Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

mercoledì 16 novembre 2016

DIGIUNI PROLUNGATI E STRUMENTI DEPURATIVI DI CONTRASTO TUMORALE


LETTERA

PARERE SU DIGIUNO DI 40-42 GIORNI

Buongiorno Valdo, è da molto che seguo i Suoi articoli che trovo veramente dettagliati e interessanti.
Vorrei cortesemente se possibile un parere sul digiuno terapeutico (40/42 giorni). Cosa ne pensa? Molti dicono che funziona per affamare l'organismo e far sì che mangi le cellule malate, che vengono aggredite dopo che sono state aggredite quelle grasse. 

RIGUARDA MIA MADRE 

In una persona già magra si rischia l'anoressia? Scrivo per mia madre. Io sento che non c'è rischio di anoressia, ma lei dice che non se ne parla nemmeno. Lei si alimenta da anni in modo che ritiene adatto a lei (no al glutine, ad esempio), però usando proteine animali. Ora credo le stia abbandonando. 

SOSPETTO DI TUMORE

In caso di digiuno sarebbe consigliato farsi seguire da un medico igienista? Avrebbe qualche nominativo? Oppure basterebbe una dieta vegana o meglio crudista? La diagnosi non la sa ancora, ma si sospetta un tumore. Ringrazio in anticipo e saluto cordialmente
Valeria

*****

RISPOSTA

IMPARIAMO A PESCARE LE GIUSTE INFORMAZIONI

Ciao Valeria. Sul mio blog ci sono decine di articoli sull'argomento digiuno. Centinaia sull'argomento tumore. Il digiuno è un metodo depurativo importante ed efficace, ma da effettuare nei casi, nei modi e nei tempi giusti. Di sicuro non si parte normalmente con un digiuno di oltre un mese, ma semmai di 3 giorni o di una settimana, anche per farsi un minimo di esperienza, senza dover necessariamente ricorrere a una clinica igienistica adeguata, niente affatto semplice, facile ed economica da trovare.

ACCUMULAZIONI, INFIAMMAZIONI, INDURIMENTI E TUMORAZIONI

Accessi, tumori, sovra-crescite cellulari, cisti, noduli, indurimenti e simili non sono altro che accumulazioni di sostanze tossiche localizzate in determinata zona o zone del corpo. Accumulazioni che si manifestano con gonfiori ed infiammazioni dei tessuti circostanti e che sottintendono comunque una intossicazione generale dell'organismo.

LE ASPORTAZIONI NON SONO PER NIENTE LA GIUSTA RISPOSTA

Al contrario di quanto pensa e fa l'ideologia medica asportativa, esse richiedono secondo la Health Science un processo depurativo dell'organismo basato su un miglioramento radicale dell'ambiente biochimico interno, su un cambiamento della formula del sangue, sul puntare a scelte alimentari di tipo sobrio, vitale, digeribile, sulla adozione di un regime tendenzialmente vegan-vegetariano crudista di tipo sensato, sostenibile e personalizzato, condiviso ovviamente dal paziente. 

LA FASE DEPURATIVA RIMANE SEMPRE UN PROCESSO PRIORITARIO

Sia le soluzioni dietetiche di quel tipo, sia i cosiddetti semi-digiuni, sia i digiuni terapeutici brevi ed eventualmente ripetuti a distanza, o quelli più prolungati ed assistiti, comportano 1) Riduzione ponderale, 2) Rafforzamento reattività immunitaria, 3) Disincrostazione di depositi tossici vecchi e nuovi,  4) Incremento provvidenziale del ritmo metabolico e della espulsione delle scorie ostruttive interne (detriti cellulari o virus endogeni da fisiologica moria cellulare), 5) Autolisi, auto-distruzione, riassorbimento, o auto-cannibalismo e pertanto remissione naturale ed indotta degli eventuali tumori e simil-tumori sopra citati.

NESSUNO SCIUPI UN CENTESIMO A FAVORE DEI QUESTUANTI TELEVISIVI

Si continua da decenni a parlare di lotta ai tumori. Tutti i giorni si sentono in televisione piagnistei e questue in favore della ricerca sul cancro. Tutte cose che mai hanno servito e mai serviranno a un bel niente, fino a quando la medicina continuerà a seguire la strada fuorviante della lotta al sintomo tumorale e del mantenimento indisturbato dei fattori causanti. L'unico metodo valido rimane quello meno utilizzato, meno gradito, meno speculativo e meno redditizio, ossia il metodo della non cura e della non interferenza sui meccanismi autoguaritivi dell'organismo, ossia il metodo di lotta alla tumorosità e alla tendenza corporale a formare tumori.

LA MEDICINA RICERCA IL METODO MIGLIORE PER MANTENERE LA GENTE MALATA

La realtà è che la medicina, si ispiri essa ai magnificati metodi Veronesi, o anche a quelli alternativi riferiti ai vari Bonifacio, Di Bella, Simoncini ed altri ancora, cade e ricade nel medesimo errore e nella medesima testardaggine di ignorare un fatto fondamentale, e cioè che il corpo non è un disordinato e stupido assemblaggio di cellule, ma bensì un organismo sensibile ed intelligente, dotato di forza riequilibrante ed autoguarente interna.

SERVE IL CORAGGIO E L'UMILTÀ DI AMMETTERE LE PROPRIE GRAVISSIME COLPE

Quello che occorre è fare un atto di umiltà e riconoscere che si è sbagliato tutto e che tutto è da rifare e da rivedere. Che le esperienze negative, drammatiche ed allucinanti del passato sono da gettare e da aborrire, e che vanno intraprese con coraggio nuove strade intelligenti e rispettose una buona volta di Madre Natura Sovrana Medicatrice di Tutti i Mali, incluso i tumori e i simil-tumori.

RICERCHE UMANE SVIANTI, INUTILI, PRESUNTOUSE E DEFICIENTI

Le leggi di Madre Natura sono precise ed eterne, mentre le ricerche umane sono stabilmente presuntuose e deficienti. Pochi hanno la saggezza di riconoscere che "Ogni malattia insorge solo quando serve e dura solo finché necessario". Pochi hanno l'illuminazione e l'onestà di ammettere che nessuno al mondo muore di cardiopatia, di diabete, e di cancro, ma che tutti muoiono di sangue guasto e di sangue grasso, causato da abominevoli concetti alimentari, comportamentali e curativi.

TROPPE VITTIME PRECOCI SI RIVOLTANO NELLE RISPETTIVE TOMBE

Questo tipo di riconoscimenti la medicina non è disposta a fare. Sarebbe non solo la sua fine ingloriosa, ma anche una ammissione di colpa nei riguardi di milioni e milioni di persone morte in anticipo e tra mille atrocità che ingrossano i cimiteri del mondo, spesso con paradossali ringraziamenti nei riguardi dei loro stessi colposi o dolosi carnefici.

CONTRASTO ALIMENTARE AI TUMORI

Efficace contrasto ai tumori si attua comunque adottando una dieta vitale e vibrante ricca di spremute e di estratti verdi e colorati, assumendo bietole, carote, rape, sedani, spinaci, acetosa, cavoli, prezzemolo, mirtillo, ribes, melegrane, kiwi, cachi, papaia, manghi, ananas, uva, salvia, piantaggine, aglio, ravanelli, carciofi, finocchi, crescione, ortica, alghe, funghi freschi e secchi, tartufi, noci e pinoli, fagioli, ceci e lupini, riso e miglio e saraceno, semi di zucca-papavero-chia-sesamo-canapa-lino, fitolacca (asparago primaverile e radice invernale).

CONTRASTO COMPORTAMENTALE E MENTALE AI TUMORI

Qualche contrasto importante si attua applicando sulle parti infiammate cataplasmi di fango, foglie di cavolo e cipolla grattugiata. Decisivo contrasto si attua togliendo di circolazione, caffè, carni, latticini, zuccheri industriali, tabacco, cole, alimenti confezionati, farmaci, integratori sintetici, cibi e bevande spazzatura. Respirazione diaframmatica, aria pura, sole, movimento e riposo alternati sapientemente, clima rilassato e riposante, fiducia in se stessi completano il quadro interventistico della nostra Health Science.

Valdo Vaccaro









































Nessun commento:

Posta un commento