Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 24 novembre 2016

PROSPETTIVE DI INTERVENTO INVASIVO ALLE TONSILLE


LETTERA

PROSPETTIVA DI COBLAZIONE RIDUTTIVA A TONSILLE ED ADENOIDI PER LA MIA BAMBINA DI 10 ANNI

Ciao Valdo, ti provo a disturbare per un supporto morale e soprattutto tecnico. Innanzitutto grazie per il lavoro straordinario che fai per tutte le persone desiderose di informarsi in modo corretto sull'alimentazione. Mi dispiace molto per la disavventura di qualche tempo fa e sono felice che tu sia ritornato operativo al 100%. Ora arrivo al dunque. Il problema è per mia figlia, a cui hanno prospettato l'operazione con la tecnica della coblazione per ridurre le dimensioni delle tonsille e delle adenoidi. La bambina ha 10 anni.

CONDIVIDO IL TUO CONCETTO DI NON OPERARE

Premetto che ho letto tutte le tesine sull'argomento e ti seguo da anni. Sono perfettamente in linea con il tuo pensiero di non operare. Ho letto anche tutti i libri che ho trovato sulle tonsille, ad opera di Calderoli e di Norman Walker, grazie ai tuoi suggerimenti.

ALIMENTAZIONE ONNIVORA E ALIMENTI CHE PIÙ INCIDONO

La bimba ha un'alimentazione onnivora. Ora le due domande che mi premono. Quali sono gli alimenti che più influiscono sulle tonsille (cioè sul sistema linfatico)? Direi latte e formaggi, carne e
salumi? Ci sono alimenti che influiscono di più? So e capisco che dovrebbe eliminare tutti questi cibi ma, momentaneamente, anche per resistenze familiari non ce la faccio. Vorrei comunque procedere per gradi, portandola verso un'alimentazione più sana.

RICHIESTA DI STUDI E DATI PIÙ AGGIORNATI

La seconda domanda riguarda gli studi di Calderoli. Ci sono studi più aggiornati rispetto agli anni 50-60? Ho cercato su pubmed ed altri siti ma non sono riuscito a trovare niente. Mi servirebbero per
ufficializzare la mia posizione con famiglia e pediatra/medico. So che gli elementi che ho in mano potrebbero già bastare ma molte persone (con la logica del camice) si fidano solo degli studi ufficiali. Se ci fossero studi più moderni sarebbero la ciliegina sulla torta. Ti ringrazio comunque tantissimo per il lavoro che fai e pur capendo molto bene l'impegni che hai e la mole di lavoro immane che hai spero in una tua risposta! A presto.
Francesco

*****

RISPOSTA

LE COSE GIUSTE NON SCADONO DI VALORE E DI IMPORTANZA

Ciao Francesco. Più che soppesare una soluzione in base alla data, serve valutare sulla logica e sui risultati. I concetti di Ippocrate, di Pitagora, di Parmenide, della Scuola Medica Salernitana, dei vari grandi medici come Paracelso, Kuhne, Claude Bernard e simili, restano scolpiti nella roccia e non hanno bisogno di essere ritoccati o aggiornati.

GARGARISMI ALL'ACQUA E SALE
Natura ed erboristica offrono tantissime soluzioni per alleviare i problemi alle tonsille. Acqua e sale in gargarismi rappresentano uno dei rimedi più antichi per alleviare le irritazioni alle tonsille, siano esse dovute a batteri, virus o eccesso di fumo attivo e passivo. Il sale attira a sé per osmosi i fluidi contenuti negli organismi cellulari, uccidendo o comunque limitando il proliferare di germi e batteri. L'acqua non va ovviamente bevuta, perché l'ingestione di acqua salata porterebbe a disidratazione.

PROPOLI

La propoli è un antibiotico naturale. ha un breve effetto anestetizzante per l'immediato sollievo delle tonsille infiammate. Le sue proprietà antibatteriche aiutano a superare le infezioni di lievi intensità, salvo che non ci siano allergie o intolleranze al miele. 

ACETO DI MELE E CIPOLLE

Aceto di mele e cipolle hanno precise proprietà antibatteriche e aiutano nel ridurre le infezioni del cavo orale. Diluiti in acqua valgono come gargarismi disinfettanti, anche se il sapore non è esattamente gradevole.

TISANA DI MALVA E FOGLIE DI MALVA FRESCA NELL'INSALATA O NELLE MINESTRE

La malva è utile per la protezione delle mucose, prevenendo l'ingresso di organismi indesiderati. Ha effetti lassativi.

FRUTTA, VERDURA, LIMONE, FICHI

Tutti gli alimenti ricchi di vitamine A e C aiutano la funzionalità e l'efficienza del sistema immunitario, e sono di grande aiuto ai tessuti depurativi e filtranti come per l'appunto tonsille ed adenoidi. Evitare invece carni e latticini, nonché zuccheri industriali, ed in particolare cibi e bevande spazzatura. Massimo rispetto dunque per ghiandole ed organi, soprattutto quelli coinvolti nella funzione immunitaria. Puntare tutto su digestioni leggere ed efficaci, su sangue fluido, su ambiente biologico favorevole.

Valdo Vaccaro

1 commento:

francesco ha detto...

Grazie!! Splendido come sempre!

Posta un commento