Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 17 novembre 2016

COLANGIOCARCINOMA AFFRONTATO CON METODI NATURALI


LETTERA

AMICO CON COLANGIOCARCINOMA DIAGNOSTICATO AD APRILE

Buongiorno Carissimo Valdo, seguo da una settimana un amico al quale è stato diagnosticato un colangiocarcinoma ad Aprile. La TC torace-addome del 03/11, dopo 4 cicli di CT con capecitabina per os, evidenziava multiple lesioni polmonari secondarie bilateralmente, multiple e grossolane, lesioni secondarie a livello di entrambi i lobi epatici, ascite in sede periepatica, perisplenica, lungo la doccia parietocolica dx e in scavo pelvico.

PURIFICAZIONE DEL SANGUE E RISPETTO RIGOROSO DEL PACCHETTO--SALUTE

Alla fine del colloquio, Alessandro dichiarava all'assistente medico di voler rifiutare la terapia propostagli (seconda linea di capecitabina) sostenedo di voler purificare il sangue da tutti i veleni !! un eroe Valdiano! Ora stiamo applicando i suoi preziosi e amorevoli consigli, rispettiamo le fasi circadiane, respiriamo in maniera corretta, facendo un regolare e leggero esercizio fisico, bagni di sole e alimentazione fruttariana crudista.

TISANE E CATAPLASMI

Abbiamo iniziato l'assunzione di tisane depurative del sangue, di radici e foglie di tarassaco freschissime, così come l'ortica, la salvia, la calendula e la piantaggine utilizzate per la tisana (alla quale aggiungiamo tre volte al giorno un cucchiaino di erbe svedesi autoprodotte, ricetta Maria Treben). Ho anche iniziato dei cataplasmi, alternando erbe svedesi a foglie di cavolo o verza. Stamane proverò le bucce di patata.

EVACUAZIONE E DRENAGGIO DI LIQUIDO ASCITICO VERSO L'ESTERNO

In data 16/11 Alessandro si sottoponeva a paracentesi (un litro e mezzo scarso in una ora circa).
Ora, credo fermamente che il ripristino delle funzionalità degli organi di Alessandro, fegato, dotti, reni ecc sia l'unica strada possibile, ma mi preoccupa questo liquido che al momento pare non infastidire troppo benché presente in abbondanza.

QUALCHE PREOCCUPAZIONE PER I TROPPI LIQUIDI IN VIA DI ASSUNZIONE

Leggevo dell'antialdosteronico, lei un dosaggio minimo in questa situazione di grave emergenza lo riterrebbe utile alle circostanze? Io nutro dubbi ma non sono in grado oggi di poter valutare al meglio.
Avrei pensato ad un digiuno con solo mele grattuggiate, tisane, e pochissimi succhi freschi selezionati, oltre a cataplasmi e radici di tarassaco. Mi preoccupano i troppi liquidi che assume.

MIGLIORAMENTO MENTALE E PREZIOSO SOSTEGNO FAMILIARE

Lo spirito di Alessandro è visibilmente migliorato, crede in ciò che fa e questo lo aiuterà nel suo percorso di salute. Inoltre ha una famiglia che lo ama e lo sostiene nelle sue difficili scelte quotidiane.
Approfitto dell'occasione per rinnovarle infinita stima per il suo lavoro e le sue battaglie verso i più deboli, e per ringraziarla anticipatamente, sarà un grande orgoglio averla come educatore (eh si mi sono iscritto 😊 ). Buona vita Valdo!
Marco B.

*****

RISPOSTA

STRAORDINARIO SPIRITO DI GRUPPO

Ciao Marco. Complimenti a te, ad Alessandro e alla sua famiglia per lo straordinario spirito di gruppo che state dimostrando, per la condivisione di metodi e di intenti naturali nel non facile ripristino della normalità. La fiducia e la perseveranza hanno in casi come questo un ruolo fondamentale.

PREFERIBILI I DIURETICI NATURALI

Quanto all'uso di antialdosteronici di sintesi, ti ricordo che in natura abbondano diuretici e drenanti innocenti ed efficaci come tarassaco, mirtillo, ortica, finocchio, carciofo, cavolino di Bruxelles, cavolo, carota, bietola, aglio, rapa, ravanello, crscione, melone, anguria, lattuga.

Valdo Vaccaro








Nessun commento:

Posta un commento