Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

sabato 1 ottobre 2016

RECUPERO DA SCLEROSI E DA FRATTURA FEMORALE SENZA CARNITINA SINTETICA


LETTERA

MALATA DI SCLEROSI DA OLTRE 20 ANNI

Buongiorno Valdo, spero che tu possa dimenticare presto la sensazione di impotenza provata nel subire l'irruzione delle forze dell'ordine. Sono nata nel 1954, malata di SM RR dal 1993, ho avuto una decina di ricadute e fortunatamente sono ancora autonoma. Ho sempre lavorato fino alla pensione. Le numerose testimonianze di guarigione dalla sclerosi multipla, mi hanno colpito, perché ero ormai rassegnata di avere una malattia degenerativa e inguaribile.

ROTTURA FEMORE DESTRO

Nel novembre 2012, in una delle numerose alzate notturne per raggiungere il bagno, ho avuto una caduta accidentale con rottura del femore destro. Sottoposta ad intervento chirurgico ortopedico ho un recupero lento e cammino con un sostegno monolaterale. Le testimonianze delle tue tesine, mi hanno dato speranza e voglia di guarire. Ho iniziato la dieta dello "Schema nutrizionale vegano tendenzialmente crudista" da 10 mesi.

LENTISSIMO RECUPERO MOTORIO E DEAMBULAZIONE DIFFICILE

Considerato il mio lentissimo recupero motorio, ho voluto avvalermi del parere di un medico ortopedico, il quale ha sottolineato che la mia deambulazione avviene con difficoltà a causa dell'insufficienza muscolare generalizzata. 

PARERE SUL CARNIFAST PLUS

Mi ha suggerito una terapia medica con integratori muscolari Carnifast Plus per un mese.
Sono a conoscenza che gli integratori non sono previsti nella dieta, e non vorrei che assumendoli, mi pregiudichino la guarigione. Cosa devo fare? Grazie per una tua risposta.
Daniela

*****

RISPOSTA

IMPORTANZA DEGLI ORMONI

Ciao Daniela. Se ingrassiamo o se rimaniamo snelli dipende sostanzialmente dagli ormoni. E questa è anche la chiave per il dimagrimento. Grazie ad un'assunzione mirata di alcuni amminoacidi, stimoliamo l'organismo a produrre in misura sufficiente gli ormoni per farci rimanere snelli naturalmente e in armonia con le necessità del nostro corpo. Un importante ormone che aiuta a mantenersi snelli è l'ormone della crescita (STH o somatotropina). Questo ormone viene prodotto durante il sonno, innalza la sintesi proteica e favorisce lo smaltimento del grasso. Le persone in sovrappeso sono caratterizzate da concentrazioni ridotte di STH, che spesso ostacolano la diminuzione del peso. Non è il tuo caso ma ne parlo per una migliore comprensione dei meccanismi.

CARNITINA COME BIOVETTORE DEGLI ACIDI GRASSI

Per la sintesi dell'ormone della crescita, sono necessarie anche le vitamina B6, B9, B12, e lo zinco.
La carenza di uno solo degli elementi sopracitati può comportare una biosintesi limitata. Le ricerche hanno evidenziato che in caso di obesità è probabile che ci sia anche carenza di carnitina. La carnitina è un biovettore (elemento di trasporto) che viene sintetizzato nel fegato e, allo stadio preliminare nei reni, dagli amminoacidi essenziali lisina e metionina. Essa ha la funzione di molecola vettore per il trasporto di acidi grassi a catena lunga attraverso la membrana interna dei mitocondri. Gli acidi grassi a catena lunga possono oltrepassare la membrana solo tramite un'esterificazione con carnitina, mentre gli acidi grassi a catena corta e media penetrano anche senza questo vettore, senza questa molecola proteica di trasporto.

BRUCIATURA DEI LIPIDI

La carnitina accelera il trasporto degli acidi grassi e li avvia alla combustione metabolica. L'organismo brucia i grassi invece di immagazzinarli. Grazie al suo effetto brucia grassi, questa sostanza viene utilizzata per la riduzione del peso corporeo e contrassegnata come Fatburner.
La carenza di uno solo degli elementi sopracitati può comportare una biosintesi limitata.

INTEGRATORE A BASE DI CARNITINA

L'integratore suggerito è ovviamente a base di carnitina, sostanza che si trova principalmente nelle carni rosse, ma anche in molti vegetali, e che serve a bruciare i grassi. Il fabbisogno minimo è di 54 micromoli per litro di sangue.

CAUSE DI CARENZA

La carnitina è un acido carbossilico, un aminoacido a catena corta che fu scoperto per la prima volta nella carne bovina e che ha attualmente molto successo tra gli sportivi. La carnitina viene sintetizzata nel corpo ma soltanto in presenza sufficiente ed equilibrata di vitamina B3, di vitamina B6 e di ferro, nonché di vitamina C, cofattore principale implicato nella sintesi stessa.

EFFETTI POSITIVI

La carnitina stimola la produzione di testosterone dati i suoi androgeni, favorisce la maturazione degli spermatozoi, riduce la fatica e la formazione di acido lattico nei muscoli, aumenta la massa muscolare, apporta beneficio al sistema nervoso e a chi soffre di Alzheimer, apporta beneficio al sistema cardiocircolatorio abbassando il colesterolo, la tachicadia, le lipoproteine causa di infarto al miocardio, e aumenta l'ossigenazione cellulare. Incrementa la massa magra a spese della massa grassa, per cui ha pure effetti dimagranti.

CONTROINDICAZIONI

Nella forma sintetica di integratore è spesso causa di crampi intestinali, gastriti, vomito e diarrea. Comporta anche disturbi a livello ematico favorendo le aggregazioni piastriniche. Può causare episodi convulsivi nelle persone epilettiche.

LA CARNITINA SI TROVA ANCHE NEI VEGETALI

Un buon apporto di carnitina, senza effetti collaterali, si ottiene anche tramite una coerente dieta vegetariana, evitando pertanto ogni integratore, prediligendo le specie vegetali contenenti carnitina. L'elenco è piuttosto ampio: carciofi, cavolini di Bruxelles, aglio, legumi, farina di avena, grano saraceno, asparagi, banane, broccoli, bietole, germe di grano, crusca, albicocche, semini, noci e frutta da guscio in genere, carrube, avocado, soia, germogli vari.

CONCLUSIONE

Ti sconsiglio pertanto l'integratore. Per accelerare il recupero funzionale occorre pazienza e coerenza nella progressiva rieducazione dell'arto. I tempi sono lunghi. Ogni recupero funzionale dura il tempo necessario. Per accorciare i tempi di recupero occorre massimizzare le condizioni di forma del corpo, occorre digerire bene, incrementare l'assunzione di verdure crude ben masticate, fluidificare il sangue, prendere sole, respirare bene ed applicare tutto il resto del pacchetto salute. Non esistono altre scorciatoie.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento