Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 29 settembre 2016

BUON COMPLEANNO A SILVIO BERLUSCONI, TELEVISIONI A PARTE



UN AUGURIO AL GRANDE SILVIO

Questo augurio non arriva da un capo di stato e da una persona ai vertici. Sono in questo momento un semplice tuo concittadino, anzi un sub-concittadino gravato da sequestri, da denunce, da persecuzioni e da trame, per dei reati di opinione in tema di salute, per aver malauguratamente riportato in salute migliaia e migliaia di persone indirizzandole verso una Scuola Superiore di Salute, di Comportamento Virtuoso e di Rispetto Assoluto delle Leggi Eterne ed Immutabili di Madre Natura, leggi in netta collisione con le strampalate malefatte di un sistema medico carico di eclatanti ed incredibili difetti. 

MESSAGGIO DI PROVENIENZA POPOLARE

Questo messaggio non arriva da un Vip della politica e nemmeno da un medico. Non sono medico e non mi interessa di esserlo. Ma non sono nemmeno un sotto-medico. È il medico convenzionale, per sua disgrazia e per i suoi limiti, ad essere sotto-igienista e pertanto incapace di reggere il confronto. Il paragone e la sfida non avvengono certo sul piano dei pezzi di carta. Ne ho tre di lauree, ma non quella aurea e divina in tecniche mediche invasive e distruttive. La sfida avviene invece sul piano dell'impostazione scientifica e razionale, sul piano delle risposte chiare ed esaustive che si danno o non si danno, sul piano delle paure che si ingenerano o non si ingenerano, sul piano dei risultati finali dimostrati e provati che si conseguono o non si conseguono.

NESSUN SENSO DI INFERIORITÀ

Alla fino guardo il medico convenzionale dall'alto in basso e non viceversa. Non per mancanza di umiltà e di rispetto, ma in forza di premesse scientifiche storiche millenarie e, principalmente, in forza delle strabilianti conferme che arrivano a ripetizione tutti i giorni da ogni parte del pianeta.
Spero in ogni caso che il mio messaggio, in un modo o nell'altro, ti capiti fra le mani.

SEI UNA PERSONA SICURAMENTE SPECIALE

Sei una persona che tende a selezionare e distinguere la gente tra grandi amici e grandi avversari. Personaggio controverso. Personaggio invidiato e a volte odiato od incompreso. Organizzatore e imprenditore di rara e indiscussa abilità. Amato per i successi del grande Milan dei Van Basten e dei Maldini. Personaggio costantemente perseguitato dai magistrati rossi per qualcuno. Oppure mai abbastanza bastonato per altri. Spero di non suscitare polemiche facendoti gli auguri per i tuoi magnifici 80 anni.

AMICO DI PUTIN E DEL COLONNELLO GHEDDAFI

Non mi dà per niente fastidio la tua passata e presente amicizia per Vladimir Putin, come non mi dava fastidio quella col Colonnello Gheddafi, scematasi e scioltasi però all'improvviso come neve al sole nel corso di pressioni esterne e di drammatiche circostanze note a tutti.

BARRIERA AL SINISTRISMO INGUARIBILE DEL PAESE

Non mi dà fastidio nemmeno la tua tempra politica e la tua determinazione nel fare da ostacolo e da barriera per decenni all'eccessivo ed inamovibile sinistrismo italico di maniera, all'ortodossia dogmatica e stalinista che arieggiava nel paese impregnandolo di statalismo e di rigidità sindacale spesso autolesionistica, al di là delle esigenze e dei diritti legittimi dei lavoratori sottovalutati e sottopagati.

RISPETTO PER ANTONIO GRAMSCI

Ostacolo e barriera non tanto all'insegnamento originario delle origini di un Antonio Gramsci, per tanti versi coerente, intelligente ed eroico, condito di frasi coraggiose e chiare come "Il Vaticano rappresenta la più grande forza reazionaria esistente in questo paese", o "Istruitevi perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi perché avremo bisogno di tutta la nostra forza", quanto ai troppi compagni con in tasca la conveniente tessera del Pci e con la Ferrari parcheggiata nel garage di casa.

RISPETTO PER ENRICO BERLINGUER

Ostacolo e barriera non tanto alla dura, ma elegante e nobile nel contempo, opposizione politica di un
Enrico Berlinguer, quanto al rigido inquadramento rosso, deleterio per la reputazione, per la flessibilità ideologica e per la dissuasione verso le vitali iniziative degli investitori italiani ed esteri. 

SOSTEGNO NELLE VERTENZE CONTRO DE BENEDETTI

Ho sempre parteggiato mentalmente per te nelle note diatribe contro gli scandali delle Cooperative Rosse, o contro le campagne diffamatorie sui festini e sulle belle donne, o nelle battaglie a suon di miliardi con la prepotenza e la voracità di Carlo De Benedetti. Ma le note dolenti arrivano proprio dalle cose a cui sei più legato. Mi riferisco in particolare al cuore della tua imprenditoria, alle tue reti televisive.

I SOLDI IN ARRIVO VANNO DIFESI E SALVAGUARDATI

Nessuno pretende purezza e trasparenza assoluta. Sarebbe utopistico attendersi questo in un contenitore globale nel quale fluiscono enormi flussi di danaro e nel quale si creano inevitabili dipendenze, favori e collusioni. Tuttavia, qualcosa di meglio e di più era ed è lecito attendersi da chi spesso pretende di essere migliore degli altri, da chi pretende di operare su piani di qualità e non solo di grosse cifre in entrata ed in uscita, da chi pretende di porsi come alternativa libertaria e liberale al monopolio delle televisioni pubbliche.

UNA MACCHIA INDELEBILE SULLA REPUTAZIONE MEDIASET

Personalmente sono rimasto sbalordito dalla vicenda Iene e dai tranelli organizzati a mio danno da Nadia Toffa, con il coinvolgimento di Mediaset, una macchia insozzante, qualcosa che grida vendetta e che ricopre di vergogna la buona reputazione di quanto il vostro gruppo e i tuoi figli stanno facendo.
Si tratta forse di piccoli problemi che non hanno nemmeno sfiorato la Direzione Mediaset? Peggio per voi. La vita è fatta anche di piccole cose che non vanno trascurate, ignorate o messe in disparte.

MARTELLAMENTI MEDIATICI PER ADDORMENTARE ED INTORPIDIRE IL POPOLO

Ma non è soltanto questo. Le televisioni di stato si distinguono per il loro insopportabile, settario e fazioso martellamento mediatico in favore dell'arroganza al potere. Un martellamento imperterrito che prosegue però anche sulle reti private con la stessa Mediaset in testa. Reti private stracolme di olimpiadi e di paralimpiadi, di premier league, di sfilate, di gossip, di oscar e statuette, di festival del cinema, di pettegolezzi e stupidaggini, di banalità e stravaganze, adatte a drogare la mente e a intorpidire ed assopire il pubblico, a mantenerlo nella più profonda ipnosi, nella più assoluta mansuetudine e passività, in quella desiderata e pianificata remissività che tanto piace al sistema.
Non c'è da meravigliarsi che la gente dal palato fine non guardi nemmeno la televisione.

NECESSITÀ SOFISTICATE, ARTIFICIOSE ED IRRAGIUNGIBILI

Tutto il resto si riduce a telegiornali stracarichi di attentati, immigrazioni, violenze belliche, disoccupazione e miserie, alternati a pubblicità devianti e degradanti su auto e moto costosissime, su stili di vita dispendiosi e lussuosi, su un consumismo progressivo che mette più a nudo ancora l'incapacità, l'impossibilità e la proibizione cronica di accedere a quegli obiettivi dondolati satanicamente e provocativamente sul naso come micidiali esche invoglianti a ragazzi privi di prospettive e privi di risorse.

SPOT PUBBLICITARI DEVIANTI

Rimane però lo spazio e il tempo per altre meraviglie. Pubblicità per le cose dannose e inutili, ma soprattutto per cibi e bevande spazzatura, pubblicità al ritmo di 7 su 10 per integratori e farmaci, rubriche di alimentazione con infami esibizioni di animali sgozzati e di ricette grasso-proteiche indirizzate a un pubblico che già soffre di intolleranza alla caseina e alla cadaverina, oltre che di diabete e di obesità e di tumorosità incrementante su ritmi pazzeschi. 

PIAGNISTEI E QUESTUE AI LIMITI DELLA DECENZA

Il tutto condito da grotteschi piagnistei, da richieste continue di soldi, di contributi, di adozioni a distanza. Il tutto intriso di solleciti a supporto di fumose ed eternamente inconcludenti ricerche scientifiche su malattie rare e disperanti. Questue immorali al limite della legalità e della decenza, giostrate e promosse tra l'altro da noti personaggi che navigano nella ricchezza e che giocano a fare i raccoglitori di elemosine miliardarie e a presentarsi come benefattori dei bambini e dei popoli.

TRATTAMENTO SPECIALE PER UNA MEDICINA ASSILLANTE, TERRORISTICA ED AMMALANTE

Rimane soprattutto lo spazio e il tempo per tempestare ed angosciare la gente con le menzogne, i dogmatismi e le arroganze della medicina, con rammarichi espliciti e velati alla scarsità di vaccinazioni, al disturbo dei ciarlatani e degli alternativi nei riguardi della Divina Arte del Guarire Medico, che consiste esattamente nell'opposto, ovvero nella Satanica Arte dello Spaventare e del Far Ammalare la gente resa ignorante, ignara e disponibile ad ogni sorta di curomania e di accanimento terapeutico, inchiodata ignobilmente ai voleri ed agli interessi delle multinazionali del farmaco e del vaccino.

SCANDALOSA E SQUINTERNATA CAMPAGNA IN ATTO A FAVORE DEI VACCINI

Sommamente scandalosa la campagna in atto proprio mentre scrivo, tesa a dare valore scientifico all'imbecille e sballante metodo della vaccinazione, tesa a contrabbandare l'imbavagliamento dei medici scomodi per una unanimità inesistente dei medesimi a favore dei vaccini, tesa a riabilitare le insulse ideologie pasteuriane e i pestilenzialismi della Medicina Monatta ed Untrice dei Lazzaretti Manzoniani, tesa ad attribuire ai vaccini la scomparsa delle epidemie quando ogni progresso è stato invece ottenuto grazie alle migliorie nel campo igienistico, all'acqua corrente, alle reti fognarie e a tutto il resto, nonché a medici-scienziati di livelli mai più visti come ad esempio Claude Bernard e Max Pettenkofer. 

Tanti auguri Silvio. 
Valdo Vaccaro



Nessun commento:

Posta un commento