Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

martedì 13 settembre 2016

DIABETE, NEUROPATIA E PROSPETTIVE DI TRAPIANTO RENE-PANCREAS


LETTERA

DIABETE UNO E COMPLICANZE VARIE

Buongiorno Prof Vaccaro, è con enorme piacere che le invio questa mia mail, augurandomi che nonostante le difficoltà del momento lei possa leggerla e darmi una risposta. Mi chiamo Simona ho 41 anni e dall'età di 18 anni ho il diabete di tipo 1. Inutile dire che in tutti questi anni la mia emoglobina glicata non è mai scesa sotto 8,5. Ho accumulato negli anni tutte quelle "x" che testimoniano le varie complicanze della patologia: neuropatia (mani, piedi e buona parte del corpo), retinopatia, già trattata con laser, iniezioni, entrambe le cataratte e, per ultima, l'insufficienza renale.

LISTA DI ATTESA PER TRAPIANTO DI RENE E PANCREAS

La difficile gestione del tutto mi sta mettendo in lista d'attesa per il trapianto del rene e del pancreas a Padova, dove sto ultimando gli esami. Non le nascondo che non accetto e non ho mai accettato questa mia condizione e, anche se presa per pazza, ho sempre pensato che in qualche modo ne sarei uscita. 
Sto affrontando dei trattamenti in biorisonanza da circa un anno a Como. Trattamenti che stanno dando i loro frutti e a questi sto unendo la pratica del Tai Chi Chuan, il tutto ora supportato in maniera decisiva dal cambio completo dell'alimentazione. 

SEGUO CON MOLTO PROFITTO LE LINEE GUIDA ESPRESSE NEL SUO LIBRO "DIABETE"

Sto pure seguendo le sue linee guida espresse nel libro "Diabete". Sono circa due settimane che le sto applicando e avverto sempre più dei riscontri positivi. C'è già stato un abbassamento drastico dei valori glicemici. Fino a due mesi fa i valori raramente scendevano sotto i 200 e quasi mai in tutti questi anni, e qui le chiedo aiuto perché le ipoglicemie sono quasi una costante.

STO ASSUMENDO PURTROPPO UNA MIRIADE DI FARMACI

Come potrà immaginare assumo una miriade di farmaci. Alcuni, che mi hanno dato in quest'ultimo periodo, non li ho ancora presi. Mi riferisco a Lasics x2, Catapresan, Levopraid 2 cp. al giorno, Eritroproietina, Congescor betabloccante, Cardioaspirina e le statine che non assumo, poichè il valore del colesterolo a 212 è stato solo un caso che non si era mai verificato prima. Naturalmente l'insulina Rapida x3 e la Lantus la sera. La Rapida è di 4 unità al mattino, 10 unità a pranzo, 10 unità a cena la Lantus 16 unità.

COSA STO SBAGLIANDO?

In quest'ultimo mese molto spesso salto le iniezioni poichè i valori sono spesso sotto i 60, lasciando stabile la Lantus. Abbandonare tutta la terapia un po' mi spaventa. Ora prendo sistematicamente 2 Lasics visto che ho paura di trattenere troppi liquidi, nonché il Catapresan e le insuline come descritto. Per farla breve vorrei chiederle come procedere, cosa posso correggere? Cosa sto sbagliando? Devo fare il digiuno anche con questi valori? Come impostare il tutto?

HO OTTENUTO MIGLIORAMENTI STRAORDINARI A LIVELLO INTESTINALE

Dimenticavo, sto ottenendo grossi risultati anche con l'intestino che prima era o completamente inattivo anche assumendo dei lassativi, o in continua colite. Ora si sta assestando anche nel colore prima giallognolo/arancio ora sul marrone scuro. Ho letto su Fb che lei Domenica 18 sarà a Fermo a presentare il suo libro, io abito poco distante da lì, sarò presente augurandomi di poterla incontrare.
La ringrazio anticipatamente per tutte le informazioni che ci lascia arrivare e per la risposta che mi auguro io possa avere da parte sua. Grazie, grazie di cuore per questa Possibilità che tramite lei mi si è presentata. Cordiali saluti.
Simona 

*****

RISPOSTA

LA NOSTRA È UNA LIBERTÀ ASSAI RELATIVA

Ciao Simona. Chi tocca i fili muore, sta scritto sotto i tralicci delle linee ad alta tensione. Chi parla contro i farmaci e chi, ancor peggio, si azzarda a dire a qualcuno di staccarsi dai farmaci, corre gli stessi pericoli, poco importa se ha torto o ragione. Viviamo infatti in una Repubblica fondata sul farmaco, sull'Aids, sulla chemio, sul vaccino e sull'insulina. Meglio ricordarlo in ogni momento. Siamo liberi sì di vergognarci di essere italiani, ma non liberi di dire la verità e di promuovere autentica salute contro le nefandezze del sistema medico prevalente, monopolista, quanto mai disinformato, dittatoriale, ottuso e colluso.

CARRELLATA SUL DIABETE 2

Partiamo col diabete o iperglicemia. Nella stragrande maggioranza dei casi, si parla di diabete 2, le cui cause in sintesi sono: 1) Dieta fallace ed esacerbata dallo stress, 2) Inabilità corporale di metabolizzare correttamente il glucosio, 3) Alti livelli digrasso nel sangue che inibiscono, ritardano ed impediscono l'interazione biochimica tra l'ormone pancreatico insulina e e il glucosio assunto mediante dieta, 4) Invecchiamento progressivo del corpo e crescente incapacità di disgregare e metabolizzare i grassi, 5) Eccesso di proteine nella dieta che aggrava la condizione diabetica, 6) Eccesso di zuccheri raffinati nella dieta che aggrava la condizione diabetica, 7) Oli vegetali estratti a caldo, 8) Eccesso di cereali glutinosi e di paste derivate, che esacerbano il diabete e l'artrite, 9) Micidiale abitudine ad usare grassi trans o grassi idrogenati, che sono i grassi peggiori e si trovano solo nei cibi industriali, fritti e ultra-cotti, 10) Scarso rispetto per il nostro macrobioma fatto di 1000 trilioni di batteri, quando la flora intestinale ha una determinante influenza per l'intero equilibro assimilativo e metabolico, quando  esistono importanti centri cerebrali lungo l'asse cervello-intestino, quando l'intestino è il nostro 2° cervello per i km di connessioni nervose e neuroni in esso presenti, quando esso fa basilare parte del sistema immune con le sue centinaia di linfonodi e di placche di Peyes.

FLORA BATTERICA IN SIMBIOSI ED IN PROPORZIONI EQUILIBRATE

Non è soltanto una questione di 1000 trilioni di batteri. Essi devono stare nelle giuste proporzioni per raggiungere un buon equilibrio simbiotico. Non deve assolutamente verificarsi uno sbilancio a favore dei batteri anaerobi e dei colibatteri che vivono in assenza di ossigeno e si moltiplicano pertanto a dismisura, e che derivano dall'alimentazione alto-proteica ed animale. Devono invece prevalere i saprofiti e gli aerobi che si sviluppato con misura ed intelligenza, e che derivano essenzialmente da una dieta marcatamente vegetariana o vegana o meglio ancora tendenzialmente vegeto-crudista, sostenibile e personalizzata in modo adeguato.

L'USO E L'ABUSO DEI FARMACI PORTA SEMPRE A DEVASTAZIONI

Ricordarsi che il più acerrimo nemico della nostra flora intestinale sono i farmaci, autentici sterminatori di microbi. Specie gli antibiotici che fanno autentiche razzie e devastazioni. Per rimediare a una cura antibiotica e ripristinare una decente flora sono necessari spesso, non giorni o settimane, ma diversi mesi.

CIFRE ALLARMANTI SU GRASSI TRANS, SU OBESITÀ GIOVANILE E SOVRAPPESO IN GENERALE

Nel 2014 oltre 20 milioni di ragazzini adolescenti americani erano obesi, con una triplicazione nel giro di 30 anni. In Rego Unito 2 adulti su 3 sono obesi o in notevole sovrappeso. Le cose non cambiano di molto in Messico, in Cina, in India, in Giappone, in Korea, in Francia e Germania. L'Italia non è affatto indenne da questa tendenza, e l'obesità in età scolastica è schizzata a livelli preoccupanti nell'ultimo decennio. Basta una piccola quantità di grassi trans, come l'1 o il 2% delle calorie giornaliere per far salire alle stelle il livello di lipidi e triplicare i rischi di cardiopatie, di diabete, di morte improvvisa, di tiroiditi, di tumori e cancri. È calcolato che ogni anno in USA morivano ultimamente 250.000 persone/anno solo per i grassi trans. Ma nessuno ha preso provvedimenti per non danneggiare le lobbies alimentari, tanto che tuttora in quel paese si viaggia a un consumo di grassi idrogenati intorno al 2%, che è una cosa allucinante.

LE COMUNITÀ CHE SI ALIMENTANO CON DIETE INNOCENTI, SOBRIE E DIGERIBILI
NON SANNO NEMMENO COS'È IL DIABETE

Il diabete 2 non dipende certamente da mancanza di insulina o da imperfezione o improduttività del pancreas, visto che le ultime ricerche del settore hanno confermato cose che si sapevano da decenni, e cioè che la maggior parte dei diabetici possiede un pancreas efficace e perfetto. Da rilevare poi che tra i popoli che assumono diete a basso grasso, a basse proteine e a bassi zuccheri (evitando gli insidiosi carboidrati semplici tipo il saccarosio e i dolciumi, e preferendo quelli a lento rilascio di calorie come le paste), il diabete è totalmente sconosciuto.

TREMENDE AMPUTAZIONI ALL'ORDINE DEL GIORNO

Le conseguenze sono sotto i nostri occhi. Il 95% delle amputazioni di arti derivano da gangrena diabetica. Il 75% degli infarti e degli ictus derivano da stati prolungati di diabete. Il 75% delle retinopatie arriva dalle stesse sorgenti. Inutile aggiungere che i casi di diabete sono in drammatico aumento nel mondo intero.

DIABETE UNO GIOVANILE ED INSULINO-DIPENDENTE

Nel diabete 1 insulino-dipendente o giovanile c'è produzione bassa o azzerata di insulina, ma sempre con la concausa di diete improprie in fase di gestazione e di allattamento, sempre con la concausa di invasività mediche, di aberrazioni alimentari e di alterazioni sul piano dello stress familiare, sociale ed ambientale. Da rilevare che in Danimarca c'è stata una significativa caduta verticale del diabete 1 grazie alle vaste campagne in favore dell'allattamento al seno, oltre che ad attenzioni particolari nei riguardi delle verdure e della frutta fresca, e quindi della vitamina C favorevole alla migliore condizione immunitaria.

LO SFIANCANTE FENOMENO DELL'IPOGLICEMIA

L'ipoglicemia è caratterizzata da stanchezza, letargia, sonnolenza, apatia e depressione. Le cause stanno negli sbalzi glicemici stessi e nella difficoltà a ritrovare il necessario riequilibrio. Cause aggiuntive i cereali zuccherati da breakfast, e tutti i carboidrati semplici che entrano troppo velocemente nel sangue e nel sistema, con rilascio eccessivo di insulina, con successivo abbassamento di zuccheri e conseguente ipoglicemia. È per questo che devi portarti appresso uvetta secca, datteri, fichi secchi e simili.

È TUTTA UNA QUESTIONE DI SANGUE GRASSO

La cosa bella è che poi l'unica vera malattia madre di tutte le altre è la tossiemia, ed in particolare la lipo-tossiemia, ovvero il sangue grasso e viscoso che altera la funzionalità circolatoria e rallenta il ritmo metabolico, impedendo all'ormone insulina, di cui i diabetici per paradosso posseggono in abbondanza, di muoversi liberamente e con puntualità sui punti critici dell'organismo.

LA NATURA È RICCA DI RISORSE AMICHE

Amici del diabete? Asparago, avena, carota, cavolo, cicoria, crescione, fagiolo, mora nera da gelso, mora di rovo, lampone, mirtillo, uva spina, uva ursina, melagrana, nocciola, noce, oliva, patata, fragola, mela, pera, ciliegia, mango, papaia, pompelmo, limone, topinambur, tarassaco, acetosa, peperoncino, germogli, ortiche, alghe. Amicissimi i lupini, noti per abbassare la glicemia. Amicissimo il riso integrale e i risi neri. Amicissime tutte le verdure crude. Amicissima la verdura thai chiamata le dita della signora o lady's finger. Amiche le minestre di verdure ed anche le verdure saltate nel wok o in padella. Amicissime le camminate, la buona respirazione addominale, la traspirazione cutanea e l'esposizione solare.

LA GUARIGIONE È ASSICURATA

Come si fa a guarire? Intanto occorre credere in se stessi e nelle leggi millenarie di Madre Natura. Occorre credere nel fatto strabiliante ma verissimo e provatissimo che disponiamo di un corpo autoguarente. Come si fa, in concreto? Adottando una normale dieta leggera, digeribile, acquosa, prevalentemente crudista, una dieta vibrante e radiante collocata sulle alte quote Angstrom della scala Simoneton. Già fare questo, dismettendo nel contempo farmaci e insulina senza esitazioni e senza paure, con decisa progressione, porta a guarire da qualsiasi tipo di diabete nel giro di 3-5 mesi, massimo 12 mesi.

RIBELLARSI E DIFENDERSI A DENTI STRETTI

Tornando al tuo caso personale, fai benissimo a ribellarti e a non accettare la presente condizione. Sei tutt'altro che pazza. Follia sarebbe invece l'atteggiamento contrario, arrendevole ed obbediente. Follia sarebbe poi accettare trapianti di organi singoli o associati, implicanti immunosoppressioni e accanimenti terapeutici a non finire. Ottima l'idea del Tai Chi Chuan. Non penso invece che la biorisonanza serva veramente alla lunga.

NON CREDERE MAI A NIENTE E A NESSUNO, MA IL TESTO DIABETE È VERITÀ ALLO STATO PURO

Non devi credere a nessuno, nemmeno a me, almeno fino a quanto non sei convinta profondamente e del tutto su basi concrete. Prendo nota comunque che hai letto il mio ultimissimo testo sul diabete che del resto sta riscuotendo un crescente interesse, e che sarà distribuito di persona dalle editrici Elena e Lina durante il meeting vegano di Fermo. Se i libri esposti non bastassero, si possono sempre ottenere prenotandoli su info@hygeaedizioni.com

IMPORTANTE MEETING A PINETO, LOCALITÀ DELLA COSTA ABRUZZESE

Sarò anche al meeting di Pineto in Abruzzo il 19-20-21 settembre, non distante da Fermo, sicuramente in situazione di maggiore calma e tranquillità. Anche qui puoi prenotare telefonando alla dr Fiorenza Guarino 335-1997815, o fiorenza.guarino@aghape.it.
Il messaggio va esteso con urgenza non solo alle Marche che contano su Fermo e Porto San Giorgio, ma in particolare all'Abruzzo e alla Puglia, all'Umbria e al Lazio, vista l'importanza crescente del diabete, del sovrappeso e della salute in generale. Maggiori dettagli sulla rubrica Corsi, conferenze e colloqui Valdo 2016, sul mio blog.

LA RIVOLUZIONE DEI PUNTEGGI INSULINICI SINTETIZZATA NEL MIO ULTIMO LIBRO SUL DIABETE

Prendo anche nota degli effetti positivi che il mio sistema alimentare e comportamentale sta già abbondantemente producendo su di te, come è successo poi a migliaia di persone. Nel caso tuo hai sperimentato un abbassamento glicemico mai visto prima e strepitosi risultati a livello intestinale. Non mi pare poco. Devi pertanto insistere. Ricordati in ogni caso di seguire il mio blog digitando come motore di ricerca le parole diabete, insulina, reni, dialisi, trapianti. Tieni presente che nel diabete l'importanza si è spostata tutta sui punteggi insulinici, più che sugli sbalzi glicemici, e questo rappresenta una autentica rivoluzione.

RIMEDI ALL'INSUFFICIENZA RENALE

Per quanto riguarda il sistema renale, divieto assoluto per crostacei e frutti di mare. Assumere piuttosto succhi di carote, o di carote-sedano-ananas, tisane di tarassaco, di ortica, di equiseto, banane, avocado, acqua di cocco, insalate crude, succhi di verdure, sedano, prezzemolo, acetosa, anguria, melone, crankberry fresh juice, cavolo, crescione, cicoria, fico, lampone, lattuga, orzo, porro, portulaca, uva, piantaggine, malva (pianta regina contro le malattie renali: un litro al giorno di the di malva se vuoi), rafano, cren, ravanelli, rape piccanti, rucola.

INTOSSICAZIONE DA FARMACI

Per le neuropatie, esse sono la evidente conseguenza dell'inquinamento interno e prolungato da farmaci e pertanto dalla acidificazione dell'intero sistema. La tossicosi interna si può sconfiggere sì, ma occorre interrompere drasticamente l'assunzione delle sostanze che l'hanno causata, che nel suo caso sono soprattutto i farmaci. Prendi nota che sei fortemente intossicata dai farmaci e che pertanto dovrai affrontare una laboriosa detossificazione, con straordinari risultati migliorativi, ma dopo una serie di ovvie ondate eliminative.

I FARMACI VANNO COMUNQUE ACCANTONATI ED ESTROMESSI IN PROGRESSIONE

Tieni presente comunque che rimane imperativa la necessità di scalare perentoriamente e senza timori di sorta i farmaci che ancora continui ad assumere, visto che hai necessità assoluta di purificare il corpo e di ricaricarne le batterie, di riequilibrarne l'assetto. I farmaci sono incompatibili con gli alimenti vivi e freschi che hai iniziato a consumare. Anche il discorso del digiuno va escluso fino a quando non tutte le porcherie chimiche saranno state eliminate.

SERVE SICURAMENTE CORAGGIO E DETERMINAZIONE, MA SENZA INUTILI ANSIE

Capisco che abbandonare l'intera terapia in corso ti spaventi. Non è neanche cosa facile in quanto stai prendendo una miriade di medicinali. Non è neanche una strategia priva di inconvenienti, visto che, come appena detto, ogni processo depurativo comporta effetti eliminativi nel periodo critico, ai quali occorre far fronte con coraggio e forza interiore, visto che il corpo, aiutato dalla assunzione dei giusti cibi, non va mai contro se stesso. Non posso neanche prendermi alcuna responsabilità, e nessun'altra comunque lo potrebbe fare. Deve essere sempre e comunque una tua libera e responsabile scelta. Chiaro che nessun medico al mondo accetta volentieri una dismissione da farmaci e integratori, considerati quasi sempre come sostanze da assumere a vita.

TESINE DA LEGGERE

- Diabete uno e retinopatia proliferante in guarigione e incredibile tifo contrario dei gufi, del 19/2/16
- Sovrappeso, amputazioni ed inquietudini diabetiche, del 2/1/16
- Insulino-dipendenza, asma atipica e degenerazione alimentare, dell'8/12/15
- I falsi mostri della diabetologia convenzionale, del 9/10/15
- Regressione naturale dal diabete mediante plant-based diet, del 21/8/15
- Ossessione diabetica, diabete uno e malattia di Lyme, del 6/8/15
- Diabete uno trentennale, edema retinico e timoori di perdere la vista, del 2/8/15
- Inibizione insulinica da sangue grasso e uscita dal tunnel diabetico, del 9/7/15
- Vittoria in corso su diabete-1 mediante stacco dal veleno insulinico, del 3/6/15
- Ruolo determinante del grasso nelle patologie diabetiche, del 2/6/15
- Diabete 1, Hashimoto, fegato grasso e polipi intestinali, del 26/5/15
- Ruolo determinante del grasso nelle patologie diabetiche, del 2/6/15
- Vittoria in corso su diabete 1 e retinopatia proliferante in guarigione, del 19/2/16
- Guarigione da ogni forma di diabete, dell'11/3/16
- Miliardi di persone inchiodate alla scelleratezza della dialettologia ufficiale, del 19/2/16
- Pappatori di hamburger e piedi amputati, del 22/4/15
- Diabete 1 e cardiopatia da sangue grasso, del 24/1/15
- Picchi glicemici e punteggi insulinici, dell'8/12/14

Valdo Vaccaro


Nessun commento:

Posta un commento