI FANTASIOSI GRAZIE A CHIARA SACCAVINI


LETTERA  (da Erika- Studio ESSECI mailto:gestione9@studioesseci.net a Chiara Saccavini 
info@ortofiorito.it)

Buongiorno Dott.ssa Saccavini, è andato tutto bene ieri? Spero di sì, ho sentito la sua intervista, molto interessante! Le invio il link dell'intervista così può condividerla con chi desidera o su facebook (http://www.radiopadova.com/site/podcast/ztl-zona-tempo-libero). Ci riaggiorniamo presto e buona giornata.
Erika

*****

COMMENTO

I RISCONTRI DIMOSTRANO CHE AVEVO VISTO GIUSTO

Avevo già parlato di questa "Guida Pratica per Erboristi Fantasiosi" nel mio articolo "Rifornimento di pianticelle all'Orto Fiorito e un libro da non perdere" del 12/5/16, definendo tale Guida come un libro da non perdere. Mi fa molto piacere che arrivino dei riscontri e delle conferme ufficiali, delle dimostrazioni di interesse genuino nei riguardi di questa importante ed originale ricerca della Chiara, che ha voluto andare ben oltre i soliti parametri di tipo botanico, terapeutico ed alimentare, per avvicinarsi di più alla magia del rapporto più profondo tra ogni singola pianticella e l'essere umano, alla magia dell'incontro tra uomo e pianta, alla magia della loro evoluzione e del loro coinvolgimento.

PIÙ POESIA E RELIGIONE SUI VEGETALI CHE CLASSIFICAZIONE BIOLOGICA

La Chiara, grazie alla sua sensibilità particolare sull'argomento, grazie alla sua esperienza e al suo ininterrotto contatto con questi esseri speciali e semplici fatti di radichette, di foglie, di fiori e di frutti, si dimostra sempre a suo agio nello svelarci i tanti piccoli segreti che si nascondono dietro ognuna delle pianticelle che descrive.

PAPIRI EGIZIANI E TAVOLETTE DI ARGILLA ASSIRO-BABILONESI

La sua cultura classica le permette pure di muoversi agevolmente tra le pieghe della storia antica, parlando dei radicoi, nome con cui venivano chiamati gli erboristi, ovvero gli addetti al recupero delle erbe. Scoprire che già tra i papiri egiziani si parli con competenza di oltre 200 piantine note ai tempi delle Piramidi è molto istruttivo. Per non dire poi delle tavolette di fango dove gli Assiri-Babilonesi descrivevano la variegata flora intorno al Tigri e all'Eufrate, e del grande interesse che Grecia antica e Roma antica dimostravano per le loro erbe.

ESISTE UNA CULTURA VEGETO-FLOREALE MERITEVOLE DI ESSERE RISCOPERTA E RILANCIATA

Tutto questo ci fa riflettere su quanto irreligioso e deleterio sia il disinteresse che troppa gente di oggi dimostra nei riguardi delle varie specie vegetali, viste solo come qualcosa di materiale e di banale da destinare alla pentola o alla padella, oppure da mettere sotto i denti come materiale da masticare.

L'OPERA DI CHIARA SACCAVINI HA IN SÉ UN AMPIO RESPIRO ECOLOGICO

Anche in questa intervista da parte della radio patavina (www.radiopadova.com/site/podcast/ztl-zona-tempo-libero), si ritrovano i motivi che rendono attuale, interessante e destinata a un posto speciale nelle biblioteche la sua Guida erboristica. Guida che fa poi parte evidente di quell'opera di più ampio respiro ecologico alla quale la giovane e talentuosa scrittrice udinese si sta dedicando con entusiasmo, passione e risultati concreti.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento