Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 10 novembre 2016

PERDITE IMPROPRIE DI PESO E DI TONO MUSCOLARE


LETTERA

ECCESSO DI PERDITA PONDERALE

Egregio Dr. Vaccaro, dopo una dieta vegana accurata, che oggi è divenuta la nostra alimentazione, io e mio marito siamo dimagriti di ben 12 kg e 6 kg. rispettivamente. Non eravamo in sovrappeso, ma oggi siamo troppo magri. 

PROBLEMI INTESTINALI PER MIO MARITO

Mio marito ha adottato un regime vegano per problemi intestinali ed io lo ho seguito. Prima eravamo vegetariani. Abbiamo seguito e seguiamo i suoi consigli e nel contempo quelli di Carmelo Scaffidi. Mentre Vi ringraziamo, vorremmo chiedervi qualche consiglio per poter aumentare la nostra massa muscolare che è divenuta troppo gracile (si intravedono le ossa sulle spalle, il sedere è scomparso, le braccia sono magrissime). Mio marito pesava 72 kg alto 1,73. Ora pesa 56 kg.

VOGLIAMO RIDARE VIVACITÀ E TONO AI NOSTRI MUSCOLI

Io pesavo 54 alta 1,65. Ora peso 48 kg. Forse è necessario inserire alimenti vegani che possano ridare vivacità e massa ai nostri muscoli. Ci aiuti lei, suggerendoci quali possono essere.Mi scuso per il disturbo, ed in attesa la saluto cordialmente.
Aurora

*****

RISPOSTA

NON ESISTONO CONSIGLI MESCOLATI VISTO CHE OGNUNO DI NOI HA UNA SUA TESTA 

Ciao Aurora. Il vostro messaggio suona alquanto stonato ed improprio in tutta franchezza. Non manderei ringraziamenti a chi mi fa perdere peso senzanecessità di farlo. Non è corretto parlare poi di consigli misti, per quanto tu stia citando l'ottimo collega Scaffidi che è impegnato nella diffusione dei principi vegancrudisti ristretti. Questo per correttezza nei suoi confronti ed anche in quelli miei. 

SONO DA SEMPRE CONTRO OGNI SCHEMA ALIMENTARE FISSO E DOGMATICO, MENTRE VANNO RISPETTATE LE REGOLE ETICHE DEL MINOR DANNO POSSIBILE

Non mi risulta infatti di avervi incontrato e o di avervi suggerito personalmente un qualsiasi tipo di dieta, mentre sul blog in generale avverto tutti che gli schemi fissi e dogmatici non sono affatto l'ideale per nessuno, ma nascondono aberrazioni ed insidie. Questo sta chiaramente scritto sia nel mio blog che nelle mie 6000 ed oltre tesine.

VEGETO-CRUDISMO TENDENZIALE, SOSTENIBILE E PERSONALIZZATO

Evidentemente non mi leggete affatto e non avete per niente acquisito le mie raccomandazioni a favore di un vegetarian-crudismo che deve sempre essere tendenziale, sostenibile e personalizzato, vale a dire ritagliato e commisurato sulle esigenze individuali di ciascuno, visto che ognuno di noi è diverso ed unico, visto che ognuno di noi cambia in continuazione e ha esigenze diverse di giorno in giorno. Ognuno deve in effetti ascoltare attentamente il proprio corpo, i propri sensori di fame e di sete. 

COSTANTE EQUILIBRIO TRA ENTRATE ED USCITE

Determinante è per tutti il rispetto dei vari equilibri mineralvitaminici, idrici e calorici, per cui, affinché i conti quadrino occorre che tutti i giorni ci sia un equilibrio tra entrate e uscite, tra calorie acquisite ed assimilate e calorie consumate. Non approvo affatto il vostro sistema, qualunque sia il nome e l'etichetta che gli volete dare.

MAI CONFONDERE LA HEALTH SCENCE PER DIETA DIMAGRANTE

La scienza igienista non è una dieta e tanto meno è una dieta dimagrante. È un assieme di norme alimentari e comportamentali volte a migliorare la salute, l'equilibrio e il benessere, oltre che a mantenere il proprio peso-forma, senza perdere tono e massa muscolare. Seguire la Health Science significa apertura mentale e buonsenso, non schematismi appresi in modo improvviso e avventuroso, non rispettando e non ascoltando le proprie autentiche esigenze corporali. Seguire la Health Science significa rispettare il repertorio igienistico chiamato pacchetto-salute. Fare poi un discorso basato esclusivamente sul cibo è superficiale e riduttivo.

CONSIGLI RIMEDIALI A LIVELLO PRATICO

A livello pratico voi avete adottato un regime strettamente ipocalorico che vi ha portato a perdere del peso senza che ciò fosse necessario.  Il recupero-peso e il recupero muscolare si attua con un cambio di rotta e un incremento di apporto cibario variato ed inclusivo di quanto Madre Natura offre. Cibi freschi e vitali, patate e carote non irradiate, castagne, funghi, alghe, germogli, zucche, legumi, semini, frutta secca da guscio, avocado, banane, ananas, cereali integrali, ravanelli, rape e così via.
Se serve il piatto di pasta alle verdure o la pizza alle verdure lo si deve assumere. 

CIBI ANCHE COTTI E CONCENTRATI, PURCHÉ INNOCENTI E DIGERIBILI

Non devono mancare cibi cotti al vapore tipo cavolfiori, cime di rapa e cavoli di Bruxelles, minestrine di verdure, verdure saltate in padella, pane, polenta e quant'altro. Se serve l'uovo lo si mangia, se serve il formaggio lo si mangia, se serve la cozza o, al limite, il pesciolino di emergenza lo si mangia, sempre secondo gusti, necessità e situazione stagionale.

RISPETTO DEI PRINCIPI-BASE DELL'IGIENE NATURALE

I principi da rispettare sono precisi. Evitare ogni tipo di carne e ogni tipo di zuccheri industriali, evitare cibi e bevande spazzatura. Cibi digeribili nella giusta misura e nelle giuste combinazioni. Cibi il più possibile innocenti. Assorbimento di energia solare. Sonno rilassato. Camminate giornaliere e respirazione addominale.

Valdo Vaccaro


4 commenti:

Devis ha detto...

D'accordo con Valdo. Penso che il nocciolo della questione sia il passaggio dalla dieta vegetariana a quella vegana, con la conseguente estromissione di uova e latticini. Da onnivoro ho sempre avuto problemi di sovrappeso (toccai se non ricordo male i 103 Kg) che guarda caso si sono risolti quando approdai alla macrobiotica (cereali in chicchi, legumi, verdure, alghe, condimenti saporiti, un po' di pesce e poco altro). Quindi più niente latticini (salvo rarissime eccezioni) e boom, giù chili su chili fino a stabilizzarmi sui 75 kg per 1,81 m. Col vegancrudismo giù altri chili. Ora sono sui 70 e penso che siano pochi, ma per lo meno non ne perdo più. Nel mio caso penso che una delle cause che ha inciso pesantemente sulla perdita di peso sia stata la superficialità nel passaggio da una dieta composta sostanzialmente da cibi cotti ad una nuova tendente al crudismo.

Jonny Dalla ha detto...

Non capisco perché Valdo abbia cambiato rotta sul pesce. ....capisco che con il freddo magari un ovetto o un formaggio e un eccessiva magrezza, ogni tanto ci possa stare,ma cosa c'entrano i pesci ?

Devis ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Devis ha detto...

Per come la vedo io, le ragioni di questa sua "apertura" sono diverse. Credo che voglia andare incontro a tutti quei neo vegani che lamentano difficoltà ad adattarsi ad una dieta totalmente vegetale dopo molti anni di onnivorismo fortemente orientato sulle proteine animali. In certi casi, per favorire l'adattamento alla nuova dieta, sarebbe meglio una politica dei piccoli passi.

Posta un commento