Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

martedì 4 ottobre 2016

DOMANDE SULLA DIETA, SUL MUCO E SULL'OLIO DI COCCO


LETTERA

TUTTO PROCEDE ALLA GRANDE

Ciao Valdo, procede tutto alla grande grazie ai tuoi insegnamenti da ormai quasi quattro anni. Problemi di psoriasi e di micosi risolti per sempre. Non voglio rubare il tuo preziosissimo tempo, ma forse un paio di domande potrebbero aiutare anche gli altri.

CRUDO TUTTO IL GIORNO E UN PASTO DI COTTO ALLA SERA

In breve, a differenza della dieta valdiana preferisco mangiare crudo tutto il giorno e la sera un pasto cotto, sempre preceduto da tanto crudo. Mi trovo bene così anche perché se mangio qualcosa di cotto a pranzo non mi godo abbastanza la frutta del pomeriggio e cerco di cenare sempre verso le 20.

DOMANDA 1 SUL MUCO

Da tempo ormai, forse un anno o più, produco del muco che devo sputare, quasi sempre biancastro, solo alcune volte la mattina un po' giallastro. Non capisco a cosa sia dovuto, visto che la crisi eliminativa non dovrebbe durare così a lungo per quello che so. Considera che non fumo, assaggio socialmente del vino molto raramente. Qual'è il problema?

DOMANDA 2 SULL'OLIO DI COCCO DERMA-PROTETTIVO

A mare non uso protezione solare ovviamente, ma leggevo che l'olio di cocco può aiutare a nutrire la pelle e a non scottarti, per cui uso quello estratto a freddo. In effetti ho fatto la prova qualche volta e dopo tutta la giornata al mare, vivo al sud, sono super abbronzato e senza bruciacchiature. Ci sono controindicazioni? Lo uso anche come dopo sole. È giusto secondo te?

DOMANDA 3 SULL'OLIO DI COCCO IN CUCINA

C'è chi dice che l'olio di cocco extravergine anche se estratto a freddo, se usato in cucina è pessimo perché ha solo grassi e null'altro. So che non raggiunge alte temperature se cotto.

ESEMPIO DI MENU ESTIVO CHE APPLICO IN MODO VARIABILE

8.30 Colazione: due fettone di anguria, 10.30 spuntino: melone o ananas, 13.00: Insalatona di crudo gigante, seguita da semi oleosi, oppure estratti di verdura, o frullato di banane e fichi essiccati, 16.30/17: pesche o albicocca o susine o mirtilli o pere,19.30/20: crudo a volontà, cereali o legumi o patate, fagiolini ed altro ancora. Non mancano tutti i tipi di semi e sono sempre abbastanza attento alle combinazioni.

GRAZIE INFINITE PER LA TUA PAZIENZA E DISPONIBILITÀ, STAI FACENDO DEL BENE A TANTISSIMA GENTE.

Spero a presto.
Dario 

*****

RISPOSTA

DIETA VALDIANA PRIVA DI SCHEMI FISSI 

Ciao Dario. Per quanto riguarda la dieta Valdiana come tu la chiami, essa non è solo vegeto-crudista, tendenziale e sostenibile, ma è soprattutto personalizzabile, non fissa e non schematica, ligia al rispetto dei principi-base della leggerezza, della sobrietà, dell'innocenza massima possibile dei cibi prescelti, e soprattutto della digeribilità a bassi costi energetici. Pertanto nulla ho da obiettare sul sistema che hai scelto nella misura che essa funziona e ti soddisfa.

MUCO E DEPURAZIONE CONTINUA DEL SISTEMA

Per la domanda 1 sul muco giallastro, esso ha in genere origine dal sistema respiratorio bronchi-polmoni, spesso generato anche dal fumo attivo e passivo, oltre che da quello stradale e cittadino. Può anche trattarsi di fenomeno eliminativo, visto che la depurazione del corpo, con tanto di disincrostazioni, di scioglimenti e di espulsioni, non è affatto limitata nel tempo ma può prolungarsi anche a ondate successive sotto la regia instancabile del sistema immunitario. Del resto, il tuo piano alimentare crudista da mattina a sera, fa da grosso stimolo a una depurazione di tipo intensivo, per cui il fenomeno è assai normale e comprensibile.

COCCO OTTIMO COME BEVANDA E COME CREMA, MENO COME OLIO ALIMENTARE

Per la domanda numero 2 sul  cocco usato sulla pelle nulla da obiettare. Fa benissimo al pari della buccia di avocado. La tua esperienza diretta poi lo conferma appieno. L'esperienza diretta è quella che vale di più. La risposta alla domanda 3 sull'uso del cocco nell'alimentazione esistono posizioni assai contrastanti. Tutti d'accordo sulla salubrità straordinaria dell'acqua di cocco o del latte di cocco, specie di quello fresco reperibile nei paesi tropicali, ed anche della crema interna del cocco fresco a crudo. Quanto all'olio di cocco, pur essendo esso usato ampiamente da decenni, pare che sia meglio evitarlo, anche se non esiste unanimità di opinioni, come dicevo. Certo è che, nel regno vegetale, esso detiene il record di grassi saturi.

Valdo Vaccaro




Nessun commento:

Posta un commento