Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 22 settembre 2016

FERMO FESTIVAL, SANGUE LIMPIDO E PERPLESSITÀ TIROIDEE


LETTERA

NON POSSONO METTERTI E METTERCI A TACERE

Buonasera Valdo, arrivata apposta da Pescara, ho assistito alla sua conferenza di domenica scorsa al Veganplace Festival di Fermo. Avere un'ennesima conferma, da lei in carne ed ossa, di ciò che, negli anni, ho letto e appreso dal suo blog, è stato per me un immenso piacere. Fantastica la trovata della bandana a coprirle la bocca. Stanno provando a zittirla, ma tutti noi, suoi seguaci, parleremo per lei e con lei, non possono metterci a tacere e nascondere le evidenze!

GLOBULI BIANCHI BASSI E PIASTRINE BASSE

La contatto perché, dopo 2 anni e mezzo da vegana, di cui 1 di crudismo tendenziale, ho ritirato oggi le analisi del sangue: globuli bianchi e piastrine bassi, globuli 4.3 (valori di rif. 4.8-10.8 10^3/uL),
piastrine 119 (valori di rif. 130-400). Come leggevo in un'altra sua tesina, ciò è chiaramente dovuto a potenziamento generale del mio sistema e pulizia del sangue, in quanto i miei globuli bianchi sono "a riposo" da anni, dato il livello di infezione completamente assente. Lo stesso vale per le piastrine: sangue più fluido che mai. Mi corregga se sbaglio.

TSH ALTO E ASSUNZIONE EUTIROX

L'unico martello che mi tartassa è il TSH tiroideo alto: FT3 1.94 (2.2-4.2), FT4 0.82 (0.8-1.7),
TSH 10.78 (0.3-3.6). Ho una tiroidite di Hashimoto dal 2009 e assumo Eutirox da allora. Leggo e rileggo le sue tesine, senza però trovare mai la forza di ridurne o interromperne l'assunzione. Dalle ecografie la mia tiroide risulta in necrosi. Quindi senza possibilità di ripresa alcuna? Questo è il dubbio che mi perseguita. Senza il sostegno dell'ormone sintetico, con la sola alimentazione, potrà mai tornare a funzionare o a lasciarmi vivere senza i tremendi sintomi, da lei stesso elencati che, a dire il vero, mi spaventano non poco?

HASHIMOTO E MIXEDEMA

Cito una sua tesina: "Con una tiroide deficiente e sotto-attiva, come nel Morbo di Hashimoto, si va in mixedema, ossia in un edema del sotto-cute dovuto ad accumulo di muco-polisaccaridi, tipico dell'ipotiroidismo, con gonfiori al viso e alle labbra, sonnolenza e paranoia, udito e memoria alterati, movimenti rallentati.

ALTERAZIONI VARIE OVVERO SINTOMI DA TIROIDE ATROFIZZATA

Nell'ipotiroidismo, il mixedema significa alterazione cutanea causata dalla mucina che si deposita nelle fibre del derma. Il mixedema è una condizione caratterizzata da diminuzione del ritmo metabolico, aumento di peso, diminuzione di vigoria fisica e mentale, occhi addormentati, battito lento. unghie spesse e fragili, capelli radi e secchi, bassa temperatura corporale, anemia nelle parti periferiche." Come ovviare a tutto questo con una tiroide atrofizzata, senza il ricorso a farmaci?
La ringrazio anticipatamente per aver trovato il tempo di leggere la mia mail e dedicarmi il suo prezioso tempo. Un saluto,
Roberta (29 anni)

*****

RISPOSTA

LA TUA RIPRESA STA TUTTA NELLE TUE MANI

Ciao Roberta. Per il problema che più ti affligge, ossia per la tiroide le tue sorti stanno tutte in mano tua. Un TSH elevato in presenza di FT3 e FT4 normali è indice di ipotiroidismo latente. La presenza al contrario di TSH basso e di ormoni bassi sarebbe espressione di una forma secondaria a deficit di secrezione ipotalamico-ipofisaria e non è evidentemente il caso tuo. In ogni caso si tratta di un problema assai diffuso sul quale non ci si deve preoccupare troppo. Dovresti rileggerti attentamente la mia tesina "Effetti distruttivi Eutirox e nuove strade per il riequilibrio della tiroide", del 13/1/16.
Una riguardata ai vari articoli sull'Eutirox non sarebbe male.

CIBO COMPATIBILE E INGREDIENTI ADATTI

Come ovviare a questa anomalia? Credendo nelle leggi della natura, per il le quali il corpo è autoguarente e non funziona a compartimenti stagni. Usare pertanto un carburante buono, cioè semplice, bilanciato, neutrale, rivitalizzante. Accompagnarlo dagli ingredienti adatti elencati nel nostro pacchetto-salute e credere fermamente e coerentemente nelle proprie risorse.

PIÙ CORAGGIO NELLO STACCO PROGRESSIVO DAL FARMACO

Ovvio che le paure ingenerate dai medici sono difficili da superare. Se poi ti metti in testa di avere una tiroide del tutto necrotizzata, diventa difficile prendere l'iniziativa nella direzione di stacco dal farmaco. Per paradosso, è proprio l'uso dell'Eutirox che impedisce alla tua tiroide di riacquisire funzionalità. Non soffermarti troppo sui sintomi che ho elencato. Il fatto stesso di essere venuta alla mia conferenza dalla tua Pescara, sta a significare che che sei attiva e vigorosa nonostante tutto. Se uno crede troppo nel farmaco commette nel contempo un atto di sfiducia in se stesso e nelle proprie capacità di ripresa. La forza del pensiero diventa in questi casi fattore decisivo e discriminante tra chi guarisce e chi no. Vale non solo per la tiroidite ma per qualsiasi alterazione.

I FATTI DELLA VITA INSEGNANO

Ti racconto un episodio. Mio figlio Francesco ha preso un uovo fecondato e ha fatto nascere un pulcino. Lo ha poi alimentato e coccolato riservandogli l'affetto e le attenzioni di una chioccia, finché il pulcino è diventato gallinella. Un giorno la bestiola, mentre beccheggiava nel bosco attiguo, ha subito l'attacco di un rapace. Niente ferite evidenti ma grave shock e perdita totale dell'uso delle zampe, mentre l'appetito non mancava. L'ha portata da un veterinario. "Nulla da fare! Problema neuronale inguaribile e animale spacciato, rassegnati e lasciala al suo destino". Francesco invece ha continuato a seguire la sua amichetta Alice per diverse settimane, ha continuato a darle cibo, acqua e carezze, persino a parlarle sottovoce. Ebbene, il miracolo è regolarmente avvenuto. Si è ripresa perfettamente e sgambetta di nuovo al meglio intorno alla casa. Quel veterinario, pur bravo, si è comportato esattamente come tutti i medici. Zero fiducia nelle forze di Madre Natura! Prendilo pure come spunto e come riflessione.

ALICE E VODKA

Qualcuno troverà modo di criticare questo accostamento tra le sorti di un piccolo pennuto e un problema di tiroide umana, mentre non è il caso di farlo, essendo anche questo un caso eclatante di remissione spontanea e di cura della non cura sul sintomo. L'animaletto ha continuato infatti ad alimentarsi, a prendere il sole e a riprendersi gradualmente, rotolandosi prima da entrambi i lati, aiutando il movimento con le ali, barcollando e cadendo spesso fino a ritrovare l'equilibrio e la forza per tornare in perfetta forma. Ora Alice è tornata a rubare di tanto in tanto le crocchette a Vodka, la nostra gattina bianca che la guarda con non poca alterigia e sopportazione.

Valdo Vaccaro




Nessun commento:

Posta un commento