Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 23 giugno 2016

RISULTATI STREPITOSI IN TEMA DI PSORIASI


LETTERA

PSORIASI GRAVE E RISULTATI STREPITOSI

Grandissimo Valdo, mi perdonerai se mi prendo tanta confidenza, ma leggo il tuo blog così spesso (e guardo anche qualsiasi video reperibile online) che quasi mi sembra di conoscerti. Butto giù questa lettera per chiederti aiuto per un mio fratello in difficoltà. Voglio anche descriverti il mio percorso di transizione da onnivoro-sovralimentato a vegano tendenzialmente crudista. Un percorso che negli ultimi 12 mesi ha prodotto dei risultati decisamente invidiabili. Ovvio che mi fa piacere condividere questa mia esperienza con tutti i tuoi lettori.

PRESA DI COSCIENZA E CAMBIO DI ROTTA

La folgorazione è arrivata nel maggio dello scorso anno quando, ritrovatomi per puro caso in una libreria, sfogliai l'ormai famosissimo China Study. Comprato e letto nel giro di due giorni, mi lasciò letteralmente a bocca aperta. Mai avrei pensato che le abitudini alimentari potessero incidere in tale misura sul mio stato di salute, che reputavo sì non eccellente, ma neanche disastroso.

INTENSO PERIODO DI STUDIO E DI DOCUMENTAZIONE

Dopo un breve periodo passato a riflettere su quanto avevo letto, cominciai a documentarmi il più possibile sugli effetti della dieta sulla salute, scoprendo un mondo a me perfettamente sconosciuto. La mia curiosità scientifica mi ha poi permesso di approfondire i concetti globali e particolari di veganesimo e crudismo, nonché gli effetti terapeutici del digiuno, passando per lo studio di alcuni personaggi celebri come Max Gerson, Arnold Ehret ed altri ancora.

LA SCOPERTA DEL TUO BLOG

Arrivato sul tuo blog, ho raccolto le informazioni necessarie per uno switch tanto dietologico quanto di responsabilizzazione verso il mio stato di salute. Dopo aver divorato il tuo primo libro e innumerevoli tesine cominciai a mettere in pratica, senza tanti ripensamenti.

INIZIO TRAGICO E CARICO DI CRISI DEPURATIVE

L'inizio, inutile negarlo, è stato tragico. Al di là delle resistenze opposte dai miei familiari, da sempre irriducibili buongustai e grandi cultori di ogni tipo di piatto a base animale, nonché protagonisti di avventure ospedaliere poco piacevoli, mi mancavano le grandi porzioni alle quali ero abituato, tipo 200/250 grammi di pasta a botta, con relativi contorni e secondi abbondanti, tipo la pizza e, soprattutto, i dolci. Ben presto passai per le famose crisi depurative, che nel mio caso mi stesero a letto per giorni, facendomi evidentemente pagare a prezzo pieno le cattive abitudini tenute per quasi 27 anni.

LA RINASCITA E UN OPPORTUNO CALO DI 11 KG

Passato un primo momento difficile, cominciai a raccogliere i frutti. Persi velocemente peso passando da 100 kg a 89 in un'estate, peso ottimale considerando il mio metro e 91. Notai un netto miglioramento nella qualità del mio sonno e soprattutto un aumento di prestazioni a livello sportivo che non avrei neanche potuto immaginare. E tutto questo senza spezzarmi le gambe con programmi di allenamento serrati o diete restrittive, ma semplicemente scegliendo meglio gli alimenti e camminando 45 minuti al giorno.

UN FRATELLO DA AIUTARE

Potrei elencare gli altri numerosi benefici che ho riscontrato, ma rischierei di diventare prolisso e di distogliere l'attenzione dal principale oggetto della mia lettera, che è mio fratello 23enne. È affetto da una grave forma di psoriasi guttata da ormai 12 anni. Una psoriasi dal comportamento decisamente mutevole. Dopo aver ricoperto completamente la schiena e buona parte dell'addome e del braccio sinistro, dopo un cambio di dieta è regredita esponenzialmente.

VENTI MACCHIETTE RESIDUE E INSIGNIFICANTI SULLA SCHIENA, MA COMPARSA DI QUALCHE IMPORTANTE LESIONE SU VISO E COLLO

Adesso la schiena ha soltanto una ventina di macchiette, ma molto piccole e decisamente insignificanti rispetto alla corazza di placche che presentava solo un anno fa. L'addome va molto meglio ed il braccio sinistro di pari passo, ma purtroppo le lesioni sono comparse su viso e collo, in maniera importante.

INDECENTI PROPOSTE DEL DERMATOLOGO

Mio fratello non si arrende. È un vegano crudista come me ed è convinto al 100% che questa maledetta psoriasi passerà. Ha abbandonato ogni tipo di medicina palliativa e declinato saggiamente le indecenti proposte di farmaci immunosoppressori, litigando di santa ragione con un dermatologo che tentava di convincerlo. Nonostante questo, io vedo che per lui le lesioni sono un peso. Non tanto quelle sul busto, ma quelle sul viso e sul collo. Non si taglia i capelli da un bel pezzo, tiene una barba di media lunghezza per mascherare qualche macchietta rosata e indossa sempre camicie per non far notare troppo le altre.

VERSO LA GUARIGIONE

So che questa roba passerà, ma vorrei poter fare qualcosa per accelerare il processo. Ci tengo a ribadire che, nonostante lui abbia dato una regolata alla dieta da parecchio tempo, non è mai stato molto costante nei cambiamenti. Un primo evidente miglioramento era arrivato con la dieta Pagano, che inspiegabilmente ha cominciato a trascurare, dopodiché è passato ad una dieta vegetariana e infine, da qualche mese, ad una dieta vegana che finalmente sta rispettando. Infatti le lesioni appaiono decisamente sfiammate.

INCROLLABILE FIDUCIA NELLA CAPACITÀ DEL CORPO DI AUTORIGENERARSI

La strada è quella giusta, ed il periodo dell'anno quello che storicamente ha sempre giovato ai malati di psoriasi. Le condizioni psicologiche non sono da buttar via. Nonostante egli viva in un ambiente molto stressante, ha una fiducia assolutamente cieca sulla capacità del corpo di rigenerarsi e auto-guarirsi. Mi farebbe piacere avere un tuo consiglio su qualche abitudine da tenere e su eventuali alimenti da integrare nel menù. Vorrei rivederlo in spiaggia, forse non ancora questo anno ma il prossimo sì, senza doverlo guardare con le solite magliette a maniche lunghe e la lunga chioma.
Un grande abbraccio.
Franco

*****

RISPOSTA

L'ENTUSIASMO È UNA FORZA CHE SI TRASMETTE

Ciao Franco. Grazie intanto per il tuo entusiasmo travolgente e contagiante, nonché per la tua trasparenza e la tua voglia genuina di comunicare gli ottimi risultati raggiunti ai lettori del blog.

DEFINIZIONE DI PSORIASI

La psoriasi è una infiammazione cronica esasperante e persistente con formazione di cumuli e strati cornei, o di squame ruvide color madreperla. Compaiono sulla pelle scaglie secche di colore biancastro al di sotto delle quali l'epidermide appare arrossata ed infiammata, con fastidioso bruciore e prurito. Essendo ribelle alla guarigione, deprime e scoraggia il sofferente che tende così ad innervosirsi perdendo la pazienza e peggiorando la situazione.

LE CLASSIFICAZIONI HANNO IMPORTANZA RELATIVA

La psoriasi si presenta con chiazze eritematose rosse ricoperte da squame grigio-argento, localizzandosi di preferenza su cuoio capelluto, gomiti, ginocchia, mani, piedi, zona ano-genitale, e in genere non sul viso. Si distinguono diverse forme come A) Psoriasi volgare (poche chiazze grandi), B) Psoriasi guttata (tante chiazze lenticolari), C) Psoriasi pustolosa (capocchie a punta di spillo, o bollicine con pus), D) Psoriasi invertita (infiammazioni alle grandi pieghe), E) Artrosi psoriasica (psoriasi associata a dolori articolari e anchilosi).

SANGUE VISCOSO E STRESS DA NERVOSISMO 

La lipotoxemia, con sangue viscoso che non circola bene, è il principale fattore di psoriasi. Ma è poi lo stress da psoriasi a causare ulteriore deterioramento circolatorio, causando ulteriori lesioni cutanee e altre disfunzioni interne. In pratica, tutte le malattie della pelle sono causate dall'impurità del sangue, dal sangue grasso, dal sangue lipotossico. Questo vale per eczema, allergia, orticaria, acne, lupus, erisipela, rosolia, herpes, dermatite atopica, e anche per la psoriasi.

ERRORI ABERRANTI DELLA MEDICINA NEI RIGUARDI DELLA PELLE E DELLA PSORIASI

Uno degli errori peggiori che i dermatologi fanno è quello di maledire le malattie della pelle, mentre esse sono dei veri salvavita, essendo la pelle il massimo organo emuntore di emergenza, quello che viene in soccorso al fegato e soprattutto ai reni! L'altro errore, pure marchiano ed imperdonabile, è quello di combattere tali malattie con medicamenti tossici e dopanti che paralizzano i sintomi e le nobili attività eliminatrici del derma, obbligando l'organismo a trattenere al suo interno le sostanze tossiche accumulate. Tali sostanze, con la loro letale forza corrosiva, compromettono l'integrità vitale e la funzionalità degli organi più delicati del corpo.

MOVIMENTO, SPORT E BAGNI DI SOLE

Uno sport che preveda svolgimento di intensa attività fisica e abbondante traspirazione può rappresentare un alleato da non sottovalutare nella prevenzione della psoriasi. Il mantenersi in costante movimento è in grado di agire positivamente sia sullo stato infiammatorio dell'organismo sia sullo stress. I bagni di sole sono indicati e fortemente raccomandati.

ESERCIZI YOGA CONTRO LO STRESS

Anche l'Ayurveda antica medicina indiana, prevede regolarmente dei trattamenti di purificazione dell'organismo per contrastare la psoriasi. Oltre ad usare oli e di balsami, si ricorre a esercizi di yoga e di meditazione, volti ad attenuare lo stress. Non mancano indicazioni riguardanti l'alimentazione, con cibi da preferire e da evitare.

RICORSO ALLA IDROTERAPIA E ALLA FANGOTERAPIA

L'impiego di acque termali, con preferenza per le acque sulfuree, le acque sulfo-iodiche, le acque bicarbonato-calcio-magnesiche e le acque radioattive, è adatta soprattutto per pazienti con psoriasi di tipo lieve. Oltre alle acque termali, utile il ricorso ai fanghi di laguna, simili a quelli del Mar Morto. Dai fanghi ricchi di calcio, iodio, magnesio e bromo possono trarre vantaggio non solo i pazienti affetti da psoriasi, ma anche i sofferenti di gotta, artrosi e reumatismi.

LE ERBE NON VANNO LASCIATE DA PARTE

Non mancano validi trattamenti erboristici. Tra di essi troviamo l'aloe vera, per il suo potere lenitivo nei confronti della pelle, oltre a liquirizia, camomilla, pepe di Cayenna, bardana radice fresca (decotto 2 pugni in 1 litro d'acqua, 2 tazze al giorno), fitolacca. L'olio di jojoba, l'olio di macadamia e l'olio di mandorle sono indicati tra i rimedi naturali per la psoriasi in quanto ricchi di proprietà emollienti, antiossidanti e protettive. Ottima la tisana di sambuco, nonché la confettura di sambuco dolcificata con succo d'uva, in grado di generare una potente depurazione dell'organismo sia a livello interno che dell'epidermide.

I VANTAGGI DEL VEGETO-CRUDISMO TENDENZIALE SONO ENORMI

Non esiste alternativa alla guarigione se non quella di sopprimere la causa di psoriasi che sta nella impurità del sangue, generata da cattive digestioni e da somatizzazione su fegato e stomaco delle varie tensioni quotidiane. Non vi alcun dubbio sul fatto che serva una dieta superlativa di tipo vegeto-crudista tendenziale, sostenibile e personalizzata, ricca di acqua biologica, vitale, vibrante e all'infrarosso, inclusiva di vitamina A naturale, di gruppo B e di iodio, vale a dire frutta di ogni tipo e verdure di ogni tipo, in particolare albicocca, alghe, asparagi, acetosa, broccoli, cavoli, cavolfiori, crescione, kaki, tarassaco, equiseto, peperoncino, carota, pomodoro, radicchio, spinaci, patate dolci, castagne, zucchine, fagioli, funghi, cereali senza glutine (miglio, saraceno, mais, riso integrale),
germogli, avocado.

EVITARE LE DIETE SBAGLIATE

Chiaro che vanno poi evitate le diete sbagliate, le diete incomplete, le diete integrate, le diete commerciali, e mi riferisco a quella Kousmine e a quella Pagano, oltre che ai Gruppi Sanguigni, alla Zona, alla Atkins, alla Dukan, alla Lemme, alla Mediterranea carnea, alla Tisanoreica, alla Genetica, e ad altre ancora. Da rilevare che la nostra dieta igienistica non è una dieta ma un integrale sistema di vita.

ALLA LARGA DALLA CUROMANIA SUL SINTOMO

Ovvio che con la curomania medica, coi consigli dei medici e con i loro medicamenti, le loro pozioni, le loro prescrizioni, le loro ideologie e le loro offese continuate al sistema immunitario, non si va da nessuna parte, non si guarisce mai da niente. Ovvio che vanno evitate altre cose ancora, se si vuole sconfiggere in modo clamoroso e definitivo le malattie della pelle e in primo luogo la psoriasi. L'obesità va risolta. Alcune sostanze devono sparire dalla tsavola, dalla dispensa e dalla mente. Niente zucchero, dolciumi, carni, formaggi  stagionati, insaccati, salumi, alcol, caffè, cioccolato al latte, the, cole, cibi e bevande spazzatura.

TESINE DA LEGGERE 

- Psoriasi guttata e tante inutili cure, del 25/3/13
- Una dieta decisiva per  contrastare la psoriasi, del 15/7/13
- Psoriasi guarita dopo 15 anni di tormenti, del 28/9/10
- Psoriasi risolta e benessere per tutti, del 25/6/11
- Psoriasi scomparsa, pelle magnifica e capelli rivitalizzati, del 9/5/11
- Psoriasi sparita, acne migliorata e dieta ingrassante, del 17/8/10
- Dermatite atopica e straordinaria cura della non cura a Bellinzona, del 13/1/15

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento