Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

sabato 19 novembre 2016

RIFLESSIONI SUL PROTRARSI DELLE MIE VICENDE


LETTERA

IL PROTRARSI DELLA TUA PERSONALE VICENDA MI FA RIFLETTERE

Colossale e sconfinato Valdo, probabilmente il protrarsi di questa tua personale vicenda mi fa pensare ad una cosa sola. I quintali di documenti, fascicoli e faldoni che ti hanno sequestrato, gli Hard Disk del computer e tutte le riviste e i volumi di Salute presenti a casa tua sono talmente interessanti e unici, che li stanno fotocopiando e analizzando uno ad uno.

C'È PIÙ DI QUALCUNO CHE NON CREDE AI SUOI OCCHI

Li stanno fotocopiando uno ad uno perché non credono ai loro occhi. Una sequela di testimonianze leali e schiette di persone date per spacciate e totalmente rinate. Un ritrovamento di conoscenza Igienistica unica al mondo. 

UNA SERIE INCREDIBILE DI GUARIGIONI VERE SENZA ALCUN FARMACO

Penso che il procuratore verrà di persona a casa tua per abbracciarti e congratularsi, per avergli permesso di conoscere questa incredibile serie di guarigioni vere e sincere senza la benché minima ombra di un farmaco. Non vedo altri motivi. Stai sereno e tranquillo. Un abbraccio forte,
Andrea Tassinari da Bologna

*****

RISPOSTA

VORREI CREDERE ANCH'IO ALLE BELLE FAVOLE

Ciao Andrea. Per fortuna che a questo mondo ci sono anche persone come te, dotate di infinita fiducia e di sconfinata positività. Persone che ipotizzano il verificarsi delle belle favole, dei riconoscimenti pubblici, dei pentimenti e dei rincrescimenti di chi ha commesso atti degni del Far West, più che di un paese civile. Vorrei davvero poter dire di aspettarmi autorità pubbliche trasparenti, informate, educate ed all'altezza dei loro compiti.

UN FARSESCO ARTICOLO DEL MESSAGGERO VENETO RENDE PERFETTAMENTE L'DEA DEI FINI PERSECUTORI IN ATTO

Figurati che, nei giorni scorsi, è apparso sul Messaggero Veneto di Udine un articolo dai contenuti falsati, ignobili ed arroganti che non esito a riportare qui di seguito. "Tricesimo, 4 Nov 2006. Nella sua abitazione di Tricesimo teneva illecitamente manufatti di terracotta e argilla di provenienza pugliese risalenti al periodo compreso tra il VII e il IV secolo avanti Cristo. Reperti unici, dal valore storico artistico inestimabile". Non è riportato il mio nome, ma questo criminale autore di azioni riprovevoli e possessore illecito di manufatti di terracotta sarei io.

RICOGNIZIONI AEREE E SCANDAGIAMENTI NELL'E-COMMERCE

L'articolo procede con altri dati generali ancora, quasi ad attenuare l'accentuazione su Tricesimo e su me medesimo. "Questo è solo uno dei sequestri effettuati negli ultimi tre mesi dal Nucleo dei carabinieri per la tutela del patrimonio culturale. I militari dell'Arma hanno setacciato, con una certa periodicità, le aree archeologiche della provincia, in particolare Aquileia, con ricognizioni aeree da parte del 14° Nucleo elicotteri carabinieri di Treviso. Non hanno lasciato nulla al caso scandagliando anche il mercato sommerso dell'e-commerce dove domanda e offerta spesso si incontrano a prezzi stracciati, abbordabili a chiunque. E da qui hanno fatto scattare le opportune verifiche".

REATI DI RICETTAZIONE

"Cinque le denunce complessive alla Procura della Repubblica. In particolare sono stati contestati l'articolo 176 (impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato), l'articolo 178 (contraffazione di opere d’arte), unitamente spesso al reato comune della ricettazione condannato dall'articolo 648 del codice penale".

DECINE DI MANUFATTI IN AVORIO

"Tra le altre operazioni condotte, oltre a quella di Tricesimo, c'è anche quella che riguarda una persona di Codroipo che teneva in casa un’anfora romana, in buono stato di conservazione, di provenienza adriatica, risalente al periodo tra il I secolo avanti Cristo e II secolo dopo Cristo. E poi c'è quella che ha portato, a seguito di un'altra perquisizione domiciliare, al rinvenimento e al sequestro di ceramiche di provenienza etrusca, frammenti di mosaico, tegole, vasellame in marmo e ceramiche di epoca romana oltre a decine di manufatti in avorio".

171 REPERTI CONSEGNATI AI FUNZIONARI DELLE BELLE ARTI

"Complessivamente a oggi sono 171 i reperti, di diversa natura, sequestrati e consegnati per gli opportuni esami ai funzionari della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia e a esperti dei diversi settori artistici. Il valore dei manufatti si aggira su svariate decine di migliaia di euro".

ACQUISTO DI COSE DI SOSPETTA PROVENIENZA

"I carabinieri del Nucleo per la tutela del patrimonio culturale lanciano un appello ai collezionisti.
Un acquisto troppo disinvolto sia su piattaforme commerciali che attraverso i privati -fanno sapere dal Comando di viale XXII Marzo a Udine- potrebbe comportare nei confronti dell'acquirente dei reati previsti anche dal codice penale, come il 712, ovvero l'acquisto di cose di sospetta provenienza". A una richiesta di giustificazione da parte degli organi investigativi potrebbe diventare poi molto ardua la difesa".

MONITORAGGI AEREI E SCAVI CLANDESTINI

"Tra i compiti del Nucleo specializzato dei carabinieri rientrano anche i monitoraggi aerei per la prevenzione e la repressione degli scavi clandestini, la verifica degli standard di sicurezza dei musei, archivi e biblioteche, il controllo dell'e–commerce e dei cataloghi di case d'asta e la tutela del paesaggio".

I PEGGIORI LADRI NON USANO CHIAVI FALSE E GRIMALDELLI, MA GLI BASTA UN VILE PEZZO DI CARTA

Nulla c'entra ovviamente con il sequestro di materiale igienistico, di computer e documenti. Ma voglio soltanto evidenziare il bullismo e il vantarsi assurdo ed immorale delle Forze dell'Ordine Costituito, trasformatesi qui nel mio caso in Forze del Disordine e della Sopraffazione, trasformatesi in Entità oggettivamente simil-criminali che, pur trattate con il massimo di buona educazione possibile, mancano di rispetto alla privacy individuale dei cittadini, si permettono di giudicare in anticipo secondo i loro personalissimi criteri, non credono alle spiegazioni apportate, ti assegnano liberamente etichette banditistiche e criminali e procedono a indiscriminati sequestri, gonfiandosi il petto per il loro eroismo, le loro bravate più che bravure e la loro competenza artistica, garanzia di lodi e promozioni di grado all'interno delle rispettive Armi.

UNA ODIOSA MONTATURA PUBBLICITARIA

Qui si parla di setacciamenti, di scandagliamenti, di ricognizioni aeree, di elicotteri, di ricettazione, di oggetti appartenenti allo stato, di azioni anti-crimine, di sospetta provenienza, di indagini e-commerce. Questa è una autentica montatura pubblicitaria, priva di capo e priva di coda. Non solo un prelevamento immotivato di oggetti posseduti da lungo tempo con tutti i crismi della massima trasparenza, ma anche i beffardi commenti di stampo giornalistico.

BLITZ ALLE 7 DEL MATTINO, CON CINICO ED IMPROPONIBILE INVITO A CERCARTI UN AVVOCATO

A chi mai la vogliono dare da bere e da intendere? Per quanto concerne il mio caso, che verte sostanzialmente sull'articolo riferito a Tricesimo, 4 novembre 2016, si è trattato di semplice e banale intrusione immotivata ed abusiva alle 7 del mattino, con una iniqua ed allucinante richiesta di sequestro documenti da parte di un Procuratore della attuale fetente e disonorata Repubblica Italiana. Nessun eroismo e nessuna fatica. "Chiami il suo avvocato se ha qualcosa contro il nostro accesso alla sua abitazione!" Alle sette del mattino. Se questo non è Far West, mi si dica come chiamarlo.

ZERO AVORIO IN CASA MIA OVVIAMENTE

Qui si parla poi, sempre mescolando le cose a piacere, di decine di oggetti in avorio. Zero oggetti d'avorio dalla mia casa, se non nella bacata fantasia di chi ha firmato l'articolo-calderone, e da chi lo ha ispirato. Da rilevare che porto avanti da anni una autentica battaglia culturale contro i criminali che maltrattano ed abbattono gli elefanti per fare statuette e immagini sacre o altre porcherie del genere. Da rilevare che non ho mai posseduto chiaramente alcun oggetto d'avorio in vita mia, né io, né la mia compagna, né tantomeno i miei figli, rigorosi almeno quanto me nella difesa coerente e ad oltranza dei diritti di tutte le creature che ci circondano.

ENCOMIABILI AGENTI DA UN LATO E RIPROVEVOLI CITTADINI DALL'ALTRO

Chi legge quell'articolo non può che vedere nei Nas gli encomiabili agenti che fanno mirabilmente il loro dovere, e in me, possessore di tali reperti, un riprovevole detentore illecito, sottolineo il termine illecito usato più volte a sproposito, di tesori artistici appartenenti al patrimonio della nazione, sottratti con ricettazione o altri metodi clandestini.

SPIEGHIAMO LA REALTÀ NUDA E CRUDA DEI FATTI

Quale è la realtà dei fatti? La mia casa ha sicuramente delle qualità. Ma è anche internamente disadorna e moderna nelle sue pareti interne. Non esiste in alcuna delle sue stanze un quadro che sia uno, non una statuetta e nulla di artistico in senso assoluto. Trenta anni fa, quando mi sposai e venni ad abitarci, persone che mi amano e che fanno parte stretta della mia famiglia, pensarono di privarsi di questi vasetti di terracotta antica per dare un tocco di valore interno alla mia abitazione. La prova di tutto questo sta nel mobile espositivo stesso che venne costruito nel 1985 su misura, proprio per ospitare tali reperti, da Imperio Comuzzi, un bravo falegname di Branco-Tavagnacco.

HO PROVE CONCRETE E PRECISE DI APPARTENENZA LEGALE E CONTINUATA ALLA MIA FAMIGLIA

Se fossi davvero un commerciante di reperti, un tombaiolo, o un detentore illecito, come dipinto nel menzognero ed infangante articolo del Messaggero Veneto, non avrei certamente mantenuto con cura ed affetto questi regali appartenenti, sia ben chiaro, da oltre mezzo secolo almeno alla mia famiglia, quando non esistevano regole restrittive e penalizzanti su questi oggetti. Li avrei eventualmente nascosti o li avrei ceduti furtivamente a qualcuno. No, sono rimasti al loro posto per oltre 30 anni. Ho dato puntualmente tutte le spiegazioni del caso e ho persino fatto parlare al telefono direttamente gli agenti con chi di persona me ne fece omaggio.

NOTIZIE FALSE E TENDENZIOSE FATTE CIRCOLARE SU QUOTIDIANO REGIONALE

Questo dare in pasto alla stampa notizie false, tendenziose, mescolate con altri casi generici che non conosco e non mi interessa di sapere, fa parte di sconsiderata forma di vanto e di arroganza professionale. Non forze dell'ordine che fanno il proprio dovere ma sequestratori abusivi con l'alibi e la protezione della legge. Furto non con scasso e grimaldelli ma con verbale di sequestro. Voglia deliberata di danneggiare l'immagine e la reputazione di un libero cittadino e di una libera famiglia italiana. Ho trasmesso chiaramente l'articolo al mio studio legale. Ma voglio pure far sentire la mia voce in pubblico, visto che la vicenda ha preso questo tipo di svolta, con travisamento dei fatti, con stravolgimento della realtà, con sovvertimento delle carte in tavola.

MASSIMO RISPETTO PER LE FORZE SANE DI QUESTO PAESE E PER I SUOI ABITANTI

Ho troppi amici tra le Forze dell'Ordine, amici di ogni ordine e grado, da giovani di inizio carriera, ad appuntati, a marescialli e a generali, per fare inutili contestazioni. Ho anche molti CC che mi seguono e che leggono i miei libri, e che mi riconoscono quando esco in strada e mi chiamano nei loro uffici a siglare Alimentazione Naturale o Storia dell'Igienismo o Diabete. Mi succede persino quando passo alla Questura di Udine a rinnovare il mio passaporto. Non vorrei mai sminuire la portata, i rischi e la provvidenzialità dei loro compiti. Queste controversie si riferiscono chiaramente alle circostanze presenti, ben delimitate e ben circoscritte.

FEDINA PENALE IMMACOLATA PRIVA DI SIGNIFICATO

Pare che in questo paese non conti nulla avere la fedina penale immacolata. Pare che avere tutta la famiglia nelle stesse condizioni di irreprensibile comportamento non abbia alcun significato. Pare che in questo paese nulla serva essere senza tessera malattia e senza malattia per oltre 70 anni Pare che in questo paese non conti nulla essere padre di famiglia con 4 persone che in 30 anni mai hanno usato, sciupato e dilapidato una singola lira o un singolo euro per farmaci, medicinali, vaccini e cure mediche, e nemmeno per libretti sanitari e per scelte di un medico di famiglia.

DUE RAGAZZI STUPENDI E SANI NON FANNO STORIA

Pare che in questo paese far crescere due ragazzi portandoli con le tue personali risorse uno a laurea in architettura e l'altro a diploma di perito ambientale, e soprattutto forgiandoli ed educandoli rigorosamente alla onestà, alla trasparenza, alla condizione di forma fisica e mentale, al rispetto e alla buona educazione civile e morale, non serva proprio a niente.

PRONTEZZA STATALE E COMUNALE NEL RISCUOTERE BALZELLI E TRIBUTI IN CONTINUAZIONE, SENZA CREARE OPPORTUNITÀ ECONOMICHE

Pare che in questo paese il diritto di essere rispettati, creduti e tutelati dalla stato sia una vuota ed illusoria chimera. Pare che in questo paese il non aver mai usufruito di fondi, di sussidi, di appoggi, di raccomandazioni, di stipendi, pagando regolarmente tutte le bollette, tutte le tasse previste, tutti i balzelli di un avido e dispendioso Comune di Tricesimo, che spreca danaro pubblico in sagre e fuochi artificiali e per contro non provvede nemmeno al collegamento idrico e alla sicurezza stradale della zona discriminata e dimenticata Oltre Morena, che è di sua stretta competenza, lasciando una quarantina di abitanti in balia di rifornimento idrico complesso e ultracaro via Tavagnacco, nonché in balia di un ingresso stradale ultra-rischioso, sia cosa normale ed accettabile.

DIFESA DELLA NATURA, PROPRIETÀ PRIVATA E CASA CONFORTEVOLE CONTANO BEN POCO

Pare che in questo paese difendere la natura, richiedere stop alla caccia autorizzata e di frodo intorno alle case, a salvaguardia degli abitanti e delle creature che si nascondono tra i cespugli, o favorire le camminate, le passeggiate in bicicletta e a cavallo, contro i rumori e l'inquinamento dei motocross dia fastidio e ti renda scomodo. Pare che in questo paese avere una propria casa accogliente, decorosa e confortevole, panoramica ed esposta al sole, ma senza concessioni al banale e al superfluo, sia un lusso sconsiderato. Pare che in questo paese il diritto di proprietà sia un optional illusorio e privo di senso, per cui stare in mezzo a quattro mura protette diventa non un merito ma una colpa.

DARE IL BUON ESEMPIO GENERA DISAPPROVAZIONE

Pare che in questo paese dare il buon esempio e fare il meglio per sé e per il prossimo e per la Natura siano cose prive di valore e prive di importanza. Pare che in questo paese ci si divida in 4 solo quando il terremoto o l'alluvione fanno crollare la casa fatiscente, o quando i tuoi allevamenti con macelleria a fianco vengono messi a rischio.

SIAMO OSPITI IN VIA TRANSITORIA

Alla fine di questa tiritera non voglio sollecitare la solidarietà teorica o pratica di nessuno. Mi ritengo tutto sommato persona fortunata e favorita dalla sorte, viste le troppe disgrazie-violenze-sofferenze cui ci è dato giornalmente di assistere, viste le difficoltà e i patimenti di chi sta ancora peggio. Siamo tutti da queste parti, intendo sul pianeta Terra, come ospiti in via precaria, temporanea e provvisoria. A ognuno il suo percorso ed il suo karma.

NIENTE AUREOLE MA HO LA COSCIENZA TRANQUILLA AVENDO SEMPRE CERCATO DI NON FARE DELIBERATAMENTE DEL MALE A NESSUNO

Mai ho preteso di mettermi o di meritarmi una aureola sul capo. Sono persona normalissima. Ho il grande privilegio di avere la coscienza tranquilla, nel senso che ho sempre cercato di fare del mio meglio, di danneggiare o sfruttare il meno possibile il mio prossimo, uomo, animale ed ambiente.

DUE RAGAZZI CHE SE NE STANNO ANDANDO

Le vicende che mi riguardano stanno in ogni caso lasciando profonde ferite nell'ambito famigliare. Ho due ragazzi scottati, delusi, disinamorati e disincantati che, nonostante il grande affetto per i genitori, nonostante i tanti amici ed estimatori che hanno, scalpitano. Scalpitano per lasciare questo paese, per andarsene il più lontano possibile. Uno ha già un biglietto aereo per l'Australia e l'altro sta pensando agli USA. Tutto e dovunque fuorché sotto l'egida del tricolore. Tutto fuorché restare in balia di uno Stato che si sta rivelando mediocre, incapace, corrotto, burocratico ed estremamente demotivante.

CONSIDERAZIONI FINALI SUL TRATTAMENTO RICEVUTO

Quando si parte con cattive e malevoli intenzioni nei riguardi di qualcuno, senza peritarsi nemmeno di chiedere informazioni e reputazione in Tavagnacco e dintorni, in Tricesimo e dintorni, a centinaia di cittadini compaesani che ti conoscono da una vita, a sindaci, a scuole frequentate, a università, a banche, a negozi, ad associazioni sportive, a chi mi assegnò 2 volte per 2 anni di seguito il primi premio per il miglior tema nelle Scuole del Triveneto sulla nascente Comunità Europea, allo stesso Messaggero Veneto presso il quale lavorai per 2 anni, alle diverse Aziende Italiane per le quali ho lavorato per anni.

VORREI DAVVERO POTER CREDERE ALLE FAVOLE, CARISSIMO ANDREA

Quando ci si muove sulla scorta di denunce anonime e di trame innescate da manovalanza criminale assoldata. Quando non si vogliono ascoltare le voci e le libere e spontanee testimonianze di centinaia di migliaia di persone che da ogni angolo del paese ti seguono con affetto, che altro ci si può attendere da questo regime balordo, ingrato e oggettivamente criminale?

Valdo Vaccaro



3 commenti:

Roberto Zibetti ha detto...

Carissimo Valdo,pensavi veramente che il tuo impegno puntuale e continuo non avrebbe a lungo andare scatenato un attacco frontale? Stai lottando con successo una guerra contro le grandi multinazionali farmaceutiche ed interessi economici stratosferici, Io se ti può' rincuorare ti ammiro e ti stimo profondamente, questo è' spesso il destino dei Grandi Uomini, da parte mia lancio un appello a tutto il blog SVEGLIA non possiamo stare fermi ad osservare, facciamo sentire la nostra voce. Come? Non lo so mi aspetto idee e prese di posizione concrete. Questo è' il mio appello a tutti voi...NON LASCIAMOLO SOLO!!! con ammirazione Roberto zibetti (BG)

Francesco paris ha detto...

Aggiungerei che stai lottando utilizzando una casella mail e un blog. Fantastico.

Devis ha detto...

Il quadro è desolante. Sfogo più che giustificato quello di Valdo. Poco da dire, se non di augurargli momenti di serenità nonostante tutto. E che si risolvano al più presto le sue noie con la giustizia. Forza Valdo!!!

Posta un commento