Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 4 novembre 2016

ATROFIA MULTISISTEMICA E STRATEGIE DI RECUPERO


LETTERA

DISPERATA PER LE CONDIZIONI DI MIO PADRE

Buonasera Dottore, Mi chiamo Valentina e sono una ragazza di La Spezia. Le scrivo in quanto sono veramente disperata per le condizioni di mio padre. Ha 56 anni ed è dal 2009 che sono apparsi i primi sintomi. Inizialmente, quando si alzava dal divano andava all'indietro. I diversi neurologi che lo hanno visitato, veri e propri luminari, ci dicevano che era colpa del suo lavoro pesante ed usurante di muratore.

INUTILE INTERVENTO PER MIELOPATIA CERVICALE, E SUCCESSIVA DIAGNOSI DI ATROFIA MULTISISTEMICA

Per farla breve è stato operato inutilmente da una mielopatia cervicale. Purtroppo, la sintomatologia non mi convinceva, in quanto notavo della disartria ora marcata. Da lì sono partite tutte le indagini in piena autonomia, senza l'aiuto di nessuno. È bruttissimo che il medico di famiglia non ti sappia indirizzare. Le risultanze sono state che è affetto da atrofia multisistemica o meglio Msa C diagnosticata al Besta di Milano e riconfermata a Pisa.

RAPIDI PEGGIORAMENTI

Debbo fare un passo indietro. Prima della malattia, mio padre da adulto ha preso la parotite, morbillo e varicella. Non so se può essere utile ai fini valutativi. Le sue condizioni stanno peggiorando molto rapidamente in questo ultimo periodo. Ormai cammina a stento, i suoi sonni sono sempre agitati.
Soffre di scoordinazione, perdita equilibrio e stitichezza. Fortunatamente il suo sfintere e la vescica, a parte sporadiche occasioni, non gli danno grandi problematiche d'incontinenza.

NON MI POSSO RASSEGNARE A PERDERLO

Ho provato, dato che non ci sono cure, a farle le iniezioni di Vitamina B1. Diciamo che l'unica cosa denotata, è la minore rigidità a suo dire. Vorrei provare con q10 e ginko biloba, ma vorrei prima chiedere il suo parere. Non mi posso rassegnare a perderlo così, senza fare niente.

SONO CONFUSA E DISORIENTATA

È assurdo, peggio di un tumore. Con il cancro ci combatti e a volte vinci pure la battaglia, ma con queste malattie, hai già perso in partenza, non avendo armi. Possibile che io non possa fare proprio niente? Ho sentito parlare di nucuma, curcuma, terapie omeopatiche. Sono più che confusa. Potrebbe aiutarmi dottore? La ringrazio per la cortese attenzione.
Valentina

*****

RISPOSTA

NIENTE FARMACI NÉ RIMEDI MIRACOLOSI

Ciao Valentina. Scusami il pesante ritardo con cui ti rispondo, ma ho avuto una sere di problemi che hanno mandato in tilt l'intero sistema. Non penso che le iniezioni di B1 servano gran che. Ti consiglio di non cercare grandi rimedi miracolosi, ma di infondere a tuo padre maggiore fiducia in se stesso nonostante tutto. Non è affatto detto che tu lo debba perdere e che non si possa fare niente. Le armi rimediali esistono eccome. Prima cosa è stare alla larga dai farmaci.

STRATEGIA DI TIPO DEPURATIVO

Seconda cosa è procedere con una strategia di tipo depurativo, ricorrendo a una dieta digeribile e leggera, di tipo vegetariano-crudista tendenziale, sostenibile e personalizzata, basata molto su spremute, succhi, estratti, e frutta di stagione soprattutto nella mattinata. Servirà insomma una dieta vitale e vibrante, con alti valori sulla scala Simoneton. Oiettivo principale? Modificare la formula del sangue rendendolo più fluido. A pranzo e cena ci sarà un bel piatto di insalata cruda come esordio, seguita da un secondo piatto di patate, fagiolini, gnocchi di patate o di zucca, minestra di verdure, verdure cotte, e una manciata di mandorle e pinoli.

MOVIMENTO E VITAMINE NATURALI

Terzo punto è tenersi in movimento, respirare, prendere ogni raggio di sole possibile. L'assunzione di tiamina, o vitamina B1 naturale, si otterrà da germe di grano, semi di girasole, pinoli, semi di sesamo, miglio, pistacchi, riso integrale, castagne, patate, patate dolci, radicchio, tarassaco. Mangiare solo quando c'è un buon appetito. Mai sottovalutare il fatto che il corpo umano è un corpo autoguarente se diamo al paziente la fiducia e gli elementi base per il recupero, se gli permettiamo di smaltire le tossine interne, e di migliorare le condizioni operative del fegato e dei reni, nonché del sistema immunitario.

STUDIO DEL BLOG E APPLICAZIONE DEL NOSTRO PACCHETTO-SALUTE

Per il resto, allego in aggiunta la mia tesina "Atrofia multisistemica parkinsoniana e versione cerebellare", del 27/12/15. Sarà opportuno studiare costantemente il mio blog, sia per te che per tuo padre.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento