Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

mercoledì 28 settembre 2016

ACQUE POTABILI PESANTI, ACQUE LEGGERE DI ALTA MONTAGNA ED ACQUE DISTILLATE


LETTERA

Ciao Valdo, una curiosità. Il vapore acqueo emesso da un oggetto casalingo, è acqua distillata?
Grazie.

*****

RISPOSTA

DEFINIZIONE DI ACQUA DISTILLATA

L'acqua distillata è completamente priva di batteri e di residui calcarei e di sali minerali. Presenta inoltre una conducibilità elettrica più bassa dell'acqua di partenza a causa della riduzione del numero di ioni al suo interno. Rispetto all'acqua potabile comune ha meno sapore e può essere definita insipida, dal sapore indefinito. L'acqua della pioggia e della neve è acqua distillata al naturale, neutra e gradevole al sapore. L'acqua resa potabile mediante dissalazione e prelevando l'acqua marina, che avviene nelle isole e nelle zone costiere a scarso apporto idrico, è ovviamente acqua distillata. Va rilevato che i minerali dispersi nell'acqua comune sono minerali inorganici e pertanto dannosi. Le acque degli acquedotti hanno in comune i trattamenti chimici ed antibatterici di rito, e variano in qualità da un acquedotto all'altro.

ACQUE LEGGERE E CARICHE DI FORZA ELETTROMAGNETICA

A mio avviso le acque migliori sono quelle leggere da fonti di alta montagna, quelle più vicine ai ghiacciai, per cui percorrendo tratti brevi dai depositi nevosi alla sorgente non si caricano di troppo minerale inorganico. Da rilevare che, in ogni caso, le acque correnti di tutte le sorgenti non inquinate hanno anche un contenuto di vitalità elettromagnetica naturale che va presa in considerazione. L'acqua distillata si vende liberamente nella maggioranza dei paesi, in particolare in Giappone, Cina, Hongkong, Singapore. Da noi non si vende per l'opposizione legale attuata dal clan produttivo delle acque minerali.

APPARATI UTILIZZATI PER DISTILLARE L'ACQUA IN LABORATORIO

Per ottenere acqua distillata si ricorre al processo della distillazione, che consiste nel far bollire l'acqua, raccogliendo successivamente l'acqua condensata dal vapore acqueo per raffreddamento. I sali contenuti nell'acqua non evaporano per cui dalla raccolta del condensato si ottiene acqua con un contenuto di sali estremamente basso. Lo strumento utilizzato in laboratorio è detto "tubo di Liebig" ed è composto da un primo serbatoio-caldaia, dove l'acqua viene fatta bollire, da un condensatore  e da un secondo serbatoio dove viene raccolta l'acqua distillata.

Valdo Vaccaro

1 commento:

Bukan Saya ha detto...

Thank you for another fantastic posting. Where else could anyone get that kind of information in such a perfect way of writing? I have a speech next week, and I was looking for more info ;) Tete Gede Tante Sheela Bikin Nafsu

Posta un commento