Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

venerdì 18 novembre 2016

DOLORI POSTUMI DA INTERVENTO A CISTI E TUNNEL CARPALE


LETTERA

RISOLTI I DISTURBI DI UNA MIA AMICA SENZA MEDICINE DI ALCUN TIPO

Buonasera dottor Valdo. Le sto scrivendo perché ha risolto il disturbo di una mia amica solo tramite l'alimentazione, senza l'aggiunta di altre medicine.

POSTUMI DA INTERVENTO A CISTI E TUNNEL CARPALE

Sono stata operata un anno e mezzo fa alla mano sinistra per il tunnel carpale e per via di una ciste. A distanza di 8 mesi ho iniziato ad avere dolori molto forti alla spalla e a volte molto fastidio nel punto della cicatrice. L'unica cosa che mi viene consigliata dall'ortopedico, è l'infiltrazione che comunque dopo 6 mesi perde qualsiasi efficacia. Lei cosa mi consiglia? Grazie.
Silvana

*****

RISPOSTA

AGENTI DIRETTI E INDIRETTI DI GUARIGIONE

Ciao Silvana. Occorre ricordare che l'alimentazione corretta, come anche del resto il semidigiuno e il digiuno, hanno sì grande importanza, ma non vanno letteralmente considerati agenti diretti di guarigione o agenti dotati di vera intelligenza rimediale, quanto piuttosto strumenti preziosi di aiuto ai veri agenti autoguaritivi che rimangono sempre e solo il medico interno che si avvale a sua volta del sistema immunitario, del sistema endocrino, del sangue fluido, del linfatico scorrevole, degli organi interni funzionanti.

GUARIGIONI FALSE, ILLUSORIE E TEMPORALI DEI FARMACI

I medicinali a loro volta non solo non guariscono mai da niente, ma interferiscono e danneggiano i citati mezzi autentici di autoguarigione. Quando il farmaco viene usato nei tempi giusti, nelle modalità giuste e nelle dosi giuste, può al massimo attenuare o inibire il sintomo dolorifico in via temporanea. Ma, essendo esso concepito e mirato esclusivamente al sintomo e mai al fattore causante, esso lascia indisturbato il proseguimento del processo riammalante, per cui i dolori prima o poi tendono a ripresentarsi, con l'aggravio inevitabile degli effetti collaterali.

INFILTRAZIONI DI CORTISONE E DI ACIDO IALURONICO

Nel caso specifico delle infltrazioni, la procedura si propone di ridurre il dolore articolare, ridurre l'infiammazione in corso, ridurre il gonfiore locale. Si fa ricorso a prodotti come cortisone, glucosamine, acido ialuronico e simili. Non mancano nuovi tentativi sperimentali con vitamina D, curcuma, flavonoidi.

EFFETTI A TEMPO IN VISTA DI INTERVENTO CHIRURGICO

Le infiltrazioni di cortisone o di acido ialuronico sono considerate le ultime prove terapeutiche prima di arrivare all'intervento chirurgico. Ovviamente l'azione sfiammante del cortisone determina quasi sempre un forte calo del dolore nel breve periodo, ma è sempre un effetto "a tempo". L'acido ialuronico per contro non manifesta subito dei risultati tangibili per il paziente. Le persone affette da diabete non vengono infiltrate poiché il cortisone innalza i valori glicemici.

DOLORI ALLA SPALLA

Le spalle sono molto delicate e sensibili. In genere le sofferenze derivano da processi artritici, da emiartrite, da periartrite, da calcificazioni. Fare giornalmente un minimo di movimento specifico e di riscaldamento della parte dolorante è sicuramente di aiuto.

DOLORI ALLA CICATRICE

La cicatrizzazione è il processo naturale di riparazione di tessuti lesionati che avviene grazie all’intensa formazione locale di vasi e all'apporto della proteina fibrina, tramite il processo di coagulazione del sangue e di sostanze nutritive per le cellule interessate. La cicatrizzazione è un processo complesso che prevede molteplici tappe biochimiche e che può presentare diverse alterazioni nel decorso, per eccesso (cicatrice ipertrofica e cheloide) o per difetto (cicatrice atrofica).
Dolori ed alterazioni a questo processo possono dipendere da impedimenti alla giusta irrorazione sanguigna. Vale pertanto anche qui l'attivazione del movimento nella zona specifica.

DEPURAZIONE DALLA TOSSIEMIA E DAGLI ACIDI URICI

Il consiglio che posso dare è quello di puntare a un miglioramento globale delle proprie condizioni di forma, mediante cibi digeribili, leggeri e vitali, capaci di rispettare le necessità depurative e funzionali del corpo. Si tratta principalmente di ridurre gli acidi urici accumulati.

LA REGOLA DI MADRE NATURA, IGNOTA ALLA MEDICINA, È CHE IL CORPO NON VA MAI CONTRO SE STESSO

A tali cibi saranno associati i giusti comportamenti in termini di pacchetto-salute, con sole, movimento, respirazione, riposo, sonno, movimentazione specifica muscoli e nervi delle parti doloranti, massaggi e manipolazioni esterne. A tutto questo si potranno associare cataplasmi esterni di fango termale, di foglie di cavolo e di cipolla grattugiata. La logica di questa scelta sta sempre nel fatto incontrovertibile e scientifico che il corpo, privo di disturbi e di interferenze, privo di bastoni tra le ruote, tende a fare il miglior uso possibile delle sue risorse autoguaritive.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento