Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 22 settembre 2016

VEGANISMO SENSATO E INTELLIGENTE AL DI LÀ DI MODE ED ETICHETTE

(Conferenza di Fermo del 18 settembre 2016)


PARTE 1

UN SALUTO ALLA REGIONE MARCHE

Un caloroso saluto a tutti voi amici marchigiani. Non pretendo di insegnarvi grandi cose. Da queste parti, come del resto in tutto lo stivale, si mangia bene ed esiste una eccellente cultura alimentare. Qualche miglioramento può essere tuttavia messo in preventivo anche presso i più bravi. Mi accontenterei di offrirvi una sintesi ed una infarinatura su alcuni concetti semplici e fondamentali. Concetti in grado però di fare la differenza non solo in termini di cibo virtuoso e di buona digestione, ma soprattutto di scelte qualitative di vita, di pensiero e comportamento, intese possibilmente a massimizzare benessere, equilibrio ed apertura mentale. 

INCONTRO CARICO DI SIGNIFICATO

Tutti i nostri meeting igienisti sono importanti e lasciano il segno. Questo incontro di Fermo ha però un particolare significato. Non è solo la prima conferenza dopo una lunga sosta estiva. È impreziosito da diversi relatori celebri. Arriva pure in concomitanza con un terremoto che ha scosso e scuote le viscere della terra causando danni, e che mantiene tuttora la popolazione col fiato sospeso. Nel mio caso personale, questo meeting arriva dopo un blitz delle forze dell’ordine che ha messo a soqquadro la mia abitazione e la mia stessa famiglia.

IL DANNO PEGGIORE È QUELLO DELLA SPOETIZZAZIONE

Pensavo in tutta franchezza che insegnare le cose giuste in favore della salute e dell’ambiente, e farlo senza pesare in alcun modo sui precari bilanci dello stato italiano, comportasse non dico qualche segnale di riconoscenza da parte delle istituzioni, non dico qualche iniziativa mirata a premiare o incoraggiare quanto facciamo in piena trasparenza ormai da anni, ma almeno un atteggiamento di vivi e lascia vivere improntato alla tolleranza.

DA DOVE ARRIVANO I VELENI

Evidentemente la verità sta dando troppo fastidio in determinati ambienti e si vuole pertanto colpire, silenziare, tappare la bocca, disattivare la mente a chiunque si permetta di esprimerla pubblicamente. Dicessimo degli spropositi si potrebbe anche capire. Ci limitiamo invece ad educare e promulgare semplicità e saggezza negli alimenti e nei comportamenti. Ma pare che in questo paese siamo rimasti ai tempi dell’inquisizione e dei roghi. Non ce l’ho contro le forze dell’ordine che intervengono su ordini superiori, ma piuttosto contro manovratori ed ispiratori, contro le potentissimi lobbies e le reti televisive sovvenzionate e colluse, vicine all’arrogante ordine medico, all’agroalimentare delle stalle e dei macelli, alle multinazionali della triade farmaco-vaccino-integratore, ai giganti delle biotecnologie, degli ogm, dei round-up e dei glifosati che rispondono a nomi ultranoti come Monsanto, Syngenta e Bayer.

UNA BATTAGLIA DESTINATA A TRIONFARE

Non ho mai visto finora delle azioni punitive o delle bravate manzoniane contro chi esalta prosciutto crudo o cotto, contro chi idealizza trippe, fegato, bistecche e latticini, o contro chi spaventa i malati inducendoli a farsi sottoporre a devastanti cure-mediche-sul-sintomo, a operazioni chirurgiche spesso demolitive. Questi persecutori da strapazzo hanno il fiato corto e a coscienza sporca. Hanno il dente avvelenato perché sono si tuttora maggioritari in termini numerici, ma vedono e sentono ormai franare il terreno sotto i loro piedi. Verificare il crescente interesse del pubblico qualificato verso i cibi sani, naturali ed innocenti, verso il vegetarismo e verso la Health Science, li riempie di livore e di stizza. Del resto, le stesse autorità mondiali sul cibo, stanno decisamente dalla nostra parte. L’ADA (American Dietetic Association) non esita e definire le diete vegetariane salutari e adatte alla prevenzione delle malattie, e quindi benefiche per tutti gli stadi del ciclo vitale.

VEGANISMO SENSATO ED INTELLIGENTE

Cosa significa mai sensato ed intelligente? Significa usare un minimo di buon senso e di consapevolezza nelle proprie scelte. Significa pure rendersi conto che il cibo non è tutto e occorre pertanto dare la giusta importanza ai nostri pensieri, al nostro stato d’animo, alle nostre risorse interiori. Vivere in una atmosfera rilassata e serena, costruttiva, libera il più possibile da stress e tensioni, apporta risultati altrettanto importanti e spesso anche superiori a quelli che il buon cibo è in grado di garantire. Dubbi? Perplessità? Timori di sbagliare? Timori di finire in situazioni di carenza alimentare? Rassereniamoci tutti una buona volta. Esistono prove straordinarie a supporto della nostra dieta, o meglio del nostro sistema di vita improntato al rispetto del nostro corpo e al rispetto di madre natura. Siamo disegnati e progettati per consumare in forte prevalenza frutta e verdura, per cui non esistono motivi per dubitare.

SIAMO SEMPRE CON MADRE NATURA

L’appello che arriva costantemente da millenni di storia umana, tramite i maggiori esponenti di vita sana, è “Vivi secondo natura”, “fai in modo che la natura sia il tuo insegnate preferito”. Lo dice il Buddha, lo dice Zoroastro, lo dice l’imperatore Marco Aurelio, lo dice la Scuola Medica Salernitana,  lo dice Ippocrate, lo dice William Harvey, scopritore della circolazione cardiovascolare. Difficoltà operative? Non esistono.

UN PIATTO DI INSALATA CRUDA COME ESORDIO

Un ottimo suggerimento valido per vegetariani e vegani, e addirittura per gli stessi onnivori in procinto di passare progressivamente al vegeto-crudismo-tendenziale, è quello di iniziare ognuno dei due pasti principali con una abbondante porzione di verdure crude a piacere, evitando però un eccesso di mescole in contemporanea. Radicchio, lattughe, valeriana, indivia belga, rucola, tarassaco, cavoli, pomodori, cetrioli, finocchi, carciofi, carote grattuggiate, rape, ravanelli e crauti conditi sapientemente con olio extra vergine e succo di limone oppure con aceto non pastorizzato, il tutto da masticare lentamente, con eventuale aggiunta di mezzo avocado e di un pezzo di pane integrale. Questo sistema risolve già il 50% dei problemi alimentari, in quanto inibisce ulteriore fame ed evita di ingozzarsi con cibi sbagliati o con cibi stracotti. 

DAL CRUDO AL COTTO

Al primo piatto di crudità può seguire qualche verdura cotta tipo spinaci, patate, bietole, fagiolini, zucchine e polpette vegetali. Per chi ha tuttora buon appetito si concluderà il tutto con pasta e verdure, riso integrale o miglio, pannocchia di mais, gnocchi di patate o di zucca, polenta e funghi, fagioli in padella, broccoli, cavolini di Bruxelles. Una manciata di frutta da guscio, tipo nocciole, noci, anacardi, pinoli o semi di zucca concluderà il pasto. Meglio non bere, ma mezzo bicchiere d’acqua, di birra o di vino, per chi non si sente di sottoporsi a troppe rinunce, possono anche starci.  Chi ama concludere con un gelato alla soia, nessun divieto.

E LA FRUTTA ACQUOSA DOVE LA METTIAMO?

Agrumi invernali, agrumi estivi tipo i pompelmi, uva regina e una da vino e tutto il resto della frutta nostrana e tropicale, saranno consumati preferibilmente nel corso della mattinata e nel tardo pomeriggio verso le 17, ovvero due ore prima di cena. Ovvio che, per chi fa le ore piccole in tempo estivo, una o due fette di anguria fresche ci possono stare, come ci può stare un gelato o un panino vegan-crudista, o una pizza alle verdure e ai funghi con un bicchiere di birra. Non siamo talebani e la giusta quota di vacanza, divertimento e di trasgressione di tanto in tanto va messa in conto, senza colpevolizzarsi ed affliggersi troppo. 

CRUDISMO E SUCCHI

Al crudismo si arriva in modo progressivo. Per qualcuno già un livello di 50-60% di crudo rappresenta un discreto risultato. L’idea però è di stare sul 70-80%, lasciando il resto a qualcosa di cotto e eventualmente a del cibo vegetariano tipo uova bio e formaggi crudi di malga al caglio vegetale, sempre per chi non vuole o non sa rinunciarvi. O meglio a polenta, fagioli, funghi, seitan, tofu, farinata di ceci. Chiaro che spremute, estratti e centrifugati vanno assunti, al pari della frutta, lontano dai pasti e a stomaco vuoto, con qualche eccezione per mele, ananas e papaia, cariche di enzimi antifermentanti. L’utilizzo di datteri, banane, uvetta oppure di strudel e di frittelle di mele e pere sempre senza zucchero, oppure di castagnaccio con uvetta e pinoli, oppure di castagne e patate dolci, oppure di tapioca, completa magnificamente il nostro quadro alimentare.

SEMINI, RISO INTEGRALE E TRIPTOFANO

Il triptofano è una sostanza straordinaria essendo un precursore della serotonina, ormone del relax e del buon umore. Si trova abbondante nel riso integrale e nei risi selvatici, a patto di usare tecniche di cottura conservativa con pre-immersione in acqua fredda, con bollitura veloce e con saltatura finale in padella assieme a verdure e legumi. Il riso è anche sostanza anti-diabetica per eccellenza, carico di B3, B6 e B9, di fibre, di zinco, magnesio, ferro, silicio, manganese e fosforo sapientemente bilanciati. Avena, sesamo e banane sono pure ottime fonti di triptofano. Mandorle, pinoli, spinaci, semi di zucca, avocato, portulaca ed alghe contengono Omega3 nonché alte quantità di magnesio, minerale che facilita il sonno. Stare alla larga da televisione, cellulari ed altri dispositivi elettronici incompatibili col nostro sonno.

CONFERME SPORTIVE A FAVORE DEL VEGETO-CRUDISMO TENDENZIALE

Il segreto di molti atleti di successo, di campioni irripetibili e di recordman longevi e resistenti, sta proprio nella dieta vegetariana. Nell'ultimo numero di Agosto-Settembre della straordinaria rivista Crudo Style, si cita ad esempio la straordinaria esperienza di Cinzia Salvi, specialista italiana di corse in salita. La sua scelta iniziale vegana è stata per lei una presa di coscienza istantanea, una scelta puramente etica. Poi, scoprendo che le sue prestazioni sportive subivano una sterzata in positivo volle approfondire, e si rese conto che c’erano tanti atleti al mondo che, senza carne e senza integratori di alcun genere, conseguivano risultati sorprendenti. La conferma arrivò per lei ben presto. Le sue, a quel punto, non erano più semplici gare di partecipazione. All'improvviso le corse le vinceva regolarmente! 

INTERVISTA A CALDO CON CINZIA SALVI

"Ho vinto tantissimi premi, medaglie, coppe ed anche soldi, vivendo frequenti momenti di gloria sportiva negli ultimi cinque anni. La corsa lungo i sentieri di campagna rigenera il corpo e la mente. Amo la fatica, il sudore, l'impegno, la determinazione, le condizioni estreme che mettono alla prova. Amo i percorsi impervi e scoscesi. Traggo l'energia dalla frutta fresca e secca, dai succhi di verdura, da spinaci, mele, carote, sedano, finocchi, zenzero ed altri vegetali. La mia dieta varia ovviamente a seconda della stagione e degli impegni sportivi in corso. Non esito talvolta ad assumere 5 banane, o 4 mele, o 200gr di frutti di bosco o 200gr di frutta secca e di semini, oltre che all'immancabile dose giornaliera di verdure crude e di qualche verdura cotta, specie banane e legumi in tempo invernale. Amo la pizza alla farina di riso con pomodori, tofu e funghi. Non seguo per niente gli allenatori di palestra ma sono allenatrice di me stessa. Consiglio la dieta vegana non a qualcuno, ma a tutti indistintamente, senza alcuna eccezione. La dieta vegana mi ha letteralmente salvata. Più che dieta si tratta di un eccellente modo di vivere secondo natura. I miei valori ematici sono migliorati sotto tutti i profili, le mie prestazioni sportive si sono moltiplicate. Auguro a tutti di intraprendere questo percorso perché è stata la cosa migliore che ho fatto nella mia vita!"

TESTIMONIANZE E PROVE CHE I CONSUMATORI DI CARNE SE LE SOGNANO

Una magnifica testimonianza, una delle tantissime a nostra disposizione. Chi volesse documentarsi su grandi atleti vegetariani-vegani di ieri e di oggi anche in discipline durissime come triathlon, decathlon, corse ad ostacoli e maratona, resterà di sicuro sorpreso. 

ALTRI INGREDIENTI FONDAMENTALI

Quando si dice veganismo sensato e intelligente si dice cibo sobrio, innocente e digeribile, visto che sono le buone digestioni ad assicurare un rinnovo continuo del sangue ed una costante purificazione del sistema. Ma non vanno poi messi in secondo piano altri ingredienti fondamentali come il movimento, il camminare spedito, il nuotare, il pedalare, il prendere sole senza troppi timori, il respirare a fondo aria buona. Anche il vivere in una casa confortevole ed esposta a luce solare, costruita ed arredata con criteri di bioedilizia, fa la differenza. Occorre anche dedicare il giusto tempo a meditazione e riposo. Il sonno notturno ha una valenza speciale dato che ricarica le nostre batterie. Gli organi che traggono più beneficio e vantaggio dal riposo notturno sono il cervello, il sistema immunitario, il sistema nervoso e il sistema circolatorio.

ARIA DI MARE

Occorre sfruttare al meglio le risorse che abbiamo. L'Italia ha la fortuna di essere circondata dal mare e spesso da pinete marine, dove la salsedine iodica si mescola magicamente con gli aromi dei pini. Chi sta vicinissimo al mare gode di grossi vantaggi. L'aria marina fa bene sia d’estate che d’inverno, si parla infatti di talassoterapia. Essa è un autentico toccasana per infiammazioni croniche, artriti, reumatismi, bronchiti, asma, allergie ed ipotiroidismo da carenze iodiche. L'aria di mare è particolarmente indicata per bambini e persone anziane. Respirando in modo profondo si ottiene il cosiddetto effetto aerosol. Il continuo movimento delle onde rilascia nell'aria milioni di microparticelle d’acqua ricche di ioni negativi con ruolo rivitalizzante per l'organismo. In questo modo si ossigena il sangue, lo si fa scorrere più velocemente e si ostacola la ritenzione idrica. Anche il cervello ne trae grossi vantaggi, ricevendo più ossigeno ed acquisendo maggiore relax e concentrazione.

PRECONCETTI ANTIVEGANI IN PARLAMENTO

Incredibile la proposta di legge della On. Elvira Salvino, mirata all'introduzione degli art. 572 bis e ter del codice penale, concernenti il reato di imposizione di dieta priva di sostanze essenziali per la crescita a un minore di anni 16. “Onorevoli colleghi ormai da anni, e in particolare nell'ultimo decennio, si è andata diffondendo in Italia la credenza che una dieta vegetariana, anche nella sua versione vegana, apporti cospicui benefici alla salute dell’individuo. Molti decidono di seguire questo tipo di alimentazione, priva di carne, di pesce e di alimenti di origine animale, per motivazioni religiose o etiche, per rispetto della vita degli animali. Molti altri lo fanno soltanto per adeguarsi a una moda. A convincere ulteriormente i seguaci delle filosofie vegetariane interviene anche la diffusione incontrollata di notizie attraverso i mezzi telematici, dove proliferano interventi e dichiarazioni, spesso prive di fondamento scientifico, che condannano senza appello il consumo di carne e propagano regimi alimentari che lo escludono. Nulla vi è da obiettare, se chi sceglie questo stile alimentare è un adulto consapevole e capace di auto-determinarsi, comprendendo le conseguenze delle proprie azioni ed assumendone le responsabilità. Il problema sorge quando ad essere coinvolti sono i minori. Molte volte, soprattutto ai figli di genitori che seguono diete vegane e vegetariane, viene imposta una alimentazione che esclude in modo categorico ed imprudente, alimenti di origine animale e loro derivati. Com’è noto, i medici nutrizionisti, sostengono che per seguire con sicurezza questo tipo di dieta, bisogna sottoporsi a stretto controllo di esperti dietologi. Essi comunque sconsigliano da sempre di far seguire queste diete ai bambini, agli adolescenti, alle donne in stato di gravidanza ed allattamento.”

ULTERIORE DOCUMENTO SULL'IGNORANZA AL POTERE

Mi spiace per la deputata Salvino. Il suo testo è intriso di errori clamorosi, di sviste e di gravi pregiudizi anti-vegetariani. Un documento particolarmente inopportuno e diseducativo il suo. Appare a chilometri di distanza la sua appartenenza alla categoria dei consumatori abituali di carne. Il discorso della consapevolezza e della saggezza nelle scelte alimentari riguarda tutti e non solo i vegani. La già citata ADA rimane la più autorevole esperta mondiale di alimentazione e difende le diete vegetali senza limitazioni, definendole espressamente valide per bambini, adolescenti, donne in gravidanza o allattamento ed atletismo competitivo. Mettere sotto accusa i genitori vegan e la propaganda vegan è ribaltare le carte in tavola. Ben sappiamo come le reti televisive bombardino ed istupidiscano 24 ore al giorno la popolazione con pubblicità unilaterale e deviante a favore di carne, farmaci, integratori, cibi zuccherati e devitalizzati. I minori e gli adolescenti non sono dei marziani. Chi mai controlla poi i genitori che devastano e gonfiano i loro figli imponendo loro prosciutti, mortadelle, ragù, fegatini, trippe ed altre immonde delicatezze alto-proteiche?

IL SALTO NEL BUIO LO FANNO I CARNIVORI

Veganismo e vegetarianismo non sono affatto teorie rischiose. Non hanno certo bisogno di un esame di ammissione o di un diploma di credibilità rilasciato da nutrizionisti medici da sempre disinformati sul cibo. A quali scienziati si appoggia mai la Salvino, a quali esperti fa essa riferimento? Il nostro vegetarismo tendenziale e ragionevole verte su poche e semplici scelte di vita basate sul buon senso e sulla scienza, corredate da testimonianze potentissime ed eclatanti raccolte in migliaia di anni presso tutte le comunità mondiali. Non c’è alcun bisogno di certificati di prudenza e di sostenibilità. Gli esami servono semmai ai mangiatori di cadaverina e di cibo devitalizzato, che porta non solo a scompensi di tipo fisico, ma anche di tipo mentale, estetico e spirituale. Il sistema vegetariano-vegano, corredato da una normale componente igienistico-naturale, è garanzia di equilibrio, di salute e di benessere per ogni essere umano, in ogni circostanza ed in ogni età. Quello di cui ognuno ha bisogno è semplicemente alimentarsi a sazietà con alimenti freschi, variati e graditi alla mente, al cuore, alla vista, al palato e alla digestione, stando alla larga il più possibile da prodotti animali che aggravano ed allungano le fatiche digestive, acidificando il sangue e mettendo a dura prova la nostra struttura biochimica spiccatamente vegetariana. I pericoli di carenza esistono di sicuro ma riguardano proprio i consumatori abituali di proteine e di grassi animali. 

IL CRUDISMO TENDENZIALE VA DIFESO STRENUAMENTE

C'è gente che si ostina a criticare il crudismo capendoci poco e niente. Crudismo vuol dire riabbracciare uno stile di vita naturale, riacquistare armonia con la terra, disintossicarsi dai cibi industriali, dai cibi lavorati e falsamente arricchiti. La cottura il più delle volte danneggia e perverte le proprietà alimentari, distruggendo vitamine e enzimi, trasformando i lipidi in acidi grassi trans, tramutando i minerali organicati in minerali inorganici. È risaputo poi che, oltre i 120°C, si forma l'acrilamide, micidiale nemico del fegato. Patate, legumi, cereali, paste alimentari, funghi e vegetali amidacei duri tipo verze, broccoli, topinambur, rape, si prestano sicuramente a qualche forma di cottura, a patto di non andare oltre certi limiti di temperatura e di durata. Chiaro che pentole a pressione e forni a microonde sono vietati. Chiaro che la macrobiotica è una scelta perdente, basandosi tutta sul cotto. Chi conosce i valori alimentari espressi dalla scala Simoneton, sa benissimo che il crudismo esalta le qualità vibrazionali e radianti degli alimenti mantenendoli ben al di sopra del limite di sicurezza di 6500 Angstrom.

UNA QUESTIONE DI BILANCIO CALORICO E NON PROTEICO

Chi la mette poi sul piano del bilancio proteico quotidiano dimostra davvero di essere a corto di argomenti. Non esiste alcuna dieta al mondo capace di causare carenze proteiche. Le carenze possono essere vitaminiche, enzimatiche, minerali, ormonali e caloriche. Mi spiace per nutrizionisti quotati come il medico alimentarista Luca Speciani e per la biologa nutrizionista Sara Cordara, citati sulla rivista di regime StarBene, ma li trovo sguarniti ed obsoleti in fatto di nutrizione nonostante il loro brillante palmares. Il vero pericolo in realtà rimane quello di scivolare nell’eccesso proteico e nell'acidosi andando oltre il tetto dei 24gr al giorno. 

I DATI UFFICIALI PARLANO CHIARO

I dati dell’USDA (US Dept. of Agricolture) e della quotatissima nutrizionista e prof americana Marion Nestlé, President del Department of Nutrition alla New York University nonché responsabile delle diete per le grandi catene alberghiere tipo HIlton, Hyatt, Intercontinental, parlano chiaro (vedi www.michaelbluejay.com/veg/protein.html). Se c'è qualcosa da dire sulle proteine questo riguarda i loro pericoli. Ottenere sufficienti proteine si riduce pertanto ad una banale assunzione di sufficienti calorie. Quanto poi al ricorso ad insetti, formiche, cavallette, millepiedi, alle meduse o addirittura a farine di grillo o creme di ragni e scorpioni bisogna mettere in conto anche il disgusto ed il voltastomaco, visto che il cibo non è fatto solo di valori nutrizionali. Al contrario esso risveglia ed accende sensazioni, esso evoca immagini. È per questo che la carne in genere non è solo una questione di proteine, ma una questione etica ed estetica, una questione di sapori insopportabili, di sangue, una questione di odori di morte, una questione di paure, pianti e gridi di povere creature massacrate tra le mura infelici dei macelli.

Valdo Vaccaro

*****

SECONDA PARTE

UNA STRANA CONCATENAZIONE DI EVENTI


PAROLE COME MACIGNI

Ho scoperto che tutta la faccenda non è un semplice malinteso o un inghippo burocratico, ma piuttosto una trama ordita alla mia persona e al movimento. Le parole sono necessariamente pesanti come macigni. Ho un'ambizione del tutto speciale. Non sono qui a fare uno show ma a incidere ed a lasciare il segno. Vi voglio impegnare ed affaticare in questa ultima mezz’ora che ci rimane. Prendetelo pure come un corso sintetico di Health Science dal vivo. Health Science vivace, attiva ma anche perseguitata in varie forme. Premetto però una cosa basilare. Ribadisco che non ce l'ho contro la persona dei medici. Parlo infatti a difesa e rispetto dei medici naturalisti ed olistici. Sono loro amico e sono amico della medicina trasparente. Questo sia ben chiaro. Ribadisco pure il mio rispetto per le Forze dell'Ordine, soprattutto quando si muovono a caccia dei veri malfattori in circolazione. 
Non ho mai sottovalutato la loro importanza. Non sono un sobillatore. Guai se non ci fossero. So benissimo dei loro rischi e dei loro eroismi quotidiani.

ACQUE CHETE ED ACQUE TEMPESTOSE

Sono stato consigliato da più parti, anche dagli amici più sinceri, di non reagire, di mantenere le acque chete. L'ho fatto per giorni, settimane e mesi, anche se con scarsa convinzione. Mi si chiede di aver fiducia nella legge e negli uomini preposti a farla rispettare, nella magistratura. Se avevo un minimo di fiducia, alla luce dei fatti essa si è in gran parte dissolta.

ORDINE COSTITUITO E ORDINE NON-COSTITUITO

Forze dell'Ordine o del Disordine? Forze dell'Ordine Costituito, cioè dell'Ordine Esistente che è spesso uno pseudo-ordine, un ordine di comodo e di facciata. Crimine e delinquenza vanno perseguiti duramente, ma quando ci si scaglia e ci si accanisce ciecamente contro chi ha la coscienza a posto, cade e si sbriciola l'intera impalcatura. Giustizia, leggi, codici, procuratori, governo, ministri, parlamento, presidente, diventano manovalanza burocratica al servizio di qualcosa e di qualcuno, al servizio di chi tira davvero le fila, al servizio di una Delinquenza Superiore capace di sborsare danaro e di dettare la Legge del Più Forte. Delinquenza Superiore che viaggia attraverso certe Ambasciate e certe Multinazionali, attraverso i media, attraverso le maglie e gli intrighi del potere costituito. Vorrei poter contare sulle Forze dell'Ordine Non Costituito, quell'ordine che è vero, pulito, autentico e trasparente. Ma esse non esistono, non contano, non ricevono stipendi, promozioni ed onorificenze.

UNA PRESA IN GIRO DELLA GIUSTIZIA

Come faccio a credere nella giustizia? È forse giusto quello che sta accadendo a me e alla mia famiglia? Ogni giorno che passa la rabbia interna ribolle e si moltiplica. Organizzare in pieno stile militare un blitz contro le persone più pacifiche e positive è il simbolo dell'ingiustizia e della dabbenaggine ai massimi livelli. È qualcosa che non sta né in cielo né in terra. Errore madornale di valutazione? Molto peggio. Può succedere anche ai migliori di prendere un granchio colossale. Ma qui si tratta di una stortura e di una aberrazione che qualcuno dovrà pur pagare. Danni materiali e morali di enorme portata e rilevanza.

RIABILITAZIONE IMMEDIATA E NIENTE TEMPI LUNGHI

Questo assalto è un fatto sconvolgente sullo stile di Enzo Tortora, fatte le debite proporzioni. Oppure va guardato come un teatro delle marionette che sconfina nell'assurdo, nel ridicolo e nella tragicommedia. Qui si tende a tirarla per le lunghe, in linea con le pessime abitudini giudiziarie dello stat italiano. Non mi interessa una riabilitazione tardiva a posteriori. Pretendo giustizia e riparazione per direttissima, com'è giusto che sia. Ho già chiesto ai miei avvocati grinta e verve difensiva al massimo grado, e non atteggiamenti remissivi o troppo diplomatici.

GUARDIE E LADRI

I ladri, per entrare nelle case ed attuare una flagrante violazione di domicilio, usano piedi di porco, grimaldelli, chiavi false ed utensili da scasso. Le forze dell’ordine no. Gli basta un foglio di carta, un decreto dei superiori per fare un blitz, per compiere un’irruzione e mettere sotto sopra la tua residenza, per sequestrare le cose ed i documenti che esse ritengono opportuni, per spiarti, forse per applicare delle cimici, per etichettarti come indagato a piede libero, per demolirti, silenziarti ed incastrarti. 

UN CHIARO SCHEMA PERSECUTORIO

1) Carabinieri e polizia comunale, carabinieri NAS e carabinieri Belle Arti con 5 vetture ed oltre una decina tra marescialli, capitani ed esperti. 2) Mandati da chi ed al servizio di chi? Mandati dal sostituto procuratore della Repubblica con sede a Pordenone. 3) Su denuncia di chi? Delle iene, di Mediaset e di Nadia Toffa. 4) Chi ha sovvenzionato le Iene? Mediaset berlusconiana e Iene al servizio di chi? Al servizio, in questa circostanza, di una signora che vive a Milano, che ha un suo blog su Facebook con nome falso, che gode di ottime entrature in Roma e che lavora per conto di una nota e potente multinazionale farmaceutica. 5) Ma chi dà credito, supporto ed impunità a questi briganti e a questi costruttori di tranelli? Il Ministero della Salute, il governo attraverso i suoi apparati di intervento. Le banconote, fino prova contraria comprano tutto. Questa è purtroppo la vera legge in vigore in codesto bel paese.

UNA CADUTA DI QUALITÀ DI PROPORZIONI CATASTROFICHE

Nulla ho contro le genti italiche, anche perché sarebbe sciocco e autolesionista, visto che ne faccio parte integrale al pari dei miei stessi antenati e dei miei due figli. Sono però costretto a rilevare che vivo in una nazione che sta davvero scivolando nei bassi fondi e nello scempio morale e materiale.
Quale distanza e quale abissale differenza dalla nostra Roma antica esemplarmente pulita e salubre, capace di insegnare al mondo intero con le sue undicimila terme, con i suoi grandiosi acquedotti, con le sue fontane, con i suoi stadi, con le sue indistruttibili arterie, coi suoi ponti sul Danubio e perché no coi suoi vespasiani. Ma anche col suo linguaggio essenziale, privo di articoli ed orpelli, coi suoi codici intrisi di saggezza, coi suoi seicento anni consecutivi senza medicine e rigoroso divieto di cure e di pratiche mediche al di fuori dei bendaggi e della chirurgia di emergenza. Roma antica simboleggiata dal cavolo crudo e dalle proverbiali condizioni di salute fisica e mentale, dal mitico Mens Sana in Corpore Sano.

CRITERI DI CIVILTÀ

Un paese non è civile quando vince alcune medaglie in più alle olimpiadi o quando colloca meglio il pallone nella rete della squadra avversaria. Un paese è civile a determinate condizioni. È civile nella misura in cui sa capitalizzare le sue grandi eredità culturali e il suo radioso passato. È civile nella misura in cui sa garantire lavoro equamente compensato alla sua gioventù, evitando che essa diventi la più disoccupata, la più delusa, la più alta consumatrice di fumo, bevande alcoliche e spinelli di tutta Europa. È civile nella misura in cui difende e protegge a spada tratta i suoi cittadini onesti ed i suoi ospiti graditi che vivono o transitano nel suo territorio. 

PULIZIA DENTRO E FUORI

Un paese è civile nella misura in cui possiede e mantiene puliti, liberi e gratuiti servizi igienici negli ambienti pubblici, nelle stazioni, nei treni e nei bus a lunga percorrenza. Ma nulla di tutto questo avviene. Sono arrivato a Fermo da Udine con servizi sigillati e fuori servizio, con una toilette funzionante ogni 4 o 5 carrozze. Treni odierni dove non si può respirare aria esterna e non ci si può liberare delle proprie scorie fisiologiche. Treni inventati apposta per distogliere e scoraggiare la gente a mangiarsi una fetta d’anguria, un grappolo d’uva o un succo fresco d’agrumi. Treni inventati per trasformare tutti in campioni di stitichezza, per invogliare verso le piadine al salame, alla mortadella ed al prosciutto, ed anche per spingere verso il caffè, cole, aspirine, integratori ed in particolare verso le prelibatezze McDonalds-Cremonini. 

LAURA DI NON SCEMENZA

Questo paese si sta rivelando profondamente illiberale ed antidemocratico, profondamente ignorante e sottosviluppato culturalmente nelle sue istituzioni, profondamente colonizzato e colluso nel settore medico-farmaceutico. Sia per lo Stato che per le sue leggi, tutta la gente pare scema ed incapace di intendere e volere in tema di salute, salvo che non abbia un certificato di Non Scemenza, ovvero una laurea, una rigorosa laurea in medicina.

PREROGATIVE DEL MEDICO

Solo il medico può permettersi certe cose. Solo il medico può dire, fare e disfare e sperimentare a suo piacimento. Solo il medico può uccidere a norma di legge. Solo lui può millantare guarigioni che sono pseudo-guarigioni, può lanciare proclami, controllare i media ed imporre i suoi diktat, le sue minacce, le sue paure e i suoi ricatti. Non qualsiasi medico sia ben chiaro. Solo il medico obbediente, inquadrato, inserito, possiede ampi poteri. Il medico trasparente che si azzarda a muoversi contro corrente, e a rivelare quanto sa, viene osteggiato, ostacolato, dissuaso e poi radiato.

TERRORISMO E MARTELLAMENTO MEDIATICO

Cosa sa fare di meglio e di più questo tipo di medicina delle meraviglie? Questa medicina mediocre, goffa e monatta? Sa spaventare a livello mediatico. Sa ripresentare alla ribalta i lazzaretti e i contagi del più oscuro Medioevo. Sa ignorare la fustigatrice dei medicastri, la dr. Florence Nightingale, per la quale il contagio è il rifugio delle menti mediocri, fragili e deboli di una medicina bislacca, sviante e diseducativa. Questa medicina sa bistrattare l’unico medico competente che esiste. Un medico che non ha laurea in medicina e se ne ride di essa e di tutte le incongruenze che ne derivano. Un medico che non sbaglia mai, un medico che si chiama sistema di autoguarigione interna o sistema immunitario, appartenente agli strumenti basi di Madre Natura. 

AVE MARIA E PATER NOSTER

Come il Cristianesimo alla fine si ritrova sintetizzato in due preghiere standard tipo l'Ave Maria e Padre Nostro, inculcateci negli anni giovanili dell’imprinting e della massima ricettività, così vorrei chiedere a voi tutti di ridiventare a voi tutti per 10 minuti almeno bambini ricettivi e capaci di riciclarvi, di fare piazza pulita e tabula rasa di ogni scemenza, di ogni balordaggine, di ogni dogma installato nella vostra mente per anni e anni di imbambolamento e di ipnotizzazione medica, di potere medico planetario esclusivo e monopolista. Questa richiesta vale particolarmente per chi, pur interessato alla scuola igienistica naturale, la guarda tuttora con qualche dubbio e qualche perplessità, quasi si trattasse di una disciplina logica ed attraente si, ma ciò nonostante estranea, fumosa, improbabile, impraticabile ed utopistica. 

PROVE INEQUIVOCABILI DELL’INCOMPETENZA MEDICA

A tutti voi offro un quadretto sintetico, efficace, comprensibile e non prolisso. Un quadretto da incollare nel cervello e nel cuore, ma anche sulla prima pagina dell’agenda e sulla porta della vostra camera da letto. La prova eclatante che tutta la medicina ufficiale e convenzionale al potere è falsa e fallimentare dalla A alla Z al di fuori dalle autentiche emergenze? Esiste! Non solo i suoi risultati che stanno sotto gli occhi di tutti (mai tanti malati nella storia, mai tante statistiche allarmanti, con un numero di vittime iatrogene maggiore di quelle delle guerre mondiali e di tutti gli incidenti stradali messi assieme), ma il suo stesso metodo e le sue stesse premesse ideologiche e culturali che sono assurde e prive di fondamento.

QUADRO-BASE DELLA SUPERIORITÀ IGIENISTICA

Ogni curomania medica (allopatica, omeopatica e sintomatologica) viene infatti attuata contro il sintomo e mai contro i fattori causanti, e pertanto con la benda calata sugli occhi di chi la pratica.
Ogni intervento invasivo ed ogni intervento medicale sono alla fine autentici insulti alle leggi ed ai principi di Madre Natura. Insulti a che cosa esattamente? 1) Insulto al fatto che abbiamo un corpo autoguarente purché messo nelle opportune condizioni materiali e spirituali per farlo. 2) Al fatto che il corpo non va mai contro se stesso, essendo health programma and health oriented. 3) Al fatto che ogni malattia segue un filo logico e intelligente, per cui insorge solo quando serve e dura solo finché necessario. 4) Al fatto che la Natura opera in armonia ed accordo a leggi drasticamente precise, verificabili ed osservabili. 5) Al fatto che la salute esiste solo quando tutte le sue funzioni sono propriamente coordinate da un fattore organizzativo naturale, visto che il corpo è unità integrale funzionante non a compartimenti stagni. 6) Al fatto che la natura tende sempre a produrre equilibrio e mai disordine. 7) Al fatto che il terreno è tutto ed il microbo è niente. 8) Al fatto che la malattia è amica e non nemica, è uno scarico veleni, un ammonimento per cambiare ed una tappa del percorso guaritivo. 9) Al fatto che esiste sempre e solo una causa di malattia che si manifesta sotto diverse forme. Non cardiopatia ma personalità ansiosa-cardipatica, non diabete ma personalità obesizzante-diabetica, non cancro ma personalità tossico-tumorale. 10) Al fatto che nessuno al mondo muore di infarto e di cancro ma tutti muoiono di sangue guasto, di sangue grasso, viscoso, lipo-tossico, non fluido e non scorrevole. 11) Al fatto che nessuna malattia uccide e che la causa mortis finale avviene per arresto cardiaco provocato, dove il cuore si ferma in quanto alimentato da carburante-schifezza, e non dal sangue fluido prodotto da digestioni semplici, veloci e complete. 12) Al fatto che saturazione acida ed impregnazione tossica del corpo e della mente comportano un deragliamento dalla normale funzionalità, un assottigliarsi ed un esaurirsi del margine di tolleranza ai veleni, e fanno da molla all’insorgenza di ogni patologia. 13) Al fatto che solo la pulizia interiore può guarire, niente altro che quella, mentre la sporcizia interna e l’ostruzione devitalizzante dell’individuo medio è qualcosa di inimmaginabile. 14) Al fatto che nessuno al mondo salterà mai fuori dal tunnel di qualsiasi sua patologia, banale come il raffreddore o complessa come il cancro, se non modificando radicalmente il suo Milieu Interieur, il suo ambiente biochimico.15) Al fatto che i veri medici sono per noi mente serena, riposo e moderazione nel mangiare. 16) Al fatto infine che Madre Natura è sovrana medicatrice di tutti i mali, Madre Natura e non il medico, e non il vaccino, e non l’integratore o il caffè, e non il bisturi se non nella vera emergenza.

IMPORTANTI INCONTRI A FERMO

In questo Vegan Festival ho incontrato persone di straordinario livello sia tra i relatori che tra gli organizzatori, ed anche tra il pubblico intervenuto. Gente preparata, motivata e dedicata alla causa. Alla fine di questo meeting esiste sicuramente qualche insidia. Frantumare le vecchie sicurezze comporta sempre qualche disagio. Alcuni potrebbero sentirsi confusi e frastornati, e potrebbero chiedersi quale campo scegliere. Sanità convenzionale o sanità igienista? Nutrizione alla Giorgio Calabrese o nutrizione secondo stile valdiano, ovvero secondo metodo vegan-crudista tendenziale, personalizzato, innocente, digeribile e sostenibile? Fiducia nei propri mezzi autoguaritivi o delega della propria salute e delle proprie sorti a persone col camice pronte a fare il buono e il cattivo tempo, strapazzando spesso il vostro fisico e il vostro morale, facendovi sentire non creature nobili, delicate e assistite da Madre Natura, ma corpi svalutati ed in balia da trattare sbrigativamente con asportazioni, aggiunge, restauri parziali e mai risolutivi a base di chimica, di accanimento terapeutico, di bisturi e di paura? Sentirsi autonomi e ricchi interiormente, o dominati invece dall’ipocondria indotta e dalla sensazione di essere costantemente malati?

NESSUNO AL MONDO GUARISCE

Sappiate che in ogni caso né il medico, né l’omeopata, né il macrobiotico, né il Bach, né l’igienista vi guariscono, e che nessuno al mondo possiede la bacchetta magica per farlo, per rimettervi in carreggiata. Nessuno all’infuori di voi stesso. È pertanto obbligatorio non credere a nessuno e non farsi mettere nel sacco da nessuno, neanche da me ovviamente, se non dopo aver studiato, rivoltato, comparato, ricomprato e messo alla prova quanto affermiamo e promulghiamo.

INUTILITÀ ED INAFFIDABILITÀ DEI TEST MEDICI

Sappiate che le prove del sangue, i prelievi, la varie scopie, le mammografie e gli innumerevoli esami medici di rito hanno valore molto relativo. Come se non bastasse, creano danni collaterali al pari dei farmaci. Se credete davvero ai test dovreste farne non uno ogni tanto, ogni 6 o 12 mesi, ma una serie continua di prove, entrando e uscendo dagli ambulatori in continuazione, in un tormento di ansia e di stress senza fine, esacerbando ed aggravando così le vostre eventuali condizioni critiche.

PRESTATE ASCOLTO A PADRE CORRADO SE AMATE LA CONOSCENZA GENUINA

Tra di noi, tra questo pubblico, c’è un uomo eccezionale, un caro amico venuto dal Brasile. Mi riferisco al prof Corrado Cantoni, medico sì ma non medicastro, abile chirurgo del Pronto Soccorso e dell’Emergenza, frate sì ma combattivo e determinato come solo gli autentici francescani doc sanno esserlo. Ditegli solo cosa mangiate e in cinque minuti vi esporrà per filo e per segno la vostra situazione interna e le vostre analisi, senza bisogno di strumenti.

SENTIRSI BENE CON VOI STESSI È DI CRUCIALE IMPORTANZA

Non sottoponetevi a test banali, inutili e non predittivi, mirati a giustificare cure mediche successive. L’unico test valido, affidabile e significativo sta nel sentirsi a proprio agio ed in piena efficienza e forma fisica-cerebrale-spirituale, coinvolgente corpo materiale, corpo eterico, corpo mentale, corpo astrale e corpo causale o anima, che è poi l’unico veicolo non mortale e soggetto a reincarnazione da percorso karmatico.

UN COFANETTO DI PREZIOSITÀ

Ricordatevi che avete già un importante privilegio. Due grammi di preparazione e di sana cultura igienijtico-naturale valgono più di due quintali di cure mediche sul sintomo. Quanto vi stiamo insegnando non è merce comune e scadente da supermercato, non chiacchiere da quatto soldi, non zavorra ideologica campata in aria, ma materiale specialissimo di grande e raro valore, di tradizione e di conferma ultramillenaria. Uno scrigno e un capitale da mettere a profitto e da moltiplicare. Un cofanetto di preziosi che, se utilizzato con fiducia e coerenza, cambierà la vostra vita e quella delle persone a voi vicine in qualcosa di diverso e di inimmaginabile.

Valdo Vaccaro

*****

Post Scriptum

Un neo in questo Fermo Forum lo devo segnalare. Avevo chiesto alle mie colleghe Elena e Lina di

portare al Festival un rifornimento del mio ultimo testo “Diabete”, visto l’interesse particolare che riveste tale argomento. Così è stato. Hanno preso l'auto alle 5 del mattino da Varese e sono giunte con spirito missionario a Fermo nel pomeriggio con un carico di 80 libri, esposti all'ingresso-sala. Ne hanno venduti solo 6 e sono tornate casa profondamente deluse, subendo tra l'altro un evidente danno economico. Probabilmente la ressa del dopo-conferenza mi ha impedito di dar loro una mano nella distribuzione., e di questo mi rammarico. Per il pubblico che si fosse distratto, ricordo che il testo può essere comunque richiesto e ottenuto inviando una prenotazione a info@hygeaedizioni.com

Nessun commento:

Posta un commento